CyberCultura

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Google, dove sono i miei dati?

    La posta elettronica di Gmail, e i documenti personali scritti con GoogleApps, sono archiviati su server sotto la giurisdizione statunitense
    27 marzo 2008 - Francesco Iannuzzelli
  • tendenze

    Il futuro del web è scritto nelle nuvole

    Centri di calcolo Migliaia di pc interconnessi che lavorano come un supercomputer. L'altra faccia dei servizi web
    22 novembre 2007 - Raffaele Mastrolonardo
  • Archiviazione

    Microsoft contro tutti nella lotta sui formati

    L'Iso rimanda a ottobre la patente per Open Xml, ultima possibilità per Bill Gates di mantenere la proprietà sullo standard «.doc» nell'epoca dei formati aperti
    13 settembre 2007 - Raffaele Mastrolonardo
  • Lo sostiene il Los Angeles Times

    "Bill Gates investe sugli inquinatori e poi fa beneficenza"

    Nella giornata di presentazione della nuova Xbox Microsoft un'inchiesta giornalistica solleva dubbi sulla beneficenza di Bill Gates e della moglie. Sotto accusa gli investimenti nello stabilimento dell´Eni, a Ebocha in Nigeria, che vomita sulla popolazione 250 sostanze altamente tossiche, approfittando della inesistente sorveglianza ambientale delle autorità. Secondo i medici di quella zona, asma, bronchite cronica, altre malattie respiratorie sono endemiche. «Qui fumiamo tutti, senza mai accendere una sigaretta» dice una madre.
    Marco Pratellesi

L'Europa sta diventando anti-MS?

Iacopo Risi

Microsoft è ancora sotto torchio a causa della sua politica monopolista, ma stavolta il "nemico" si è maggiormente concentrato nel Vecchio Continente.
Ted Schadler, principale analista di Forrester Research, ha spiegato che il motivo è da individuarsi nel fatto che la mentalità "soldi-a-tutti-i-costi" stia trovando maggior ostilità in Europa anzichè negli USA: "I nemici di Microsoft stanno crescendo nel Vecchio Continente. La software house di Redmond ha perso diversi alleati dopo aver istituito la Licensing 6 ed il suo dispendioso programma di aggiornamento. Molti contratti Microsoft destinati a scadere nel 2004 potrebbero non essere rinnovati".
Il quoziente di gradimento della politica Microsoft e la relativa condizione nel mercato europeo possono essere stati danneggiati anche da due fattori essenzialemnte culturali. In primo luogo sull'Europa si sta attualmente abbattendo il "ciclone" Open Source, che si sta proponendo a grande livello qualitativo su tutto il continente. Il principale analista dello Yankee Group, Laura DiDio, prevede un crescente interesse per questo movimento da parte delle istituzioni governative e della pubblica istruzione. Il secondo è da individuarsi nel crescente sentimento anti-USA, alimentato dallo scisma da parte della NATO e dalla guerra in Iraq: "L'anti-americanismo non risparmia le grandi corporazioni statunitensi e Microsoft è una delle vittime principali" ha spiegato la DiDio.
La software house di Redmond non dovrebbe prendere alla leggera la crisi nel Vecchio Continente, ha dichiarato Schadler, ma combatterla con lo stesso vigore della questione anti-trust negli USA.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.13 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)