Palestina

Rompete l'assedio di Israele

5 giugno 2010
Mustafa Barghouthi con Francesca Borri

 

mustafa barghouthi Ho aspettato tre giorni per scrivere, perché è questo che Israele cerca da me: l'istinto e il rancore. Mi hanno confiscato la casa, e la storia la terra, metro a metro, la libertà, intrappolato in labirinti di arbitrarietà e divieti, mi hanno confiscato la sicurezza, questa notte che come ogni notte, forse travolgeranno improvvisi questa porta per arrestarci senza ragione, e fino all'ultimo dei nostri diritti - perché possono confiscarci tutto, e lasciarci consumare di cancro a un checkpoint: ma non possono confiscarci la nostra umanità. La nostra immunità.

Ho aspettato tre giorni perché è questo, e solo questo che Israele cerca da noi: la violenza e la reazione. Cerca la guerra, perché in guerra vince chi è più forte, e non chi ha ragione. So che diciamo resistenza, qui, e voi sentite terrorismo. Ma abbiamo imparato a opporre a Israele non la nostra disperazione, ma la nostra bellezza e tutta Hannah Arendt, quando la politica diceva, è spirito di iniziativa e insieme una dote quasi poetica, l'immaginazione - e contro il loro nucleare allora, non razzi di latta ma dignità, e la fermezza e l'ostinazione: e contro i loro insediamenti, i nostri studenti che nonostante tutto studiano, contro i loro bombardamenti la nostra vita che nonostante tutto vive. Cerca l'attacco, l'esplosione Israele, per sguainarvi contro la retorica dell'autodifesa. Ma la nostra resistenza è quello che accade ogni venerdì a Bi'lin e Ni'lin e sempre più ovunque: è il boicottaggio dei prodotti dei coloni e le sanzioni economiche, e l'attuazione del parere della Corte di Giustizia sull'illegalità del Muro e l'obbligo di abbatterlo, è il Rapporto Goldstone e la giurisdizione universale come a Londra contro Tzipi Livni. La nostra resistenza è mille cose, e soprattutto: mille internazionali. Con noi non solo per solidarietà, ma per giustizia - quelli che hanno capito che non chiediamo elemosina, rivendichiamo diritti: che quella di Gaza non è una crisi, ma un assedio. Quelli che non spianano il dialogo sradicando via le responsabilità: perché la pace non è la quiete del più forte, la coesistenza tra schiavi e padroni: e la normalità non è Oslo, non è la normalizzazione. Quelli che vengono respinti dalla polizia del pensiero alla frontiera dell'unica democrazia del Medio Oriente: perché la guerra ha bisogno di indifferenza, per diventare guerra: ha bisogno di racconto, per diventare crimine, voce e luce. "Il luogo da cui arrivo era formato da tre semplici categorie: gli assassini, le vittime, e quelli che rimanevano a guardare" - quelli che vengono uccisi solo per non ritrovarsi addosso, un giorno, le parole di Elie Wiesel.

Perché ho aspettato tre giorni e quarantatrè anni: e ma quello che ogni volta più mi colpisce, ancora, non è quello che Israele fa, ma quello che le si consente di fare. Perché questa non è solo una battaglia per la terra, ormai: è una battaglia per il diritto internazionale. Per un mondo in cui non sia possibile violare impuniti le più basilari regole di convivenza: assaltare, e assassinare e arrestare, sequestrare, e ovunque e chiunque, e senza freno: perché un mondo in cui si rimane disoccupati in Francia per mutui non pagati in Finlandia, e a Baghdad come New York, un mondo in cui si è uccisi per quello che si decide a migliaia e migliaia di chilometri di distanza non può funzionare se chi è forte abbastanza da agire, semplicemente agisce. L'arrembaggio alla nostra dignità è l'arrembaggio alla vostra sicurezza. Il diritto non è il lusso di chi non vive assediato da nemici: non è una restrizione che mina la sopravvivenza, ma la saggezza che libera dallo stato di emergenza. Ed è il diritto internazionale, non l'antisemitismo, a accusare che tutto questo è apartheid, a sancire che tutto questo deve finire - e perché come altro definirlo, un paese in cui non esiste la cittadinanza, ma solo la nazionalità, un paese in cui mi è vietato guidare in una certa strada o entrare in una certa città, e comprare una casa, e solo perché non sono ebreo, e a parità di reato, un paese in cui per me la pena è maggiore?

