CyberCultura

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

Ma quale cyberterrorismo?

Schneier all'attacco: basta aggiungere il termine terrore a qualsiasi cosa per riuscire a guadagnare di più. I defacer? Bambini che si divertono
29 aprile 2005 - Punto Informatico

Londra - Quanti hanno pensato in questi anni che il termine "cyberterrorismo" sia stato spesso usato a sproposito e, talvolta, abbia descritto in modo assai generico, e sì terrorizzante, eventi e fatti che nulla hanno a che vedere con il terrorismo? Questa la domanda da cui è partito un breve ma illuminante intervento a Londra, in occasione di una Conferenza sulla sicurezza, del guru del settore Bruce Schneier.

Secondo Schneier, che è anche la mente di Counterpane Internet Security, quel termine viene sfruttato da alcune compagnie per fomentare la preoccupazione e lucrarci sopra, magari vendendo prodotti "anticyberterror".

"Nessuno - ha spiegato - verrà distrutto e ridotto in bit. Non credo neppure che il cyberterrorismo esista, però se si aggiunge il termine terrorismo alle cose allora si guadagna di più. Se non si può scaricare l'email per un giorno non si è terrorizzati, si è semmai incorsi in un problema". "Dovremmo - ha continuato Schneier - utilizzare il termine terrore per le cose che lo meritano e non per tutto quello che ci fa arrabbiare".

Il celebre esperto di sicurezza non si è però limitato a questo, sostenendo che le ipotesi di una cyberwar globale combattuta a colpi di mouse da eserciti di cracker di diverse grandi potenze è una stupida fantasia. E lo dimostra il fatto, ha spiegato, che pur essendoci disponibilità di smanettoni, in realtà non sia mai accaduto nulla di così disastroso come tante volte annunciato e da molti temuto.

"Non credo - ha spiegato - che ci sia molto cracking da parte dei governi. Sono cose stupide, gli adulti non le fanno. Ma so che ci sono paesi, come Israele la Cina o gli USA e altri ancora, che spendono soldi su organizzazioni militari di cracker".

Ma anche sui defacement, l'imbrattatura di siti spesso istituzionali e spesso con finalità politiche, Schneier ha voluto abbassare la temperatura. "Sono bambini che giocano alla politica - non credo che siano politicamente motivati".

Tra le preoccupazioni di Schneier per il buon funzionamento delle reti si trovano invece i nuovi virus: la possibilità per i virus writer di ottenere dai propri codici malevoli diffusi in rete persino analisi di funzionamento e segnalazioni di bug consente loro di perfezionarli rapidamente.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)