CyberCultura

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

    Il FOSS avanza nei Paesi in via di sviluppo (nonostante MS)

    24 maggio 2006 - Bernardo Parrella

    «C’è chi vuole usare il software realizzato collettivamente, ricavandone come valore la condivisione con gli altri membri della comunità. Qualcun altro preferisce invece l’affidabilità e la funzionalità derivanti dal modello del software commerciale. E così alla fin fine ognuno sceglie in base ai propri valori personali». Con questa battuta, Jonathan Murray, vicepresidente di Microsoft Europe, vorrebbe liquidare la comprovata qualità del FOSS (free & open source software) nonché gli evidenti successi del relativo modello collaborativo. Ma la sua breve intervista inclusa nel documentario TV The Code Breakers, trasmesso da BBC World in questi giorni, incontra la secca replica di Nicholas Negroponte: «Per il progetto One Laptop Per Child abbiamo scelto il software libero e open source perché è più affidabile, e perché ciò significa che i bambini potranno contribuire a migliorarlo nel corso del tempo». Il documentario include anche spezzoni di un intervento pubblico in cui Richard Stallman illustra a dovere le virtù del software libero, oltre ad altre interviste con gli animatori di importanti legati al FOSS nei Paesi in via di sviluppo, tra cui le iniziative SchoolNet in Namibia e Digital Doorway in Sud Africa.

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)