CyberCultura

Nuove licenze per il mondo Open Source

A Torino si è tenuto nei giorni scorsi un convegno dal titolo "La conoscenza come bene pubblico comune: software, dati, saperi", e durante tale convegno è stato presentato il progetto creative commons.it per la traduzione delle licenze Creative Commons.
20 novembre 2003
Linux Help
Il convegno ha trattato i temi della libera diffusione della conoscenza, della proprietà delle informazioni (brevetti, licenze e copyright) e dei software per trattarle (free o opensource).
Durante il suo intervento, Lawrence Lessig, della Stanford Law School, ha presentato il progetto Creative Commons che si propone di tradurre in italiano le Licenze Creative commons.
Questo progetto è promosso dal Dipartimento per le scienze giuridiche dell'Università di Torino e dallo IEIIT-CNR.
Queste licenze, ispirandosi in parte alla GNU/GPL, garantiscono il libero riutilizzo pubblico di un'opera ma, a differenza della GNU/GPL, non nasce specificatamente per il software, ma per altre tipologie di opere intellettuali: siti web, musica, fotografia, letteratura, etc.
Il sito ufficiale in versione italiana verrà aperto a breve e offrirà servizi su misura per la realtà italiana, mentre è già stata attivata la lista di discussione, che trovate a questo indirizzo: http://lists.ibiblio.org/mailman/listinfo/cc-it/

Articoli correlati

  • What can we learn from the failure of the Alinari company?
    PeaceLink English
    Historical memory

    What can we learn from the failure of the Alinari company?

    The Alinari Archives is one of the most important photographic archives in the world. Its history began in Florence in 1852. The archives contains more than 5 million photographic documents
    25 gennaio 2021 - Capitolo italiano di Creative Commons
  • Dal pensiero strade per innovare
    CyberCultura
    Tesi del Master "Scienza Tecnologia e Innovazione"

    Dal pensiero strade per innovare

    Software e comunicazione digitale, circolazione della conoscenza ed esigenze di tutela della proprietà intellettuale
    28 gennaio 2010 - Lidia Giannotti
  • CyberCultura

    Apriti codice, ed è business

    I vantaggi economici dello sviluppo collettivo del softwareDalle università alle aziende, si scopre che l'open source rende. Qualità, flessibilità e comunità le parole d'ordine. E le istanze etiche, cacciate dalla porta, rientrano così dalla finestra
    22 novembre 2007 - Carola Frediani
  • CyberCultura

    Codici aperti con licenza da uccidere

    «Pericolosa e illiberale». La nuova versione della licenza per il software libero è stata accolta da critiche. A puntare l'indice società informatiche open source che collaborano a progetti con le multinazionali dell'high-tech
    29 agosto 2007 - Benedetto Vecchi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)