Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Il volto del neo ministro della Difesa Elisabetta Trenta: dalla guerra per esportare la democrazia agli affari privati nelle zone occupate

    Il volto del neo ministro della Difesa Elisabetta Trenta: dalla guerra per esportare la democrazia agli affari privati nelle zone occupate

    vista la sua lunga esperienza nei paesi in cui abbiamo “esportato la democrazia” con la guerra, il riferimento alla democrazia partecipata assomiglia più ad un suo uso strumentale per ottenere una legittimazione puramente esteriore o ad un consenso artificiale
    6 giugno 2018 - Rossana De Simone
  • Siria, cercasi un nuovo Stanislav Petrov

    Siria, cercasi un nuovo Stanislav Petrov

    “Sono convinto che oggi il settore R&S (ricerca e sviluppo) della nonviolenza debba fare grandi passi avanti” (Alexander Langer 1991)
    13 aprile 2018 - Alessio Di Florio
  • Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace
    Jalal Talabani non è stato soltanto, fino al 2014, il Presidente della Repubblica dell’Iraq. E’ stato il garante istituzionale di un Paese nato esattamente un secolo fa.

    Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace

    E’ trascorsa una settimana dal Referendum - così a lungo atteso - per l’indipendenza del Kurdistan Iracheno. Oggi la notizia della morte di Jalal Talabani. I due eventi, casualmente così ravvicinati, sembrano concatenarsi in una sequenza simbolica di passaggio di testimone.
    4 ottobre 2017 - Andrea Misuri
  • Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Ma si riuscirà mai, per dirla con don Lorenzo Milani, a far strada agli impoveriti senza farsi strada? Portare al centro della politica gli ultimi, gli emarginati, gli impoveriti, i lavoratori, chi lotta contro le ingiustizie, le mafie, la disumanità e la barbarie delle guerre, facendo quanti più passi indietro perché siano loro a farne almeno una volta, almeno uno, avanti? Ma non sarebbe quasi ora di domandarsi, anche se non so quanti hanno fratelli che sono figli unici, se siamo ancora convinti che esistono gli sfruttati, i malpagati, i frustati, i calpestati e gli odiati e la vicinanza/distanza da loro?
    2 giugno 2017 - Alessio Di Florio
1 luglio 2004 - Patricia Lombroso
Fonte: Il Manifesto

NEW YORK
Le immagini dalla Turchia di Mr. Bush e Blair che sorridenti annotano per la storia " l'Iraq e' libero "?. Bizzarra interpretazione della storia. Abbiamo illegalmente invaso e aggredito l'Iraq, imposto il terrorismo di stato da Washington, ucciso a dir poco diecimila civili iracheni, e occupato l'Iraq coadiuvati dalla interferenza di europei in nome di questa globalizzazione folle e questa si fondamentalista, introducendo i nostri modelli di sfruttamento del Medio Oriente. E' una realta' che va letta, correttamente. E totalmente cambiata " E' con questa appassionata denuncia che inizia l'intervista sull'Iraq della " fase di transizione " a Dennis Halliday, plenipotenziario per 34 anni del segretario delle Nazioni unite, con lunga esperienza in Iraq. Con altrettanto coraggio, alla fine del 1998, rassegno' le dimissioni dall'incarico assegnatogli dall'Onu per il programma Oil for Food perche' si rifiuto' di essere partecipe del genocidio della popolazione irachena per le sanzioni decise dal Consiglio di Sicurezza.

Gli Stati uniti all'ultimo momento hanno reinventato un ruolo per l'Onu. Che ne pensa?

Le Nazioni unite non possono adempiere nessun ruolo in Iraq sino a quando il paese e' sotto l'occupazione americana. Puo' tornare soltanto se e quando ci sara' un nuovo governo iracheno, legittimamente eletto. Le Nazioni unite non possono assumersi la responsabilita' per i prossimi sei mesi in Iraq, come farebbe comodo agli Stati uniti. Siamo gia' responsabili della politica assassina e genocida delle sanzioni. Siamo responsabili di aver collaborato con gli americani nella morte di migliaia e migliaia di innocenti civili iracheni. Per questo abbiamo pagato un prezzo legittimo ed appropriato.

Qual e' la sua analisi ad oltre un anno dall'invasione americana?

