Conflitti

Dossier dei servizi segreti italiani

"Le diserzioni della Guardia Nazionale irachena toccano punte dell'80 per cento"

La situazione in Iraq sta scappando di mano agli americani che fino ad ora hanno parlato ufficialmente solo di 5 mila ribelli. "Almeno 120 mila" scrivono gli 007 italiani.
15 settembre 2004
www.repubblica.it

L'ultimo dossier dell'intelligence, che raccoglie i contributi delle agenzie di sicurezza dei paesi della coalizione, fotografa in Iraq una situazione che sta completamente scappando di mano. "Il triangolo sunnita - si legge - è praticamente sfuggito al controllo continuativo tanto delle truppe governative irachene quanto di quelle statunitensi". Non solo: "Il governo di Iyad Allawi non ha propri strumenti di sicurezza affidabili".

Tanto per fare un esempio, se devono essere assaltate roccaforti ribelli "le diserzioni della Guardia Nazionale irachena toccano punte dell'80 per cento e il Servizio di protezione delle infrastrutture non riesce a fermare gli attentati agli oleodotti". Ma il dato sconcertante è ancora un altro: il nucleo degli oppositori, tra gli ex del regime di Saddam e gruppi dell'integralismo islamico, conta almeno "120 mila persone" contro stime ufficiali che parlano di 5-6000 nemici.

Un dato questo rivelato addirittura dallo Stato maggiore della prima divisione di fanteria americana: "Tra indigeni e stranieri il nucleo duro degli oppositori armati è stimato intorno allo 0,5 per cento della popolazione, cioè 120 mila persone su un totale stimato di 24 milioni". Questo significa, ammettono gli autori del dossier, "che mancano gli uomini sufficienti per debellare le attività irregolari organizzate".

Articoli correlati

  • Riunite con i loro bambini “futuri terroristi”, le donne yazidi vengono ripudiate
    Pace
    Confine Iraq-Siria

    Riunite con i loro bambini “futuri terroristi”, le donne yazidi vengono ripudiate

    Gli anziani yazidi rinnegano i figli delle ex schiave dello Stato islamico, costringendole a scegliere tra i loro bambini e la loro comunità
    9 aprile 2021 - Martin Chulov e Nechirvan Mando ad Arbil
  • Un viaggio di pace
    Pace
    Nel Kurdistan iracheno il momento finale del viaggio di Papa Francesco

    Un viaggio di pace

    I Curdi e il Kurdistan, grazie alla loro accoglienza al Papa, hanno confermato, come sempre, di essere un popolo di pace e terra di accoglienza, fratellanza e convivenza tra culture, religioni ed etnie diverse, se questa terra viene lasciata e tenuta lontana dagli interessi politici ed economici.
    7 marzo 2021 - Gulala Salih
  • Iraq, la rivolta continua
    Conflitti
    La situazione attuale

    Iraq, la rivolta continua

    Dopo la pandemia, il crollo del prezzo del petrolio e la nomina, frutto del compromesso tra USA e Iran, di al-Kadhimi come primo ministro, cosa è cambiato?
    19 ottobre 2020 - Valeria Poletti
  • Da piazza Tahir all'Italia: la guerra porta solo altra guerra
    Pace
    Foto dalle piazze pacifiste italiane

    Da piazza Tahir all'Italia: la guerra porta solo altra guerra

    Il 25 gennaio in oltre 50 città italiane associazioni, movimenti e cittadini hanno organizzato eventi aderendo all'appello Spegniamo la guerra, accendiamo la Pace. PeaceLink pubblica le foto di alcune piazze. E alla vigilia è stata diffusa un'importante lettera dalla società civile irachena
    27 gennaio 2020
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)