Cultura

Lista Cultura

Archivio pubblico

Una storia sul passato che ritorna.

Senza sangue

Quando il dolore del passato ritorna ci sono due modi per affrontarlo: o vendicandosi o andando avanti "senza sangue".
26 maggio 2007
Alessia Mendozzi

di: Alessandro Baricco
anno: 2002

la copertina del libro In una fattoria di un posto non ben definito, un uomo viene assassinato per vendetta. Siamo alla fine di una guerra e ci sono ancora dei conti da pagare. Al massacro riesce a scampare la figlia, nascosta sotto una botola della casa. Passano gli anni, le vite e gli scenari si evolvono, ma lei non ha dimenticato. Sa bene quale sarà il destino che riserverà agli aguzzini del padre, meno che ad uno: colui che, dopo averla scoperta nella botola, aveva deciso di non ucciderla.
Il filo conduttore del libro è la vendetta. Quella che innesca meccanismi di violenza che possono durare in eterno se qualcuno non decide di troncarli. Quella che rende cechi ed incapaci di ragionare, quella che può riempire la vita di soli fantasmi.
Un romanzo breve, che scorre rapido ma non leggero. Un libro senza chiari contorni, senza scenari ben definiti, in puro stile Baricco. L’attenzione è concentrata sulla storia o, per meglio dire, sul messaggio della storia. Quello del passato che ritorna e della decisione da prendere nei suoi confronti. Scegliere se vendicarsi o no, se chiudere con esso in modo violento o affrontarlo “senza sangue”.

Articoli correlati

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.24 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)