CyberCultura

Inviare troppi sms fa male alla salute

A Genova, una ragazzina di 14 anni, ha sviluppato una tendinite al pollice che le ha bloccato l’articolazione
15 marzo 2005
Gianni Monaco

Se la ricchezza di un paese si misurasse esclusivamente in base al numero di telefonini in rapporto alla popolazione, l’Italia sarebbe il paese più ricco al mondo. Le statistiche parlano chiaro: ogni nostro connazionale, in media, possiede almeno un cellulare. Se dal conteggio escludiamo i bambini piccoli, gli anziani e coloro che per varie patologie non possono usufruirne, il rapporto di 1 a 1 diventa logicamente ancora più alto.

Se da un lato il telefonino ha reso più veloce e dinamica la comunicazione (con tutto ciò che questo comporta…), dall’altro è diventato un pericolo in più per la nostra salute. In Gran Bretagna, dove da tempo si studiano gli effetti dei campi elettromagnetici prodotti dall’apparecchio sulle persone, si alternano rapporti allarmanti e analisi tranquillizzanti. Dove sta dunque la verità?

Gli scienziati più cauti sostengono che, all’attuale stato della conoscenza, non può essere dimostrata una correlazione certa tra tumori cerebrali e utilizzo del telefonino. Questa stessa teoria però, potrebbe essere smentita a breve, in quanto gli studi di cui disponiamo sono riferiti a qualche anno addietro, mentre la vera esplosione del nuovo apparecchio per la comunicazione è recente.
Insomma, per avere analisi più attendibili circa il rapporto tumori-utilizzo cellulari, bisognerà attendere un po’ di tempo.

Nell’attesa di questi dati, si può senza dubbio affermare che, danni alla salute, il telefonino ne provoca. Lo sa bene una ragazzina di 14 anni di Genova che, per aver scritto troppi sms agli amici, ha sviluppato una tendinite talmente grave da bloccarle l’articolazione. Un caso probabilmente non isolato, visto che ad abusare dei <> è il 70% dei teenagers.

Sempre in tema di statistiche, da uno studio condotto una rivista scientifica belga, è emerso che il 10% dei sedicenni si sveglia durante la notte per controllare eventuali <> o messaggi ricevuti. Ma siamo sicuri che i “sonnambuli del terzo millennio” non siano di più?

Articoli correlati

  • Salute e sicurezza sul lavoro: Taranto prima per malattie cancerogene
    Sociale
    Domani è la Giornata mondiale per la salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

    Salute e sicurezza sul lavoro: Taranto prima per malattie cancerogene

    Nel 2018 la maglia nera per il numero assoluto di malattie cancerogene imputabili all’attività lavorativa spetta a Taranto, seguita da Torino, Napoli, Milano, Genova e Venezia.
    27 aprile 2019 - AGI
  • Otto consigli di alimentazione per prevenire il cancro
    Ecodidattica
    Lo studio Epic (European Prospective Investigation in Cancer and Nutrition)

    Otto consigli di alimentazione per prevenire il cancro

    Assolatte ha sintetizzato in otto "dritte nutrizionali" l'enorme mole di informazioni contenute nello studio EPIC. Attenzione all'alcol, ha un effetto cancerogeno. Bene lo yogurt. Promossi l'olio d'oliva e la dieta mediterranea. Prediligere un’alimentazione ricca di fibre e con poca carne rossa.
    10 febbraio 2019
  • Convegno a Taranto:
"Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro e di vita"
    Taranto Sociale
    Comunicato di Medicina democratica

    Convegno a Taranto: "Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro e di vita"

    "I cittadini e i lavoratori di Taranto hanno ragioni “da vendere”- ha aggiunto Caldiroli- per pretendere la chiusura o almeno una drastica riduzione dell'impatto dei processi produttivi maggiormente inquinanti (in particolare dell’area a caldo) degli impianti ex ILVA di Taranto.
    12 aprile 2019 - Medicina democratica
  • Ambiente: domani Consiglio comunale a Taranto, città preoccupata
    Taranto Sociale
    A Palazzo di Città è previsto anche un presidio di cittadini ed associazioni ambientaliste

    Ambiente: domani Consiglio comunale a Taranto, città preoccupata

    Una larga fascia di cittadini è scossa da due recenti decessi per tumore attribuiti all’inquinamento. Quello di una bambina di 5 anni, Marzia e quello di una donna di 53 anni, Annapia, residente nel quartiere Tamburi, flagellato della polveri minerali che il vento trasporta dal siderurgico.
    24 marzo 2019 - AGI
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.20 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)