Cultura

Lista Cultura

Archivio pubblico

Lettera agli amici

Buon 1° febbraio

Auguri non di festa ma ordinari, quotidiani, mentre il tran tran giornaliero ci mangia letteralmente vivi, e non durante il riposo delle feste. Che al posto delle promesse roboanti di capodanno, ci siano le bellezze, le tenerezze, i sentimenti, il calore di un giorno come tanti, del bistrattato 1° febbraio.
31 gennaio 2008

IL NOSTRO PROBLEMA E' CHE SOGNIAMO TROPPO POCO
(DON TONINO BELLO)




Gmork: Sei uno sciocco e non sai un bel niente di Fantàsia. È il mondo
della fantasia umana. Ogni suo elemento, ogni sua creatura scaturisce dai
sogni e dalle speranze dell'umanità. E quindi Fantàsia non può avere
confini.

Atreyu: Perché Fantàsia muore?

Gmork: Perché la gente ha rinunciato a sperare. E dimentica i propri
sogni. Così il Nulla dilaga.

Atreyu: Che cos'è questo Nulla?

Gmork: È il vuoto che ci circonda. È la disperazione che distrugge il
mondo. E io ho fatto in modo di aiutarlo.

Atreyu: Ma... perché!?

Gmork: Perché è più facile dominare chi non crede in niente. E questo è il
modo più sicuro di conquistare il Potere.

Atreyu: Chi sei veramente?

Gmork: Sono il servo del Potere che si nasconde dietro il Nulla. Ho
l'incarico di uccidere il solo in grado di fermare il Nulla. L'ho perso
nelle paludi della Tristezza. Il suo nome era Atreyu.

(Dal film "La storia infinita")



HO DOVUTO SCEGLIERE ... SCEGLIERE TRA LA SUA VITA OMOLOGATA, PIATTA, GRIGIA, SENZA ARDORE, GIA' DECISA, ORDINATA. E I MIEI SOGNI, LA FANTASIA, IL VIAGGIO, L'AVVENTURA DELLA VITA. ED HO SCELTO ...
(libera citazione da un telefilm)

Un mese fa ci siamo scambiati gli auguri più diversi. Fiumi e fiumi di pace, amore, amicizia, bontà hanno inondato le nostre caselle di posta elettronica e i nostri telefoni. E poi? Ora, oggi, adesso, in questo istante? Cosa sta accadendo? Cosa è rimasto? Abbiamo tenuto fede alle nostre promesse? Quest'anno sarò diverso, prometto ... Quest'anno farò questa cosa, prometto ...
Ma acqua passata non macina più e il 2 gennaio è ricominciata la vita quotidiana(per i più fortunati qualche giorno dopo). Passate le feste, rimangono solo i chili in eccesso. E tutto evapora come neve al sole. Perché? E allora, a cosa serve tutto questo? Perché dobbiamo prenderci in giro ogni anno, spendere (letteralmente!) miliardi inutilmente per cose in cui non crediamo più?
O forse no? Perché non possiamo sognare tutto l'anno? Perché le promesse devono essere sempre da marinaio? Tutti hanno mandato auguri a capodanno. Quest'anno, visto che il 31 ne ho mandati pochi(Oddio, quasi nessuno, ho giusto risposto a qualcuno ... e manco tutti ... stavo, come al solito, senza soldi ), lasciatemi fare una follia. Lasciatemi fare una cosa assurda ... BUON 1° FEBBRAIO, TANTISSIMI AUGURI! Auguri non di festa ma ordinari, quotidiani, mentre il tran tran giornaliero ci mangia letteralmente vivi, e non durante il riposo delle feste. Auguri non di chissà quale mirabolante anno in arrivo, ma per un anno che passa e scorre con noi. Che al posto delle promesse roboanti di capodanno ci siano le bellezze, le tenerezze, i sentimenti, il calore, di un giorno come tanti, del bistrattato 1° febbraio. Ma ci rendiamo conto di che giorno sfigato è? Un mese prima, capodanno. Il proprio mese dominato da San Valentino ... Marzo, un mese dopo, che preannuncia la primavera. Il 1° Aprile che è il giorno dell'allegria. Il 1° Maggio festa dei Lavoratori. Il 1° giugno, vigilia della Festa delle Repubblica. Il 1° luglio e il 1° agosto vacanze ed estate piena ...
E il 1° febbraio?! Nulla, proprio nulla. E allora, che sia la festa dei sogni che non muoiono, degli amori che non finiscono mai. Amore per la vita, amore per le persone care. Passione, passione vera, che una tempesta scatena nel cuore. Perché il sognatore, parafrasando Gabriel Garcìa Marquez, quando è vero è guidato da grandi sentimenti d'amore. E niente o nessuno lo trattiene ... Il 2 gennaio ci siamo ritrovati davanti le solite liti d'ufficio, le piccole gelosie odierne, la stanchezza del giorno e le pantofole della sera. E poco a poco tutto sembra eclissarsi. Altro che amore, che palle questa pratica! Che scocciatura quel cliente! Che noia!
NO! NO! NO! I sogni non servono solo per un giorno. E non è necessario per forza puntare chissà quale cima tempestosa. I sogni servono a camminare, i sogni servono per colmare di tenerezza il nostro cuore, sono compagni d'avventura, non tiranni crudeli. L'essenziale è invisibile agli occhi. E allora serve il cuore, servono i sentimenti. Il grigiore non può vincere i colori, la fantasia non può essere scacciata dall'omologazione. Basta con i vapori. Guardiamo i nostri cuori.
BUON 1° FEBBRAIO. TANTISSIMI AUGURI, LA FANTASIA SCACCI L'OMOLOGAZIONE, IL CAOS L'ORDINE. E LA VITA SIA BELLA, BELLISSIMA, COLORATA E PIENA DI ARDORE. BUON 1° FEBBRAIO. IL GIORNO DELLA FOLLIA, LA FOLLIA DI ESSERE VIVI ...

Articoli correlati

  • Contro la televisione
    Storia della Pace
    L'omologazione degli italiani

    Contro la televisione

    Il fascismo, voglio ripeterlo, non è stato sostanzialmente in grado nemmeno di scalfire l’anima del popolo italiano: il nuovo fascismo, attraverso i nuovi mezzi di comunicazione e di informazione (specie, appunto, la televisione), non solo l’ha scalfita, ma l’ha lacerata, violata, bruttata per sempre.
    Pierpaolo Pasolini
  • Nuove guerre: la solitudine di Gaza e l’accerchiamento della Russia
    Disarmo
    i morti civili sono considerati pedine di contese geopolitiche

    Nuove guerre: la solitudine di Gaza e l’accerchiamento della Russia

    gli israeliani che sulla collina sopra Sderot hanno brindato per la caduta delle bombe nel terreno di Gaza e poi minacciato di “distruggere la nostra macchina se dico una parola sbagliata”
    22 luglio 2014 - Rossana De Simone
  • Il sogno come strumento fondante del cambiamento
    Editoriale

    Il sogno come strumento fondante del cambiamento

    6 maggio 2013 - Jacopo Fo
  • Wikileaks e la teoria del caos
    MediaWatch
    Un nuovo concetto di cittadinanza?

    Wikileaks e la teoria del caos

    Esperti dei media e il caso Wikileaks: commedia delle maschere e connivenze con l'Ancien Régime mediatico, verso un nuovo paradigma?
    11 gennaio 2011 - Andrea Aufieri
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.26 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)