CyberCultura

Inviare troppi sms fa male alla salute

A Genova, una ragazzina di 14 anni, ha sviluppato una tendinite al pollice che le ha bloccato l’articolazione
15 marzo 2005
Gianni Monaco

Se la ricchezza di un paese si misurasse esclusivamente in base al numero di telefonini in rapporto alla popolazione, l’Italia sarebbe il paese più ricco al mondo. Le statistiche parlano chiaro: ogni nostro connazionale, in media, possiede almeno un cellulare. Se dal conteggio escludiamo i bambini piccoli, gli anziani e coloro che per varie patologie non possono usufruirne, il rapporto di 1 a 1 diventa logicamente ancora più alto.

Se da un lato il telefonino ha reso più veloce e dinamica la comunicazione (con tutto ciò che questo comporta…), dall’altro è diventato un pericolo in più per la nostra salute. In Gran Bretagna, dove da tempo si studiano gli effetti dei campi elettromagnetici prodotti dall’apparecchio sulle persone, si alternano rapporti allarmanti e analisi tranquillizzanti. Dove sta dunque la verità?

Gli scienziati più cauti sostengono che, all’attuale stato della conoscenza, non può essere dimostrata una correlazione certa tra tumori cerebrali e utilizzo del telefonino. Questa stessa teoria però, potrebbe essere smentita a breve, in quanto gli studi di cui disponiamo sono riferiti a qualche anno addietro, mentre la vera esplosione del nuovo apparecchio per la comunicazione è recente.
Insomma, per avere analisi più attendibili circa il rapporto tumori-utilizzo cellulari, bisognerà attendere un po’ di tempo.

Nell’attesa di questi dati, si può senza dubbio affermare che, danni alla salute, il telefonino ne provoca. Lo sa bene una ragazzina di 14 anni di Genova che, per aver scritto troppi sms agli amici, ha sviluppato una tendinite talmente grave da bloccarle l’articolazione. Un caso probabilmente non isolato, visto che ad abusare dei <> è il 70% dei teenagers.

Sempre in tema di statistiche, da uno studio condotto una rivista scientifica belga, è emerso che il 10% dei sedicenni si sveglia durante la notte per controllare eventuali <> o messaggi ricevuti. Ma siamo sicuri che i “sonnambuli del terzo millennio” non siano di più?

Articoli correlati

  • Aumento linfomi a Taranto dovuto ai pesticidi?
    Consumo Critico
    Il vero problema per l'agricoltura è che a poca distanza dall'Ilva si coltivano broccoletti, cavolfiori, finocchi, melanzane, meloni, peperoni, pomodori e rape

    Aumento linfomi a Taranto dovuto ai pesticidi?

    Abbiamo fatto una ricerca per verificare la fondatezza di questa notizia e non abbiamo trovato alcuno studio epidemiologico che la confermi.
    6 novembre 2016 - Redazione Peacelink
  • Anni di vita persi a Taranto
    Ecologia
    Una ricerca comparata sulla speranza di vita in città

    Anni di vita persi a Taranto

    Ogni anno in città si perdono 1340 anni di vita rispetto alla speranza di vita della Puglia. PeaceLink nella conferenza stampa di oggi rinnova la richiesta di un Osservatorio della Mortalità in real time.
    30 settembre 2016 - Redazione Peacelink
  • Lo stile di vita moderno sta uccidendo i nostri figli
    Ecologia

    Lo stile di vita moderno sta uccidendo i nostri figli

    Il tasso dei tumori nei giovani è aumentato del 40% negli ultimi 16 anni
    15 settembre 2016
  • Taranto Sociale
    Convegno internazionale ISEE 2016

    Tumori alla tiroide in eccesso a Taranto in entrambi i sessi

    Lo studio presentato è stato condotto da ricercatrici dell’Istituto Superiore di Sanità sui 44 siti di interesse nazionale per la bonifica (SIN) e ha evidenziate criticità anche in altre città
    8 settembre 2016
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)