Cultura

Lista Cultura

Archivio pubblico

Cecenia

Ho danzato sulle rovine

Storia di una donna che lotta per la libertà del suo paese. La storia di Milana e della Cecenia scorrono via tessute insieme in un diario di ricordi con tutta la cupa tristezza e il senso di perdita dovuto a lutti e violenza.
5 novembre 2008
Annalisa Ippolito

Copertina libro "Ho danzato sulle rovine" di Mirana Terloeva

Le rovine cui si riferisce il titolo di questo saggio sono quelle della Cecenia e la danza e' oltre che un riferimento ad un fatto veramente accaduto anche una metafora di quella voglia di vivere e di non soccombere propria dell'autrice, la giovane giornalista cecena Milana Terloeva.

Un filo rosso si dipana da un ballo mai partecipato a causa dello scoppio della guerra nel 1994 e quello finalmente realizzato dodici anni dopo nel 2006 quando Milana torna a casa dopo un periodo di studio in Francia.

La storia di Milana e della Cecenia scorrono via tessute insieme in un diario di ricordi, il suo paese Orechovo, a circa sessanta chilometri da Grozny, le due guerre con tutto il loro carico di orrori e crudelta', la perdita di amici, il terrore delle bombe, le retate dell'esercito russo e delle milizie cecene, i ricordi della nonna e la separazione dalla mamma, la permanenza a Mosca e il ritorno a casa alla ricera di una "normalita'" fatta di lezioni all'Universita' di Grozny devastata dai bombardamenti, fino al suo passaggio in Francia dove grazie ad una borsa di studio puo' terminare gli studi in giornalismo. Ma non si ferma qui la storia di Milana. Lei vuole tornare in Cecenia per costruire un centro internazionale di cultura, per dare speranza oltre che "informazione libera".

Un brano
In Cecenia sopravvivere è già resistere. Pensavo che nulla fosse peggio dei bombardamenti, ma dopo essere tornata a Groznyj mi sono accorta che sbagliavo... Groznyj oggi è un caos di morti e di menzogne dove ombre umane lottano per sopravvivere. Questo libro non aspira a demolire la propaganda o a spiegare un conflitto vecchio di tre secoli. È la storia semplice di una ragazza, uno specchio che scorre lungo le strade sconvolte della mia cara Cecenia.
La sua storia personale si intreccia con quella del suo Paese con tutta la cupa tristezza e il senso di perdita dovuto a lutti e violenza. Cio' che stupisce leggendo queste pagine pero' e' la semplice disarmante chiarezza, priva di retorica e compiacenza, con cui la Terloeva sintetizza le atrocita' della guerra, i rastrellamenti, i bombardamenti e la voglia di riscattarsi di vivere sua e dei suoi amici e compagni di studi ceceni.

Il libro scorre via fluido come un fiume di lava. E balza agli occhi che questo diario di vita, non e' solo un gesto di denuncia, e' piuttosto un gesto d'amore verso tutti "coloro che non hanno diritto di parola. E poi quelli che si sono sacrificati" come scrive nelle ultime pagine questa coraggiosa giovane donna. Un gesto che vuole dare fiducia e speranza ad un popolo di cui non si sa nulla o quasi e su cui scendono silenzi e omissioni pesanti.

Note: HO DANZATO SULLE ROVINE
Storia di una donna che combatte per la libertà del suo paese
Milana Terloeva (Traduzione di Francesca Gori)
Corbaccio Editore

Scheda libro sul sito dell'editore:
http://www.corbaccio.it/scheda.asp?editore=Corbaccio&idlibro=6198&titolo=HO+DANZATO+SULLE+ROVINE

Articoli correlati

  • Conflitti
    Esce in italiano il libro di Arkadij Babcenko sulla sua esperienza di soldato in Cecenia

    Coscienza e soldati russi

    Una riflessione di Elena Murdaca, traduttrice del libro, sui soldati russi in Cecenia.
    13 marzo 2011 - Elena Murdaca
  • Conflitti

    In Russia, an intensifying insurgency

    Under crackdown, Chechen separatism turns into a regional Islamist revolt
    30 ottobre 2009 - Philip P. Pan
  • Conflitti

    19 gennaio 2009: in Russia il diritto è stato ucciso

    Ancora una volta, chi si batte per la difesa dei diritti umani in Russia paga con la propria vita. Le parole di Anna Politkovskaja raccontano il coraggio dell'avvocato Stanislav Markelov
    20 gennaio 2009 - Elena Murdaca
  • Memorie sotto sequestro
    Conflitti
    Memorial Russia, sequestrate le memorie dei gulag

    Memorie sotto sequestro

    L'appello contro il sequestro del materiale informatico del centro di ricerca scientifica e attività informativa "Memorial" di San Pietroburgo, che mette a rischio la memoria delle vittime della repressioni sovietiche
    11 dicembre 2008 - Maddalena Parolin e Elena Murdaca
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.20 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)