Ma ho aspettato tre giorni per scrivere, e perché come dopo Sabra e Chatila - ho aspettato 400mila israeliani, pretendere in piazza una commissione di inchiesta contro un governo che sguinzaglia i suoi corsari a affondare il proprio paese. Ho aspettato 400mila israeliani denunciare un'occupazione che sa raggiungere con una strada anche mezzo colono sulle più sperdute colline, e però poi lascia solo un anziano su cinque, costretto a scegliere tra cibo e medicine, 400mila israeliani, rivendicare che libertà non è autosufficienza, ma integrazione, e l'Altro non un sospetto l'agguato, ma l'opportunità della contaminazione. E ho aspettato, e come sempre, come aspettando Godot ho aspettato 400mila israeliani, rompere questo assedio, e evadere da questo ghetto in cui l'ipocondria è l'unica forma di salute, e gli emigrati sono ormai più degli immigrati - e semplicemente perché beit: arabo e ebraico hanno la stessa parola per dire casa. E perché non sono io, qui, il prigioniero. Io non vivo dietro un Muro. Non ho mai definito la mia identità in negativo. Un israeliano, dopo sessant'anni, ancora non è che un non-arabo. E la mia Palestina, invece, è smisurata ricchezza: ricchezza di persone, di relazioni: non di contrapposizioni. Io ho fiducia, nella vita: non paura - io sono libero.

Ho aspettato tre giorni per scrivere, e come sempre: non ho sentito che dire che questo attacco è stato controproducente - solo questione di pubbliche relazioni: non etica ma strategia. Tre giorni e quarantatrè anni, e metro a metro, una Bibbia per atlante, non ho visto che Israele tentare di convertire la religione in geografia. Metro a metro, perdere per strada la saggezza dei suoi padri spirituali - perché Dio abita, avvertiva Martin Buber, solo dove lo si lascia entrare. 

Articoli correlati

  • Perché dubitare della sicurezza delle navi nucleari da guerra?
    Disarmo
    La navigazione nucleare sotto la lente del diritto internazionale

    Perché dubitare della sicurezza delle navi nucleari da guerra?

    Una tesi di laurea in diritto internazionale mette in luce l'assenza di una regolamentazione internazionalmente accettata per le navi militari a propulsione e capacità nucleare. Sia sotto il profilo della sicurezza che della responsabilità per danni in caso d'incidente nautico-radiologico
    7 luglio 2019 - Gianmarco Catalano
  • Damasco: la rivoluzione silenziosa delle donne in bicicletta
    Consumo Critico
    In Siria la bicicletta ha un significato speciale

    Damasco: la rivoluzione silenziosa delle donne in bicicletta

    Le due ruote possono servire per combattere incredibili battaglie, avviare processi democratici, smontare l’ordine tradizionale delle cose, contribuire a rendere l’aria più respirabile. E se si è donna, in bici, per le strade siriane si testimonia una reale volontà di cambiamento
    8 gennaio 2019 - Fulvia Gravame
  • Il giurista Sabino Cassese favorevole ai missili di Trump
    Conflitti
    Siria

    Il giurista Sabino Cassese favorevole ai missili di Trump

    Secondo lui il diritto internazionale non verrebbe violato dall'intervento militare di Usa, Francia e Gran Bretagna, in quanto nel caso della Siria si applicherebbe il principio della "responsabilità di proteggere". Peccato che Sabino Cassese si dimentichi di aggiungere che il principio a cui lui si richiama deve passare attraverso una risoluzione del Consiglio di Sicurezza dell'ONU che per la Siria non vi è stata.
    14 aprile 2018 - Alessandro Marescotti
  • La nonviolenza di Gandhi per l’uomo del futuro (eBook)
    Pace

    La nonviolenza di Gandhi per l’uomo del futuro (eBook)

    E' uscito l'eBook sul Mahatma Gandhi di Uomoplanetario.org. Disponibile su iBookstore e Amazon Kindle Store.
    4 agosto 2012 - Matteo Della Torre
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.29 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)