Conflitti

Olimpiadi

Bush schiaffeggiato dai calciatori iracheni

Il presidente Usa aveva tentato di usare il successo olimpionico iracheno per la sua campagna elettorale. I calciatori iracheni hanno invece criticato la guerra di Bush: "Se uno straniero invadesse gli Stati Uniti e le persone resistessero, vorrebbe dire che sono tutti terroristi?"
29 agosto 2004
Redazione

Bush ha ricevuto dai componenti della squadra olimpica irachena uno schiaffo metaforico. Aveva tentato di presentare la loro bravura alle Olimpiadi come un successo della propria politica in Iraq.

Aveva addirittura fatto fare uno spot televisivo su ciò.

I giocatori della squadra di calcio irachena gli hanno risposto di non desiderare che "Bush la sfrutti per la campagna presidenziale", invitando gli Americani ad andarsene dall'Iraq e commentando: "Se uno straniero invadesse gli Stati Uniti e le persone resistessero, vorrebbe dire che sono tutti terroristi? Tutti sono stati etichettati come terroristi. Sono tutte bugie". Alcuni giocatori hanno detto che Bush "ha commesso troppi crimini", uccidendo uomini e donne. (1)

Note: (1) http://www.osservatoriosullalegalita.org/04/comm/08agosto/2800ricobush.htm

Articoli correlati

  • Antonella Palmisano, la nostra prima campionessa olimpionica di marcia!
    Cultura
    Noi e l'oro

    Antonella Palmisano, la nostra prima campionessa olimpionica di marcia!

    Da Mottola alle Olimpiadi. E così, mentre tu insegni a scrivere in Italiano corretto e a conoscere e studiare Storia e Geografia, lei, Antonella Palmisano, è entrata direttamente nella Geografia del mondo, vincendo la medaglia d’oro per i 20 km di marcia femminile alle Olimpiadi di Tokyo
    16 agosto 2021 - Virginia Mariani
  • Un minuto di silenzio per le vittime di Hiroshima
    Disarmo
    Un appello agli atleti olimpionici: online la petizione

    Un minuto di silenzio per le vittime di Hiroshima

    "Se non agiamo il 6 agosto, che cade durante i Giochi, non abbiamo il diritto di pubblicizzare le Olimpiadi come una festa della pace. Una preghiera silenziosa è il minimo che possiamo fare"
    25 luglio 2021 - Roberto Del Bianco
  • L'era digitale pretende un esercito digitale
    Disarmo
    USA

    L'era digitale pretende un esercito digitale

    Pubblicato il rapporto della commissione statunitense sull'uso dell'intelligenza artificiale in ambito militare
    3 marzo 2021 - Francesco Iannuzzelli
  • In difesa dei nativi americani
    Pace
    Il movimento di opposizione all’Indian Removal Act

    In difesa dei nativi americani

    Jeremiah F. Evarts (1781–1831) era un missionario, riformatore e attivista cristiano per i diritti degli indiani d'America. Si distinse per la difesa dei diritti degli indiani d'America.
    Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)