Cultura

Lista Cultura

Archivio pubblico

I delitti eccellenti e misteriosi che hanno fatto la storia

Italia da morire

Adele Marini sostiene che il suo libro è profondamente antifascista. Infatti il 25 Aprile è una ricorrenza molto sentita da quella parte di sinistra politica che esiste ancora, ma purtroppo assistiamo al ritorno del fascismo e al revanchismo dell’estrema destra
Laura Tussi16 maggio 2021

Libro - Italia da morire

 

'Italia da morire' libro di Adele Marini.

Edizioni Chiarelettere.

Recensione di Laura Tussi 

 

Il saggio di Adele Marini dal titolo 'Italia da morire' comprende e percorre la storia del nostro martoriato paese dal 1849 al 1940 per indagare morti sospette che vanno da quella di Anita Garibaldi a Ippolito Nievo, da Matteotti a Gramsci.

In totale ben sette celebri e storici protagonisti la cui scomparsa è avvolta nel mistero per cui Adele Marini scrive un romanzo dalle tinte noir come un libro poliziesco, ma molto ben documentato e attendibile e per questo davvero sconcertante: cento anni di storia in forma di noir con il supporto di documenti ufficiali che lasciano trapelare la verità oltre la ragion di Stato. La storia narrata dalla Marini risulta costellata di morti anomale, decessi subitanei, malori occasionali e improbabili e fatali incidenti.

Ma la verità storica è davvero questa? 

L’autrice va oltre quello che racconta la verità ufficiale sui sette protagonisti del libro storico 'Italia da morire'.

Ma dietro questo racconto trapela una verità occulta e parziale, spesso intessuta per nascondere interessi, occultare trame e orditi e giochi di potere.

Con le investigazioni sui documenti ufficiali e sulle fonti storiche, succede di scoprire verità insospettabili e diverse dalla vulgata tramandata nei libri di storia, perché il potere che aveva interesse a mentire, a occultare, a nascondere non ha sempre potuto e non sempre è riuscito a far scomparire tutti gli indizi.

Le verità che trapelano dal romanzo di Adele Marini permettono di restituire alle vittime la dignità di una vita e di esistenze interrotte dalla volontà degli uomini di potere e non dal destino come la storia tramanda.

Il romanzo 'Italia da morire' scritto in forma tra il noir e il poliziesco è una cavalcata nei meandri più oscuri dell’Italia: un saggio che fa venire i brividi e che incute timore per la cruda veridicità degli eventi narrati.

Adele Marini sostiene che il suo libro è profondamente antifascista. Infatti il 25 Aprile è una ricorrenza molto sentita da quella parte di sinistra politica che esiste ancora, ma purtroppo assistiamo al ritorno del fascismo e al revanchismo dell’estrema destra.

La nostra Storia è costellata di strane morti. Con vari elementi in comune: il potere in tutte le sue declinazioni, politico, economico più spesso ricattatorio, il tempismo della successione degli eventi, sempre funzionali agli interessi del potere di turno e le ripercussioni irreversibili e gravi sul tessuto sociale e sulla politica e addirittura sul sentimento comune e condiviso del nostro paese.

Adele Marini ha analizzato l’arco di tempo che va dal 1849 al 1940 per una riscrittura noir della Storia molto ben documentata e determinata e drammaticamente autentica, affrontando la vicenda di ogni vittima come protagonista di un romanzo poliziesco e ogni accadimento come un’inchiesta molto ben dettagliata e documentata ufficialmente.

Il caso che più ha colpito l’autrice tra quelli analizzati è il delitto Matteotti. Matteotti, il deputato e segretario del partito socialista unitario e capo dell’opposizione viene assassinato il 10 giugno 1924 dopo aver denunciato i brogli elettorali e le violenze intimidatorie commesse dai fascisti per orientare le elezioni. Fu assassinato il giorno prima di un altro discorso che avrebbe pronunciato alla camera dei deputati contro Mussolini.

Se Matteotti non fosse stato ucciso in quell’agguato perpetrato da una squadra fascista, la nostra Storia sicuramente sarebbe proseguita su binari diversi e certamente più sicuri e molto meno traumatici e drammatici di quelli che il popolo italiano e il mondo intero hanno vissuto.

Articoli correlati

  • Antonia Sani: riflessioni sul pacifismo
    Pace
    Antonia moglie del maggior documentarista e regista RAI sulla storia dell’antifascismo: Massimo Sani

    Antonia Sani: riflessioni sul pacifismo

    La cara amica Antonia Baraldi Sani, già presidente di Wilpf - Women’s International League For Peace and Freedom Italia, in una nostra conversazione telefonica, riflette sul concetto di pace e di pacifismo.
    30 maggio 2021 - Laura Tussi
  • Atlante dell’uranio
    Cultura
    Testo di riferimento sul nucleare civile e militare nel mondo

    Atlante dell’uranio

    L’Atlante dell’uranio è per tutti noi, amici della nonviolenza, della pace come lotta alle disuguaglianze sociali e del disarmo un testo di riferimento attuale, valido per comprendere che il nucleare non è assolutamente uno sbiadito ricordo del passato, ma una minaccia sempre attuale e molto dannosa
    30 maggio 2021 - Laura Tussi
  • Quando inizia il reality sulla nonviolenza? La prossima settimana?
    Cultura
    Sul programma televisivo "La Caserma"

    Quando inizia il reality sulla nonviolenza? La prossima settimana?

    Quello che propongono i media a mo' di gioco, nella realtà è molto, molto più triste. Cosa vogliamo raccontare ai nostri ragazzi, la finzione o la realtà?
    26 maggio 2021 - Maria Pastore
  • Per una nuova cultura di pace
    Pace
    La cultura di pace del XXI secolo si riassume nel motto “Prima l’umanità, prima le persone”

    Per una nuova cultura di pace

    Noi tutti amici della nonviolenza e del disarmo ci rendiamo sempre più conto di appartenere a un’unica razza e famiglia umana come sostenevano Einstein e il pacifista nonviolento Vittorio Arrigoni, barbaramente assassinato a Gaza in Palestina
    14 maggio 2021 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)