Consumo Critico

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Rio 2016: le Olimpiadi cancellano i diritti
    Si militarizza la città e la protesta sociale viene criminalizzata

    Rio 2016: le Olimpiadi cancellano i diritti

    Nelle favelas crescono le operazioni di pulizia sociale
    27 luglio 2016 - David Lifodi
  • "Resisti Istanbul", città globale a rischio

    "Resisti Istanbul", città globale a rischio

    Ekumenopolis, un documentario turco del 2011, descrive bene quanto sta accadendo nelle città dell'economia globale. Nel pomeriggio di sabato intanto la polizia ha caricato la folla radunata a piazza Taksim e al parco Gezi, usando idranti e lacrimogeni.
    16 giugno 2013 - Lidia Giannotti
  • Non si vergognano ?
    Una riflessione dalla Colombia ..... ma non solo

    Non si vergognano ?

    Quelli che si sentono furbi, quelli che vivono una vita facile, i predatori insaziabili degli ospedali, i ladri che rubano costruendo i ponti, le canaglie che vivacchiano al Parlamento, quando vedono questa gioventù dagli occhi limpidi che si guadagna la vita, per sognare una medaglia , vendendo empanadas di porta in porta ?
    8 agosto 2012 - Eduardo Escobar
  • Pechino: L'Unione europea vince le Olimpiadi davanti a Cina e Usa
    Olimpiadi

    Pechino: L'Unione europea vince le Olimpiadi davanti a Cina e Usa

    In un medagliere olimpico virtuale sommando le medaglie vinte dai ventisette paesi l'Europa si piazzerebbe al primo posto distanziando la Cina, gli Stati Uniti e la Russia
    25 agosto 2008 - Nicola Vallinoto
Invia una mail ai marchi dello sport e al CIO per sollecitare impegni tangibili per rapporti di lavoro dignitosi nella catena della subfornitura

PLAY FAIR AT THE OLYMPICS (GIOCA PULITO ALLE OLIMPIADI) - Clean Clothes Campaign

Clean Clothes Campaign in collaborazione con l'ong inglese Oxfam e le Global Unions (federazioni sindacali internazionali) lancia la campagna PLAY FAIR AT THE OLYMPICS in vista delle Olimpiadi di Atene (13-29 agosto 2004).
9 maggio 2004 - Ersilia Monti

La campagna si rivolge al Comitato olimpico internazionale (CIO), ai comitati olimpici nazionali, ai grandi marchi dello sport (Nike, Adidas, Puma e Reebok) e ad alcune marche minori, ma non meno importanti (Asics, Fila, Kappa, Lotto, Mizuno, Umbro), che vestono squadre nazionali o campioni olimpionici, o che sono fornitori ufficiali delle olimpiadi, per sollecitare impegni concreti, seri, credibili per il rispetto dei diritti dei lavoratori nella loro filiera produttiva.

Insieme a un gruppo di volontari sto curando la traduzione del rapporto "Play fair at the Olympics: respect workers rights in the sportswear industry" che sara' disponibile a partire dal mese di giugno grazie al sostegno di Altreconomia.

Leggete le informazioni che seguono, passate all'azione al punto 4), fate circolare il piu' possibile attraverso le vostre liste. E' richiesta una forte pressione pubblica in particolare verso Fila, Kappa, Lotto, Umbro, che non hanno ancora risposto alla lettera ufficiale dei promotori. Mi riprometto di inoltrarvi aggiornamenti periodici.

*************************************************************************************************************************************************************************************************

1. L'indagine "Play fair at the Olympics"

2. La risoluzione del parlamento europeo del 22 aprile 2004

3. Atene 2004: ambiente e morti sul lavoro

4. Scriviamo ai grandi marchi dello sport

***************************************************************************************************************************************************************************************************

1. L'indagine "Play fair at the Olympics"

L'indagine documenta come le multinazionali dell'abbigliamento sportivo si affrontino al massimo ribasso dei prezzi al dettaglio imponendo ai fornitori obblighi onerosi in termini di costi, tempi di consegna, flessibilita'. Le conseguenze per i lavoratori sono intuibili: orari massacranti, paghe da fame, precarieta', nessuna garanzia sociale, danni alla salute.

Il rapporto, che si basa su interviste a 186 operai, a fornitori e a rappresentanti di societa' proprietarie di marchio in 6 diversi paesi (Bulgaria, Cambogia, Cina, Indonesia, Thailandia e Turchia), e' scaricabile in lingua inglese al sito: www.fairolympics.org. E' in preparazione la traduzione italiana che sara' disponibile a partire da giugno grazie al sostegno di Altreconomia.

