Cultura

Lista Cultura

Archivio pubblico

Noi e l'oro

Antonella Palmisano, la nostra prima campionessa olimpionica di marcia!

Da Mottola alle Olimpiadi. E così, mentre tu insegni a scrivere in Italiano corretto e a conoscere e studiare Storia e Geografia, lei, Antonella Palmisano, è entrata direttamente nella Geografia del mondo, vincendo la medaglia d’oro per i 20 km di marcia femminile alle Olimpiadi di Tokyo
16 agosto 2021

Muoveva i primi passi, è quasi il caso di dire, nell'A.S.D. Atletica "Don Milani" con il mister Tommaso Gentile e non soltanto venivo a sapere dei suoi successi dalle compagne di classe, con le quali parlava durante la ricreazione, ma non siamo mai riusciti/e a farle un'intervista per il Giornalino scolastico dell’allora Scuola Media “A. Manzoni”.

Dire che era timida o comunque molto riservata e modesta è poco e tutta la sua semplicità e il suo essere capatosta, come si dice qui a Mottola per indicare una persona con una forte determinazione, sono state sempre la sua cifra.

Anche per questo è tra le atlete che hanno firmato il Manifesto per la Comunicazione non ostile per lo sport.

Bandierina, uno dei gadget distribuiti durante la festa.

E così, mentre tu insegni a scrivere in Italiano corretto e a conoscere e studiare Storia e Geografia, lei, Antonella Palmisano, è entrata direttamente nella Geografia del mondo e ha fatto e scritto una delle più belle pagine della Storia dell’Atletica, e dello Sport più in generale, vincendo a Sapporo la medaglia d’oro per i 20 km di marcia femminile alle Olimpiadi di Tokyo, prima in assoluto nella provincia di Taranto, con una gara condotta in testa sin dai primi momenti, sempre con eleganza e compostezza come amano commentare i telecronisti, perfetta, senza un richiamo, regalandosi e letteralmente mettendosi al collo prima la grande bandiera italiana, correndo come “Super Antonella”, e poi la medaglia d’oro nel giorno del suo trentesimo compleanno.

Antonella è la prima atleta italiana a vincere un oro olimpico nella marcia e terza di sempre a prendere la medaglia, dopo l’argento di Elisabetta Perrone nella 10km ad Atlanta 1996 e il bronzo di Elisa Rigaudo nella 20km a Pechino 2008. E', inoltre, la prima volta nella Storia per l’Italia in cui le due 20 km di marcia, vinte da Stano per la maschile e da lei per la femminile, vengono portate a casa tra l’altro da due pugliesi.

Un momento della festa dedicata ad Antonella Palmisano, presso le Terrazze di Mezzogiorno.

Venerdì 13 a Mottola è stata la serata dell’accoglienza emozionata e festosa, iniziata alle 19:00 sul palazzo del Municipio, anche con i presidenti della Provincia e della Regione, oltre che con le massime autorità della Finanza, passando dalla gremita piazza principale per arrivare nel punto panoramico delle Terrazze di Mezzogiorno fino alle 23:00. E’ stata un’enorme festa condotta da Matteo Schinaia in cui risuonavano in continuazione i “Grazie, Antonella!”, da parte anche dei cantautori Aldo Losito e Frankavilla, della Pro Loco Mottola e della Coldiretti, per questa meravigliosa ragazza che non dimentica mai le sue origini, la famiglia e il nonno e le nonne, come ha voluto precisare negli ulteriori ringraziamenti finali, e che alla mia domanda “Cosa consiglieresti alle giovani che intraprendono la carriera sportiva e che per timidezza, insicurezza o per le immancabili difficoltà si scoraggiano?” ha risposto che è proprio nello spirito dello sport la spinta a ricominciare, trovando spazi e tempi nei quali esprimersi al meglio e raggiungere gli obiettivi prefissati, sport che, con i sacrifici che comporta, aiuta a vivere e affrontare proprio la vita con tutte le sue difficoltà, come questo periodo di pandemia:"Sono caduta tante volte pure io, però lo sport insegna a rialzarsi e a farlo più forte!".

Un momento dalla festa dedicata ad Antonella Palmisano, presso le Terrazze di Mezzogiorno.

Lei, novella Tom Fitzgerald, il progettista Disney, che ha sognato la sua gara e “…volendo fare proprio quel tipo di gara” il 6 agosto ha grandemente trionfato, sta facendo ora sognare il suo piccolo paese che con lei vuole riscattarsi e rinascere in questo “momento magico per l’Italia” (e per la Puglia!), come ha detto subito dopo la gara che l’ha vista continuare a saltellare e correre di gioia, nell’intervista nella quale ci ha fatto ancora e di più piangere di gioia con il suo “Ciao, Mottola!”.

Un momento della festa dedicata ad Antonella Palmisano, presso le Terrazze di Mezzogiorno.

Note: Articolo ripreso da: https://riforma.it/it/autore/virginia-mariani

Fonti:
https://it.wikipedia.org/wiki/Antonella_Palmisano
https://paroleostili.it/news/il-manifesto-della-comunicazione-non-ostile-per-lo-sport/
Breve video della festa dedicata ad Antonella Palmisano, presso le Terrazze di Mezzogiorno https://www.youtube.com/watch?v=5UE7JPwFpZY

Articoli correlati

  • Un minuto di silenzio per le vittime di Hiroshima
    Disarmo
    Un appello agli atleti olimpionici: online la petizione

    Un minuto di silenzio per le vittime di Hiroshima

    "Se non agiamo il 6 agosto, che cade durante i Giochi, non abbiamo il diritto di pubblicizzare le Olimpiadi come una festa della pace. Una preghiera silenziosa è il minimo che possiamo fare"
    25 luglio 2021 - Roberto Del Bianco
  • Mondiali 2021 e Olimpiadi 2026 sulle Dolomiti
    Ecologia
    Grandi eventi e tutela ambientale

    Mondiali 2021 e Olimpiadi 2026 sulle Dolomiti

    Le associazioni ambientaliste lanciano l'allarme, "i progetti avviati non sono conformi alla Carta di Cortina 2021 e alla certificazione ISO 20121"
    4 agosto 2020 - Maria Pastore
  • Brasile: persecuzione giudiziaria contro le organizzazioni popolari
    Latina
    Lo scorso luglio inflitte condanne tra i 5 e i 7 anni di carcere a 23 attivisti che avevano partecipato alle Jornadas de Junho del 2013 contro le grandi opere legate ai mondiali di calcio del 2014 e alle Olimpiadi del 2016

    Brasile: persecuzione giudiziaria contro le organizzazioni popolari

    Per condannare i militanti è stata utilizzata la “delazione premiata” e l’infiltrazione degli agenti all’interno dei movimenti sociali
    12 settembre 2018 - David Lifodi
  • Rio 2016: le Olimpiadi cancellano i diritti
    Latina
    Si militarizza la città e la protesta sociale viene criminalizzata

    Rio 2016: le Olimpiadi cancellano i diritti

    Nelle favelas crescono le operazioni di pulizia sociale
    27 luglio 2016 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)