Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Il volto del neo ministro della Difesa Elisabetta Trenta: dalla guerra per esportare la democrazia agli affari privati nelle zone occupate

    Il volto del neo ministro della Difesa Elisabetta Trenta: dalla guerra per esportare la democrazia agli affari privati nelle zone occupate

    vista la sua lunga esperienza nei paesi in cui abbiamo “esportato la democrazia” con la guerra, il riferimento alla democrazia partecipata assomiglia più ad un suo uso strumentale per ottenere una legittimazione puramente esteriore o ad un consenso artificiale
    6 giugno 2018 - Rossana De Simone
  • Siria, cercasi un nuovo Stanislav Petrov

    Siria, cercasi un nuovo Stanislav Petrov

    “Sono convinto che oggi il settore R&S (ricerca e sviluppo) della nonviolenza debba fare grandi passi avanti” (Alexander Langer 1991)
    13 aprile 2018 - Alessio Di Florio
  • Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace
    Jalal Talabani non è stato soltanto, fino al 2014, il Presidente della Repubblica dell’Iraq. E’ stato il garante istituzionale di un Paese nato esattamente un secolo fa.

    Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace

    E’ trascorsa una settimana dal Referendum - così a lungo atteso - per l’indipendenza del Kurdistan Iracheno. Oggi la notizia della morte di Jalal Talabani. I due eventi, casualmente così ravvicinati, sembrano concatenarsi in una sequenza simbolica di passaggio di testimone.
    4 ottobre 2017 - Andrea Misuri
  • Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Ma si riuscirà mai, per dirla con don Lorenzo Milani, a far strada agli impoveriti senza farsi strada? Portare al centro della politica gli ultimi, gli emarginati, gli impoveriti, i lavoratori, chi lotta contro le ingiustizie, le mafie, la disumanità e la barbarie delle guerre, facendo quanti più passi indietro perché siano loro a farne almeno una volta, almeno uno, avanti? Ma non sarebbe quasi ora di domandarsi, anche se non so quanti hanno fratelli che sono figli unici, se siamo ancora convinti che esistono gli sfruttati, i malpagati, i frustati, i calpestati e gli odiati e la vicinanza/distanza da loro?
    2 giugno 2017 - Alessio Di Florio

Le lesioni al cervello guidano le casistiche degli incidenti nella guerra in Iraq

Le lesioni al cervello costituiscono quasi i due terzi degli
incidenti Statunitensi in Iraq, un numero piu' alto di quello registratosi
durante qualunque altro conflitto Americano del passato
28 luglio 2004 - Brad Amburn (trad. di Melektro)
Fonte: United Press International - www.upi.com

WASHINGTON - Quasi due terzi dei soldati Statunitensi che sono stati feriti e
mandati dall'Iraq al Centro Medico dell'Esercito Walter Reed sono stati
diagnosticati con lesioni traumatiche al cervello - una percentuale ritenuta
piu' alta di quella avutasi in qualunque altro conflitto del passato nel quale
gli Stati Uniti sono stati coinvolti, hanno detto funzionari militari alla
United Press International.

Circa il 60 - 67 per cento dei soldati che passano dall'ospedale con ferite
cosi' come con lesioni riportate da esplosioni, cadute severe o da incidenti
dei loro veicoli militari hanno sofferto di queste lesioni al cervello che
hanno il potenziale di alteragli la vita. A dirlo e' stata la Dott.ssa Deborah
Warden, direttrice nazionale del 'Defense and Veterans Brain Injury Center' al
Walter Reed, nel quale vengono mandati la maggior parte dei pazienti con
lesioni alla testa ritenute sospette e riportate mentre erano in servizio in
Iraq.

Con lo sviluppo di armature per il corpo piu' sofisticate e di caschi fatti in
Kevlar - un materiale anti proiettile - il tasso di sopravvivenza dei soldati
con lesioni traumatiche al cervello e' notevolmente migliorato, mentre nelle
guerre passate lesioni simili avrebbero avuto conseguenze mortali, ha spiegato
la Warden.

Ha detto che i soldati che sopravvivono alle lesioni alla testa soffrono spesso
di una vasta gamma di problemi conoscitivi ed emozionali, comprese elevate
difficolta' mnemoniche, deficit nell'attenzione e nel ragionamento, cosi' come
alti tassi di depressione, alcoolismo, ansie post-traumatiche e irritabilita'.

Ha aggiunto che i problemi psicologici sembrano inoltre continuare per molti dei
pazienti che soffrono di disordini depressivi e dettati dall'ansia e questo li
porta spesso all'alcolismo per fare fronte ai problemi di cui hanno fatto
esperienza.

Questo studio ha lo scopo di penetrare a fondo le lesioni alla testa anziche'
quelle interne, visto che le prime sono quelle prevalenti nel conflitto
corrente, ha detto Raymont, "(In questo modo) e' molto probabile che noi
potremo ottenere riscontri differenti" per quel che riguarda i veterani della
guerra in Vietnam rispetto a quelli della guerra in Iraq.

Grafman ha detto che i risultati dello studio aiuteranno pure i soldati in Iraq
a sapere che cosa aspettarsi da queste lesioni e sara' alla base
dell'importanza della riabilitazione di lunga durata.

"Nel caso di piu' lesioni provocate da esplosioni, e' probabile che esse vadano
ad interessare parti piu' ampie del cervello rispetto a quello che farebbe la
tipica scheggia," ha spiegato Grafman. "Piu' cose impariamo sulle diverse zone
del cervello e su come funzionano, e piu' conoscenza avremo a disposizione sul
genere di danni che possono avere luogo" e quindi trattamenti piu' specifici e
piu' efficaci possono essere sviluppati.

Note:

Tradotto da Melektro - A Cura di Peacelink

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)