Conflitti

Esperto Russo afferma che le truppe degli Stati Uniti in Iraq abbiano perso circa 2.000 soldati

Secondo un diplomatico militare il numero reale di perdite statunitensi potrebbe essere di circa 2.000 soldati a causa di incidenti mortali e fino a 12.000 feriti
28 luglio 2004
Vladimir Radyuhin (trad. di Melektro)
Fonte: The Hindu: www.hindu.com

MOSCA - Gli Stati Uniti hanno sofferto in Iraq perdite ben piu' pesanti di
quelle che hanno ammesso ufficialmente, ha affermato un diplomatico militare
Russo.

Le reali perdite militari degli Stati Uniti in Iraq potrebbero avere raggiunto
le 2.000 unita', ossia piu' del doppio della figura ufficiale di 900, poiche'
Washington tende a minimizzare malamente le sue statistiche riguardanti gli
infortuni mortali, ha detto una fonte diplomatica militare all'agenzia
giornalistica Itar-Tass.

"Le statistiche ufficiali non includono gli incidenti che occorrono fra i
residenti statunitensi non dotati di cittadinanza e che accettano di arruolarsi
nelle forze armate USA per ottenere una 'green card'. Secondo
informazioni certe la quota di non-Americani che fanno parte delle forze degli
Stati Uniti in Iraq potrebbe essere alta quanto il 60 per cento del totale", ha
detto la fonte. "Il numero reale di perdite degli Stati Uniti potrebbe essere
alto quanto 2.000 incidenti e fino a 12.000 feriti," ha detto il diplomatico
militare.

Note: traduzione di Melektro a cura di Peacelink

Articoli correlati

  • Riunite con i loro bambini “futuri terroristi”, le donne yazidi vengono ripudiate
    Pace
    Confine Iraq-Siria

    Riunite con i loro bambini “futuri terroristi”, le donne yazidi vengono ripudiate

    Gli anziani yazidi rinnegano i figli delle ex schiave dello Stato islamico, costringendole a scegliere tra i loro bambini e la loro comunità
    9 aprile 2021 - Martin Chulov e Nechirvan Mando ad Arbil
  • Un viaggio di pace
    Pace
    Nel Kurdistan iracheno il momento finale del viaggio di Papa Francesco

    Un viaggio di pace

    I Curdi e il Kurdistan, grazie alla loro accoglienza al Papa, hanno confermato, come sempre, di essere un popolo di pace e terra di accoglienza, fratellanza e convivenza tra culture, religioni ed etnie diverse, se questa terra viene lasciata e tenuta lontana dagli interessi politici ed economici.
    7 marzo 2021 - Gulala Salih
  • Iraq, la rivolta continua
    Conflitti
    La situazione attuale

    Iraq, la rivolta continua

    Dopo la pandemia, il crollo del prezzo del petrolio e la nomina, frutto del compromesso tra USA e Iran, di al-Kadhimi come primo ministro, cosa è cambiato?
    19 ottobre 2020 - Valeria Poletti
  • Da piazza Tahir all'Italia: la guerra porta solo altra guerra
    Pace
    Foto dalle piazze pacifiste italiane

    Da piazza Tahir all'Italia: la guerra porta solo altra guerra

    Il 25 gennaio in oltre 50 città italiane associazioni, movimenti e cittadini hanno organizzato eventi aderendo all'appello Spegniamo la guerra, accendiamo la Pace. PeaceLink pubblica le foto di alcune piazze. E alla vigilia è stata diffusa un'importante lettera dalla società civile irachena
    27 gennaio 2020
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)