Banca Intesa: L'ASSEMBLEA APPROVA IL BILANCIO 2003

Banca Intesa
Fonte: www.bancaintesa.it - 15 aprile 2004

- Dividendo di 4,9 centesimi di euro alle azioni ordinarie in circolazione e di 6 centesimi di euro alle azioni di risparmio, per un totale di 330 mln. di euro
- A tutti gli azionisti distribuite 318,5 mln. di azioni proprie per un controvalore di circa 1 miliardo di euro

L’Assemblea ordinaria di Banca Intesa, riunitasi oggi sotto la presidenza di Giovanni Bazoli, ha approvato il bilancio dell’esercizio 2003, che si è chiuso con un utile netto di 1.359 milioni di euro. All’Assemblea è stato anche presentato il bilancio del Gruppo al 31 dicembre 2003, che ha registrato un utile netto consolidato di 1.214 milioni di euro.

L’Assemblea ha approvato la distribuzione di un dividendo per azione di 4,9 centesimi di euro alle azioni ordinarie in circolazione e di 6 centesimi di euro alle azioni di risparmio per un totale di 330 milioni di euro.

L’Assemblea ha anche approvato l’assegnazione gratuita a tutti i soci di 318.486.977 azioni ordinarie Banca Intesa in portafoglio della società (procedendo alla cessione delle residue 727.771 azioni ordinarie in portafoglio secondo quanto deliberato dall’Assemblea del 17 dicembre 2002) nella misura di due azioni ordinarie, godimento 1° gennaio 2004, ogni 41 azioni Banca Intesa ordinarie e/o di risparmio possedute, con contestuale riduzione della riserva azioni proprie in ragione di 3,18 euro per ogni azione assegnata, valore corrispondente a quello di carico unitario nel bilancio al 31 dicembre 2003.

Tenendo conto di tale valore di carico (3,18 euro), l’assegnazione ai soci delle azioni proprie equivale alla distribuzione di un dividendo complessivo unitario di 20,4 centesimi di euro per le azioni ordinarie e di 21,5 centesimi di euro per quelle di risparmio (in confronto a 6,6 centesimi e 7,9 centesimi, rispettivamente, del precedente esercizio), con un pay-out complessivo di 1.343 milioni di euro, rispetto ai 434 milioni di euro del precedente esercizio.

Il pagamento del dividendo e l’assegnazione delle azioni proprie avranno luogo a partire dal giorno 22 aprile 2004, con stacco cedole il 19 aprile.

Articoli correlati

  • Le "armi" di Massimo D'Alema
    Editoriale
    In passato gli avevamo scritto perché chiedesse scusa per le vittime innocenti dei bombardamenti

    Le "armi" di Massimo D'Alema

    Interrogatori e perquisizioni. I pm configurano il reato di corruzione internazionale. Al centro dell'inchiesta una compravendita di navi e aerei militari. D'Alema è stato il presidente del consiglio italiano che autorizzò l'intervento italiano in Kosovo nel 1999
    22 agosto 2023 - Alessandro Marescotti
  • Elly Schlein: «Inaccettabile usare il Pnrr per produrre armi»
    Disarmo
    «Togliere i fondi dai nidi per metterli sulla produzione di armamenti per noi non è accettabile»

    Elly Schlein: «Inaccettabile usare il Pnrr per produrre armi»

    Il voto nel parlamento europeo a favore del finanziamento del munizionamento e dell'armamento dell'Ucraina con i fondi del PNRR e della coesione evidenzia come una gran parte della sinistra e dei Verdi europei abbia sostenuto questa scelta. Pubblichiamo i dati tratti dal sito dell'Europarlamento.
    1 giugno 2023 - Redazione PeaceLink
  • The provision of weapons to Ukraine has been a failure
    PeaceLink English
    It calls for the ultimate sacrifice of thousands of reluctant Ukrainian youth

    The provision of weapons to Ukraine has been a failure

    Instead of reducing the victims, it has increased them to such an extent that today it is officially forbidden by the authorities to provide data. The rhetoric of the aggressor and the aggressed is falling apart. We are facing the logic of feud, not defensive war.
    11 maggio 2023 - Alessandro Marescotti
  • La guerra muove interessi inconfessabili
    Disarmo
    Il business delle armi

    La guerra muove interessi inconfessabili

    Il termine complesso militare-industriale fu usato dal presidente degli Stati Uniti Eisenhower nel discorso d'addio alla nazione del 1961 per avvertire del pericolo implicito per la democrazia dovuto all’intreccio di interessi e affari fra potere politico, industria bellica e forze armate.
    21 aprile 2023 - Gianni Alioti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.7.15 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)