CyberCultura

Favola sui monopoli

Storiella che parla di FindusXP che pare tutti debbano mangiare: il perché il PC non si possa alimentare di altro cibo, Linux per esempio, lo spiega Mechano.
22 ottobre 2003
Mr. Mechano [mechano@punto-informatico.it]

Favola sui Monopoli

Io produttore di Personal Computer non posso vendere un PC senza il sistema operativo più alla moda... Quello con le faccine sorridenti come i sofficini, il FindusXP. Forse il più diffuso e che tutti si aspettano di trovare sul computer nuovo. Nonostante l'avanzata di qualche alternativa e nonostante non sia il solo, l'unico e il migliore al mondo.

Solo che questo sistema in versione "boxed", con scatola e manualetto, costa circa 200 euro, mettiamola così. Esiste però la versione OEM (Original Equipement Manufacturer) dal prezzo che può cambiare a seconda di accordi economici, può variare dai 90€ e scendere giù fino a 50-60€. Questo costo viene a incidere sul prezzo finale del computer perché alla fine lo paga l'utente del PC. Pensavate che FindusXP fosse in omaggio col PC? no, questo esiste solo nelle storielle a lieto fine mentre in questa favola ci sono solo lupi e orchi.

Ora che succede se il produttore di computer decide di vendere un pò di PC vuoti o anche con un sistema operativo diverso da quello Findu$ozz perché gli sta simpatico un certo pinguino e sempre più gente lo chiede? Nulla finché ne vende pochi. Ma siccome a Findu$ozz sta antipatico l'altro sistema e vuole detenere il monopolio, come avvenne tempo addietro per OS/2 e anche BeOS, se i PC venduti vuoti o con sistemi diversi dovessero diventare troppi rispetto a quelli con FindusXP, allora la Findu$ozz prende le dovute contromisure.

Per esempio chiama l'OEM e gli dice: "Ho saputo che ti piace un mondo pluralista e dove si possa scegliere. Bene, anche io: da oggi ho scelto di alzarti il prezzo delle licenze OEM di FindusXP da 50 a 80 euro l'una".

Il produttore OEM che partecipa anche a numerose gare d'appalto per fornire PC a scuole, amministrazioni pubbliche, catene di megastore tipo Eutronics e Mediasword, deve per forza alzare il prezzo del PC fornito di FindusXP per riprendere il maggior costo delle licenze, diventando automaticamente meno concorrenziale rispetto agli altri produttori e così con prezzi più alti rischia di andare fuori mercato. La morale della favola è che moltissimi produttori OEM rinunciano alla fornitura di qualsiasi alternativa per compiacere a Findu$ozz.

Tanta gente ha il coraggio di dire che col commercio è sempre stato così, è cosa giustissima e perfettamente normale. Così noi dobbiamo sorbirci solo e soltanto sto benedetto Micro$officino FindusXP con tutta la storia di monopolio che ne deriva...

Glielo dicessero a quelli di BeOS, forse uno dei migliori sistemi operativi desktop di tutti i tempi, affossato da queste pratiche. Ma non
è solo stato un problema per BeOS e altri, è un pericolo per noi tutti, un monopolio è sempre sgradito e oppressivo.

Ve la racconto così a mo' di favola perché sennò c'è un'azienda, che produce Microsofficini che può pensare che stiamo parlando di lei...

Articoli correlati

  • CyberCultura

    Google, dove sono i miei dati?

    La posta elettronica di Gmail, e i documenti personali scritti con GoogleApps, sono archiviati su server sotto la giurisdizione statunitense
    27 marzo 2008 - Francesco Iannuzzelli
  • CyberCultura
    tendenze

    Il futuro del web è scritto nelle nuvole

    Centri di calcolo Migliaia di pc interconnessi che lavorano come un supercomputer. L'altra faccia dei servizi web
    22 novembre 2007 - Raffaele Mastrolonardo
  • CyberCultura
    Archiviazione

    Microsoft contro tutti nella lotta sui formati

    L'Iso rimanda a ottobre la patente per Open Xml, ultima possibilità per Bill Gates di mantenere la proprietà sullo standard «.doc» nell'epoca dei formati aperti
    13 settembre 2007 - Raffaele Mastrolonardo
  • Ecologia
    Lo sostiene il Los Angeles Times

    "Bill Gates investe sugli inquinatori e poi fa beneficenza"

    Nella giornata di presentazione della nuova Xbox Microsoft un'inchiesta giornalistica solleva dubbi sulla beneficenza di Bill Gates e della moglie. Sotto accusa gli investimenti nello stabilimento dell´Eni, a Ebocha in Nigeria, che vomita sulla popolazione 250 sostanze altamente tossiche, approfittando della inesistente sorveglianza ambientale delle autorità. Secondo i medici di quella zona, asma, bronchite cronica, altre malattie respiratorie sono endemiche. «Qui fumiamo tutti, senza mai accendere una sigaretta» dice una madre.
    Marco Pratellesi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.20 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)