Cultura

Lista Cultura

Archivio pubblico

Metti una notte d'estate

Veleno

Ecco cosa accade qui, nella terra amata dai greci e dai romani, nella terra che giace su due mari, tesoro di meraviglie d'arte e natura. Qui, prendi confidenza con benzene, acido solfidrico e anidride solforosa più che con i delfini del Golfo.
19 agosto 2020
Viviana Sebastio

ILVA di Taranto

Metti una notte d'estate, le finestre di casa spalancate e tu che ti godi la leggera brezza salmastra che indolente ti fa finalmente visita.


Guardi la TV, il suo vociare si mescola con quello delle decine di televisioni accese nella tua stessa strada. Sigle, réclame, chiacchiericcio, guaiti e risate si mescolano e fanno da sottofondo alla tua notte agostana.


Metti un giorno d'estate che ti ha regalato tanta bellezza. Il mare adamantino, le mura indorate dal sole, il guizzo argenteo dei pesci, il saluto bronzeo dei marinai, e pensi a quanto in fondo sia semplice la perfezione.


Metti una notte d'estate, le finestre spalancate e la brezza che ti accarezza d'un tratto diventa odore pesante e pungente. Odore innaturale, che non sai riconoscere.
Ti affacci, la strada è vuota ma quell'odore è lì statico e invisibile, ti pare addirittura palpabile. Non ti aggredisce no, piuttosto ti avvolge denso e oleoso. Sa di gas, di catrame e uova marce, è carta vetrata nella gola e aceto negli occhi.
Metti che vai dall'altra parte della casa, spalanchi le altre finestre. Magari entrerà aria di brezza, aria da respirare.
lnvece quel fetore è già lì ad attenderti e come melma ti avvolge vigliacco, perché puoi difendere l'udito, la vista, il gusto, ma non puoi smettere di respirare.
L'incanto del giorno si tramuta in paura per l'infernale miasma che sommerge la notte e toglie il fiato alla città.


Ecco cosa accade qui, nella terra amata dai greci e dai romani, nella terra che giace su due mari, tesoro di meraviglie d'arte e natura. Qui, prendi confidenza con benzene, acido solfidrico e anidride solforosa più che con i delfini del Golfo. Qui, falso profitto e incuranza per la vita altrui soffocano ogni giorno di più la Bellezza.

Note: In ricordo di Luciana Caramia
Taranto, agosto 2020

Articoli correlati

  • Sessanta anni fa nasceva lo stabilimento siderurgico di Taranto
    Ecologia
    Il 9 luglio 1960 veniva posta la prima pietra

    Sessanta anni fa nasceva lo stabilimento siderurgico di Taranto

    Pubblichiamo qui un'interessante ricerca del prof. Enzo Alliegro che ricostruisce la nascita della fabbrica, andando a focalizzare aspetti inediti della sua storia, con particolare riguardo alle problematiche ambientali e sanitarie
    9 luglio 2020 - Alessandro Marescotti
  • ArcelorMittal: fonti azienda, nessuna emissione fuori norma
    Ecologia
    Risposta a PeaceLink

    ArcelorMittal: fonti azienda, nessuna emissione fuori norma

    Il 18 giugno Peacelink, col suo portavoce Alessandro Marescotti, aveva invece dichiarato che “il benzene in via Orsini, nel quartiere Tamburi, è arrivato a 5,7 microgrammi a metro cubo, valore elevato se si considera la serie storica dei valori rilevati in quel quartiere”.
    Agenzia stampa AGI
  • Benzene cancerogeno nel quartiere Tamburi di Taranto
    Ecologia
    Pubblichiamo i dati

    Benzene cancerogeno nel quartiere Tamburi di Taranto

    Il 17 giugno l'ad Lucia Morselli (ArcelorMittal Italia) ha dichiarato a Bruno Vespa: "Dobbiamo essere tutti orgogliosi di questo impianto, il più bell'impianto d'Europa, il più moderno, il più potente, tutti ce lo invidiano". Intanto il benzene della cokeria faceva impennare le centraline.
    19 giugno 2020 - Associazione PeaceLink
  • Open Data, citizen-science e ambientalismo
    Citizen science

    Open Data, citizen-science e ambientalismo

    L'esempio di PeaceLink a Taranto e possibili campagne in Sicilia
    12 giugno 2019 - Francesco Iannuzzelli
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)