Son tornato in Iraq poco prima che gli americani, illegalmente, invadessero il paese, a gennaio-febbraio 2003. Conseguenze catastrofiche aspettano la societa' irachena. Le conseguenze di 12 anni di sanzioni, dopo la prima invasione americana di Bush padre, hanno distrutto l'intera infrastruttura civile. La seconda e recente invasione americana ha provocato danni ulteriori e catastrofici, causati da una campagna militare di bombardamenti e missili che hanno lanciato oltre mille tonnellate di uranio impoverito. L'ultimo dato ufficiale e' di 10mila morti iracheni. Ritengo che il bilancio sia tre volte superiore. I danni provocati dall'uranio impoverito di questa seconda invasione e di contaminazione delle risorse per la sopravvivenza dell'Iraq perdureranno per ... un miliardo di anni futuri.

Armi gia' bandite dalla comunita' internazionale...

Ma che continuano ad essere impiegate impunemente da Gran Bretagna, Italia e soprattutto dagli Stati uniti, nella prima e seconda invasione.

Per queste responsabilita' si puo' parlare di crimini di guerra?

Mr. Bush andrebbe arrestato, secondo le norme di un tribunale internazionale. Prima o poi dovra' subire un processo per crimini di guerra commessi contro la popolazione irachena. A questo scopo in vari paesi si sono formati tribunali internazionali indipendenti. Sono promotore di una assise nel mio paese, in Irlanda. I lavori verranno completati a fine 2005 ad Ankara. E' qui che l'intera catena di comandi militari e politici verra' messa sotto processo. Nella lista sono inclusi Bush, Blair e tutti i leader dei paesi che volontariamente hanno autorizzato a commettere questi crimini in Iraq.

Quali sono gli elementi specifici del crimine di guerra, imputabili agli otto paesi europei, fra cui Irlanda e Italia?

I leader europei dell'alleanza dei volenterosi non hanno avuto ne il coraggio ne la volonta' di resistere a Bush per l'illegale invasione militare. Una grossa responsabilita' di cui dovranno render conto. Noi in Irlanda abbiamo permesso l'atterraggio sul nostro territorio di 17mila bombardieri e missili, negli ultimi 18 mesi. E in Italia Berlusconi non solo si e' schierato in difesa di Bush, ma viene da questi considerato l'alleato piu' fedele.

Che prospettive ha il nuovo governo di transizione iracheno?

Non e' un governo legittimo, ma un governo fantoccio. Non e' eletto dalla popolazione irachena, ma imposto dagli Stati uniti. Il primo ministro Allawi ha un passato di collaborazione con la Cia. L'ambasciatore John Negroponte, con i suoi precedenti in Honduras, dirigeva le squadre della morte in Nicaragua ed in America Latina. Ha a sua disposizione 20 miliardi di dollari, approvati dal Congresso Usa. Speriamo vengano usati per servire gli interessi degli iracheni e non quelli delle multinazionali come la Halliburton. Come possiamo mai pensare che gli iracheni ripongano grande fiducia in questa prospettiva? E' altrettanto vero pero' che gli iracheni sono disperatamente pieni di speranza e di maggiore sicurezza e stabilita' Conoscendo bene gli iracheni, ritengo che ignoreranno gli ordini lasciati da Bremer, il dittatore americano che ha lasciato Baghdad. Ma fino a quando americani, inglesi e altri continueranno ad essere forze occupanti, aumentera' la resistenza delle popolazioni locali. Non sono terroristi. Odio questa parola. Il terrorismo di stato e' stato imposto dagli Stati uniti e quello ha alimentato la resistenza irachena all'aggressione dgli americani e della coalizione. Gli iracheni, che conosco bene, sono orgogliosi della propria storia, della loro dignita' calpestata dalle truppe straniere che hanno ucciso, distrutto le loro case e citta'. Il ritiro dall'Iraq deve essere immediato. Solo cosi gli iracheni potranno gestire il paese a modo loro. Attenzione. Non e' il 51mo stato dell'America: l'Iraq. La forma di democrazia che sceglieranno non sara' il modello voluto dagli americani. Un modello di democrazia quello americana che, francamente, non mi sembra brillare tanto da poter essere imposta al mondo.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)