CyberCultura

Microsoft denunciata per i virus

Una donna californiana ritiene il big di Redmond responsabile della diffusione di worm e simili, vuole i danni e chiede agli utenti Windows di unirsi a lei in una denuncia collettiva. Da Redmond: i virus li fanno i criminali
6 ottobre 2003 - Punto Informatico

Roma - Microsoft detiene una posizione dominante nel mercato dei sistemi operativi e poiché molti worm e virus si sono diffusi sfruttando vulnerabilità di Windows allora Microsoft deve essere riconosciuta colpevole e pagare i danni. Questa, in sintesi, la tesi di una operatrice cinematografica di Los Angeles, che l'ha espressa in una denuncia formalizzata contro il big di Redmond.

Secondo l’avv. Dana B. Taschner, legale della signora Marcy Hamilton, "se si vive nella modernità allora si è obbligati ad usare Microsoft. Che non può lavarsene le mani e dire: non siamo responsabili". Come noto Microsoft, come peraltro tutte le maggiori softwarehouse, inserisce nei contratti di licenza del proprio software una clausola che la solleva da qualsiasi responsabilità riguardo ad accessi abusivi o malfunzionamenti del software stesso. La Hamilton ha dichiarato di essere stata vittima di un furto di identità che sarebbe stato causato da un accesso abusivo al sistema operativo.

Sean Sundwall, portavoce Microsoft, ha spiegato che l'azienda al momento sta valutando la questione ma ha già anticipato che "questa denuncia sbaglia obiettivo. I problemi causati da virus e altri attacchi di sicurezza sono il risultato di atti criminali da parte di chi scrive virus". "Microsoft - ha aggiunto - ha la sicurezza in cima alle proprie priorità e lavora per sviluppare il software più sicuro possibile".

Nella denuncia si accusa Microsoft, inoltre, di pubblicizzare in modo non sufficiente i problemi di sicurezza e di non fare abbastanza perché gli utenti dei propri software agiscano di conseguenza. Un'accusa che Microsoft respinge ricordando la quantità di documenti e pubblicazioni sulle vulnerabilità pubblicate sul proprio sito web nonché i sistemi di aggiornamento automatico dei sistemi operativi più recenti prodotti dall'azienda. Secondo la denuncia, "gli avvisi di sicurezza rilasciati da Microsoft sono troppo complessi per essere capiti da tutti e invece servono ai cracker più dinamici per sviluppare sistemi per entrare nei sistemi operativi".

La modalità di presentazione della denuncia rende possibile ad altri utenti di software Microsoft di unirsi al procedimento giudiziario, qualora lo ritenessero opportuno. In questo caso darebbero vita ad una class-action suit in cui, contro Microsoft, si scaglierebbero i legali dei singoli consumatori con una potenziale moltiplicazione dei danni qualora l'azienda venisse riconosciuta colpevole al termine del procedimento. Ma proprio contro l'ipotesi che la causa si trasformi in una class-action suit si sta muovendo Microsoft. Sulla cosa dovrà decidere un giudice.

Note: N.d.R.

Naturalmente, il nocciolo della questione non è il solito dilemma "Microsoft o non Microsoft"; qui si tratta di un problema molto più basilare, ovvero l'impossibilità di sapere se il software "chiuso" fa ciò che noi crediamo o se, al contrario, ci arreca danni (a causa di virus, bug, spyware o altro).
Fare causa a questa o a quella società per questo o quel caso specifico, non può essere in tal senso di alcuna utilità.

Federico Razzoli

Articoli correlati

  • CyberCultura

    Google, dove sono i miei dati?

    La posta elettronica di Gmail, e i documenti personali scritti con GoogleApps, sono archiviati su server sotto la giurisdizione statunitense
    27 marzo 2008 - Francesco Iannuzzelli
  • CyberCultura
    tendenze

    Il futuro del web è scritto nelle nuvole

    Centri di calcolo Migliaia di pc interconnessi che lavorano come un supercomputer. L'altra faccia dei servizi web
    22 novembre 2007 - Raffaele Mastrolonardo
  • CyberCultura
    Archiviazione

    Microsoft contro tutti nella lotta sui formati

    L'Iso rimanda a ottobre la patente per Open Xml, ultima possibilità per Bill Gates di mantenere la proprietà sullo standard «.doc» nell'epoca dei formati aperti
    13 settembre 2007 - Raffaele Mastrolonardo
  • Ecologia
    Lo sostiene il Los Angeles Times

    "Bill Gates investe sugli inquinatori e poi fa beneficenza"

    Nella giornata di presentazione della nuova Xbox Microsoft un'inchiesta giornalistica solleva dubbi sulla beneficenza di Bill Gates e della moglie. Sotto accusa gli investimenti nello stabilimento dell´Eni, a Ebocha in Nigeria, che vomita sulla popolazione 250 sostanze altamente tossiche, approfittando della inesistente sorveglianza ambientale delle autorità. Secondo i medici di quella zona, asma, bronchite cronica, altre malattie respiratorie sono endemiche. «Qui fumiamo tutti, senza mai accendere una sigaretta» dice una madre.
    Marco Pratellesi

Prossimi appuntamenti

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.2 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)