****************************************************************************************************************************************************************************************************

2. La risoluzione del Parlamento europeo del 22 aprile 2004

Il 22 aprile il parlamento europeo ha emanato una risoluzione urgente per il "rispetto dei diritti fondamentali del lavoro nella produzione di articoli sportivi per le Olimpiadi", sollecitando fra le altre cose "gli attori principali dell'industria mondiale dell'abbigliamento e delle calzature per lo sport - case produttrici di abbigliamento sportivo, Federazione mondiale dell'industria degli articoli sportivi (WFSGI), Comitato olimpico internazionale (CIO) - ad avviare negoziati volti a trovare una soluzione settoriale nel pieno rispetto degli standard in materia di lavoro previsti dall'OIL". La risoluzione sollecita "la Commissione europea a collaborare con l'OIL per far si' che il CIO includa il rispetto dei diritti sul lavoro, internazionalmente accettati, nei suoi principi fondamentali, nella Carta olimpica, e nel suo Codice etico e ad insistere affinché il CIO preveda quale condizione contrattuale per i suoi accordi in materia di licenze, sponsorizzazione e commercializzazione che le pratiche e le condizioni di lavoro connesse alla produzione di articoli con il marchio CIO siano conformi agli standard internazionalmente riconosciuti, compresi tutti quelli concernenti i diritti umani indicati dall'OIL come diritti fondamentali".

Potete scaricare il testo completo al link: http//: www3europarl.eu.int/omk/omnsapir.so/calendar?APP=PV2&LANGUE=EN (per leggerlo in lingua italiana, sostituire IT a EN).

******************************************************************************************************************************************************************************************************************************************************

3. Atene 2004: ambiente e morti sul lavoro

Alcune associazioni ambientaliste greche hanno denunciato il progetto della Public Power Corporation, l'azienda pubblica dell'energia elettrica, che intende installare maxi gruppi elettrogeni su diverse isole greche per far fronte al pericolo di black out durante i giochi olimpici. Si prevede che i dispositivi, alimentati da motori diesel, causeranno un forte inquinamento sulle isole interessate, in gran parte quelle delle Cicladi (ANSA, 21.4.2004).

Nell'ottobre 2003, nei cantieri olimpici di Atene erano segnalati gia' 11 morti in incidenti sul lavoro (Il Manifesto, 10.10.2003)

Cerco informazioni sui risvolti ecologici e sociali legati ai giochi olimpici (scrivete a: ersilia.monti@mclink.it )

*****************************************************************************************************************************************************************************************************

4. SCRIVIAMO AI GRANDI MARCHI DELLO SPORT

Vi chiedo di inviare mail ai marchi dello sport e al CIO per sollecitare impegni tangibili per rapporti di lavoro dignitosi nella catena della subfornitura sia per i prodotti destinati al mercato sia per quelli destinati alle forniture e alle promozioni olimpiche.

ISTRUZIONI:

Andate al sito : www.fairolympics.org

Nel riquadro "Act now", cliccate su uno dei loghi che appare in alto (Kappa, Fila, Umbro, Lotto, ecc., IOC (comitato olimpico internazionale)).

Nella riga "First name", digitate il vostro nome; nella riga "Last name", il vostro cognome; nella riga "email", il vostro indirizzo di posta elettronica; nella riga "country", selezionate con il menu a discesa il paese. E' facoltativo inserire l'indirizzo e la citta'.

Premere tasto "Next". Viene visualizzato il testo della lettera con la vostra firma. Scendete e selezionate "Send as e-mail", premete il tasto "Continue". Il testo viene inviato.

Ora dalla stessa finestra potete selezionare un altro marchio (scendete e selezionate "send as e-mail e poi "continue") fino a che non avete inviato tutti i messaggi

ATTENZIONE: ogni settimana circa, nel sito vengono proposti a rotazione tre marchi a cui inviare una mail. Visitate il sito almeno un paio di volte per essere certi di avere inviato una mail a tutti i marchi. In particolare sono i marchi italiani che in questo momento devono essere tenuti sotto pressione poiche' non hanno ancora dato alcuna risposta agli organizzatori della campagna.

Note:


Per essere esclusi dalla lista o ricevere informazioni sulla Clean Clothes Campaign, inviate un messaggio a:
ersilia.monti@mclink.it
Ersilia Monti (Coordinamento Lombardo Nord/Sud del mondo - Rete di Lilliput Nodo di Milano)
P.le Governo Provvisorio 6 - 20127 Milano

www.lilliputmilano.org/lab/consumocritico.html al link Abiti Puliti
www.cleanclothes.org

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)