Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • Conto Corrente Bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace
    Jalal Talabani non è stato soltanto, fino al 2014, il Presidente della Repubblica dell’Iraq. E’ stato il garante istituzionale di un Paese nato esattamente un secolo fa.

    Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace

    E’ trascorsa una settimana dal Referendum - così a lungo atteso - per l’indipendenza del Kurdistan Iracheno. Oggi la notizia della morte di Jalal Talabani. I due eventi, casualmente così ravvicinati, sembrano concatenarsi in una sequenza simbolica di passaggio di testimone.
    4 ottobre 2017 - Andrea Misuri
  • Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Ma si riuscirà mai, per dirla con don Lorenzo Milani, a far strada agli impoveriti senza farsi strada? Portare al centro della politica gli ultimi, gli emarginati, gli impoveriti, i lavoratori, chi lotta contro le ingiustizie, le mafie, la disumanità e la barbarie delle guerre, facendo quanti più passi indietro perché siano loro a farne almeno una volta, almeno uno, avanti? Ma non sarebbe quasi ora di domandarsi, anche se non so quanti hanno fratelli che sono figli unici, se siamo ancora convinti che esistono gli sfruttati, i malpagati, i frustati, i calpestati e gli odiati e la vicinanza/distanza da loro?
    2 giugno 2017 - Alessio Di Florio
  • Che cosa era la guerra?
    A ogni incontro, Gulala riporta una frase esplicativa nella sua semplicità, della poetessa americana Eve Merriam: “Io sogno di dare alla luce un bambino che chieda: Mamma, che cosa era la guerra?”

    Che cosa era la guerra?

    Brevi note dopo la cena-incontro solidale che da Campi Bisenzio ha dato voce a chi dall'Italia lavora per Kurdistan Save the Children. Un progetto che prosegue, un ponte reciproco con la regione tormentata del Nord Iraq.
    6 marzo 2017 - Andrea Misuri
  • E' morto Fidel Castro

    E' morto Fidel Castro

    26 novembre 2016 - Marinella Correggia
Intanto si apprende che l'ostaggio britannico Kenneth Bigley e' stato ucciso dal gruppo legato a Zarqawi

Iraq: Falluja, raid Usa di precisione colpisce festa di nozze. Ostaggio britannico ucciso

Il comando Usa ha dichiarato per l'ennesima volta che era stata colpita una casa dove si riunivano gli uomini del terrorista giordano Abu Musab Zarkawi e che durante il bombardamento erano presenti nell'edificio dei leader del gruppo.

Il fratello di Bigley attacca Blair.
8 ottobre 2004 - Ansa 08/10/2004 ore 12:00

FALLUJA - Era anche questo un raid aereo di precisione, ma ha colpito i partecipanti a una festa di nozze a Falluja, 50 km a ovest di Baghdad. Lo riferiscono residenti e medici dell'ospedale cittadino, aggiungendo che la stessa sposa e' rimasta ferita.

L'incursione americana, effettuata prima dell'alba, ha ucciso 11 persone e ferito 17. Il comando Usa ha dichiarato per l'ennesima volta che era stata colpita una casa dove si riunivano gli uomini del terrorista giordano Abu Musab Zarkawi e che durante il bombardamento erano presenti nell'edificio dei leader del gruppo.

I medici hanno invece detto che sul luogo colpito si era appena svolta una festa di nozze, e che tra i feriti - ha precisato Khaled Nasser - ci sono nove persone di sesso femminile, dai 5 ai 50 anni. Quattro di essere sono state mostrate dalla Reuters sanguinanti sui letti dell'ospedale.

Nella citta' ribelle, tenuta in ostaggio da insorti sunniti, i bombardamenti americani ''di precisione'' hanno colpito numerosi civili - hanno affermato alcuni residenti e i medici locali.

Secondo gli americani pero' nella dozzina di raid effettuati da settembre a oggi diversi affiliati della rete terroristica di Zarkawi, su cui pende una taglia di 25 milioni di dollari, sono stati uccisi o catturati. Tra questi Mohammad al Lubnani e il suo consigliere spirituale Abu Anas Al Chami, numero due del gruppo Tawhid wal Jihad, il quale aveva in seguito confermato la loro morte. Chami era - e' stato precisato su un sito internet islamico - il responsabile della sharia e non il numero due del gruppo.

Il comunicato ha inoltre indicato che un ''gran numero di capi della rete di Zarqawi sono stati uccisi o catturati'' in settembre, fra cui persone che intendevano compiere attentati suicidi.


Note:

Bigley: Berlusconi scrive a Blair

"Atto di ferocia che rafforza volonta' lotta al terrorismo"

(ANSA)-ROMA,8 OTT- "Esprimo a te e al popolo britannico il dolore mio personale e del governo italiano per la barbara uccisione di Kenneth Bigley". Lo ha scritto Silvio Berlusconi al premier Tony Blair. "Questi gesti di ferocia rafforzano la nostra comune volonta' di lottare contro il terrorismo", aggiunge Berlusconi.

Fratello Bigley attacca Blair

Lo sfogo contro il premier dopo la notizia dell'uccisione

(ANSA) - LONDRA, 8 OTT - 'Tony Blair ha le mani insanguinate': e' questo il primo commento di Paul Bigley, fratello dell'ostaggio ucciso in Iraq. Paul Bigley, in un comunicato consegnato a organizzazioni pacifiste dopo aver ricevuto la notizia dell'assassinio del fratello, ha detto: 'Per favore, per favore, fermate la guerra, impedite che altre vite vadano perdute. E' illegale, deve essere fermata. Blair ha le mani insanguinate'.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)