CyberCultura

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • New York

    L'era atomica sta per finire - di Alfonso Navarra

    Oggi all'ONU si è varato un Trattato per proibire gli ordigni nucleari.
    7 luglio 2017 - Laura Tussi
  • A New York la riunione ICAN
    Campagna internazionale per la messa al bando delle armi nucleari

    A New York la riunione ICAN

    La mattina di mercoledi 6 luglio affollata riunione dell’ICAN, con quasi un centinaio di partecipanti e molti interventi. La linea che è emersa definisce prioritario il portare a casa il Trattato di fronte alle pressioni ed ai ricatti che crescono per arenare la proibizione giuridica delle armi nucleari.
    6 luglio 2017 - Alfonso Navarra
  • Gli Stati Uniti confermano
    È ufficiale

    Gli Stati Uniti confermano

    Abbiamo spiato i dati online d’oltreoceano
    8 giugno 2013 - Charlie Savage, Edward Wyatt e Peter Baker
  • Assata Shakur non è una terrorista

    Assata Shakur non è una terrorista

    Assata Shakur,ex militante del Black Panther Party e della Black Liberation Army, è stata appena inserita nella lista dei terroristi più pericolosi dall'FBI. In questo articolo l'autore, ripercorrendo in parte la sua storia, difende con forza Shakur dall'accusa di essere una terrorista.
    12 maggio 2013 - Mychal Denzel Smith

Fbi irrompe al meeting hacker

Blitz degli agenti federali alla conferenza «Hope number six», organizzata in un hotel di New York dalla rivista «2600», e arrestano uno dei relatori. Steve Rambam, detective privato e «spione» informatico, avrebbe violato la privacy di un pentito inserito dalle autorità nel programma di protezione dei testimoni
25 luglio 2006 - Giulia Sbarigia
Fonte: Il Manifesto (http://www.ilmanifesto.it)

Steve Rambam, proprietario e ceo dell'agenzia investigativa Pallorium, era pronto per il suo discorso, pochi minuti ancora e avrebbe parlato nella sala allestita all'interno del Pennsylvania Hotel di New York, dove era in corso uno degli appuntamenti più seguiti dagli hacker americani, la conferenza Hope number 6(hope, che vuol dire speranza, in questo caso e in perfetto stile geek, è l'acronimo di Hacker On Planet Earth). «Niente da fare: la privacy è morta» era il titolo del suo intervento. Niente da fare perché, come riferisce il Washington post, quattro agenti dell'Fbi hanno fatto irruzione nell'auditorium dell'hotel e si sono portati via Rambam e il suo computer.
La relazione dell'agente investigativo, che esercita la professione con tanto di autorizzazione conferita dal governo americano, doveva illustrare l'uso di Internet nella ricerca dei dati personali sul conto di qualsiasi cittadino. Per suffragare la sua tesi Rambam si era portato dietro Rick Dakan, un volontario disposto a lasciarsi spiare la vita dalla Pallorium esclusivamente attraverso la Rete. «Gli unici elementi che ho fornito sono stati la mia mail e il mio nome. Ora sanno tutti i posti in cui ho vissuto, tutte le macchine che ho guidato e anche che qualcuno in Alabama ha usato il mio numero della previdenza sociale dal 1983. Hanno trovato ogni informazione sui miei amici, e le loro foto, conoscono tutto sulla vicenda criminale di mio fratello», racconta Dakan mostrando il dossier di 500 pagine che la Pallorium è riuscita ha compilare su di lui.
Forse è proprio questa la ragione dell'arresto di Rambam, oppure, secondo le voci raccolte da qualche blogger, il detective privato sarebbe coinvolto nella violazione dei dati personali di un criminale pentito e inserito nel servizio di protezione dei testimoni dalla polizia federale Usa. Certo è che l'operazione degli inquirenti statunitensi durante il meeting di New York ha portato scompiglio tra i presenti e nella comunità informatica. Sono in molti a pensare che dietro all'irruzione dell'Fbi ci sia la volontà di colpire la manifestazione, punto di riferimento per il net activism e le sfide tecnologiche. Il fondatore di Hope, Eric Corley - ma tutti lo conoscono con il suo nom de plume: Emmanuel Goldstein, come l'acerrimo nemico del Grande Fratello immaginato da George Orwell in 1984- in effetti è un personaggio bersagliato dalle autorità e più di una volta è finito nel centro del mirino. Mente dell'etica hacker, nel 1984 Eric Goldstein ha dato vita alla rivista 2600 The Hacker Quarterly(il 2600 della testata si riferisce agli hertz emessi dai telefoni per dare via libera alle chiamate interurbane, il suono si poteva riprodurre anche con il fischietto in regalo con i cereali Capitan Crunch, un sistema sperimentato per grattare qualche ora di comunicazione gratuita). In quello stesso anno la Apple annunciava l'avvento del Macintosh con uno spot, girato da Ridley Scott e trasmesso durante il Superbowl, che sarebbe entrato nella storia.
Tra i collaboratori di 2006ci sono i nomi più accreditati delle scorrerie cibernetiche: Kevin David Mitnick aka «The Condor», arrestato nel febbraio del 1995 dopo una vita passata a intrufolarsi nei sistemi informatici, Bernie S. e Phiber Optik, catturato dall'Fbi che era ancora minorenne. Lo stesso Corley è diventato il nemico numero uno delle potenti major di Hollywood per avere scritto, diffuso e stampato anche sulle t-shirt il programma DeCss, un software per Linux in grado di sbloccare il sistema di crittografia dei dvd considerato inespugnabile.


Libertà, privacy e insabbiamenti sul pianeta terra
L'Hope (Hackers on Planet Earth ) è la conferenza organizzata dalla rivista «2600, the Hacker's Quarterlyche» che si svolge ogni tre anni a New York e chiama a raccolta non solo hacker, ma appassionati di sfide informatiche e insabbiamenti governativi, attivisti della Rete e curiosi. La sesta edizione (la manifestazione esiste del 1994), allestita all'interno dell'hotel Pennsylvania per una non stop di tre giorni (dal 21 al 23 luglio), ha ospitato personaggi illustri dell'antagonismo informatico per fare il punto su libertà, privacy e futuro delle tecnologie. Sono stati invitati a raccontare la propria esperienza i fondatori del Prometheus Radio Project, emittente nata pirata che si batte contro il monopolio dei media che vige in America; Rop Gonggrijp, fondatore di «What the Hack», il raduno hacker più importante d'Europa, e della storica rivista «HackTic» nonché del primo e più importante provider olandese, Xs4all; Mark Abene (aka Phiber Optik)
Bernie S. e Kevin Mitnick, per parlare di hacker dietro alle sbarre, e ovviamente il guru del free software Richard Stallman.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.13 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)