CyberCultura

Diario didattico

Mappe concettuali a scuola con la Play Station portatile

Come abbiamo trasferito dal portatile del prof sulle nostre PSP la lezione di storia
14 aprile 2008
Christian Mele (Istituto Righi di Taranto - 2CL)

Oggi, sabato 5 aprile 2008, con il professore d’italiano, abbiamo superato i “limiti scolastici” e realizzato una cosa insolita. Stavamo facendo Storia, precisamente la rinascita dopo il Mille.
Il docente, con il suo solito computer portatile, ha realizzato una mappa concettuale mediante un programma chiamato C-map. Questo software, consigliatoci dal professore, ci permette di realizzare mappe concettuali molto utili che consentono di realizzare un metodo di studio più interessante. Grazie a questo programma possiamo modificare la posizione dei concetti strutturando una mappa in modo molto articolato.
Dopo aver terminato la mappa, il professore ha presentato il suo lavoro alla classe. Gli alunni di scatto si sono alzati e sono andati vicino al portatile, incuriositi dalla mappa concettuale.
Ho approfittato del momento e ho chiesto di poter disporre del file con la mappa concettuale.

Sapendo che al professore piace tutto ciò che è tecnologico, gli ho chiesto se poteva salvare il grafico sulla mia Memory Stick, vale a dire la schedina di memoria della mia Playstation Portable (PsP).
Il professore, vedendo la PsP, non ha rifiutato la proposta e ha salvato la mappa concettuale sulla mia Memory Stick. Lo ha fatto tramite una sua penna USB che può memorizzare i dati su vari formati di schede di memoria. Ma ha anche detto che le prossime volte porta il cavetto USB per trasferire più facilmente i file fra il portatile e la PsP.

Questo fatto mi ha stupito molto perché, come mi sarei aspettato da un insegnante, mi avrebbe dovuto sequestrare la PsP. A scuola infatti non si dovrebbe portare uno strumento del genere usato solitamente per giocare. Stranamente il professore ha invece acconsentito e ha salvato la mappa concettuale in un formato compatibile con la PsP. Sono così riuscito a visualizzare sulla Play Station Portable lo schema grafico della “rinascita dopo il Mille”. Ho inviato questo file alla PsP di un mio compagno, Daniele, tramite il dispositivo wireless (Wi-Fi). In pochi secondi eravamo già in due ad avere sullo schermo della PsP la “rinascita dopo il Mille”.

Durante il processo di trasferimento con il Wi-Fi il professore seguiva con attenzione. Tanto ne era affascinato che ci ha chiesto come avevamo fatto, dato che non c'era in classe una connessione Internet (lo scambio wireless è avvenuto direttamente fra PsP e PsP). Dopo una breve spiegazione il professore ha detto: “Così potremmo evitare di fare le fotocopie”.

Al cambio dell'ora, il prof doveva fare una sostituzione e ci ha chiesto di seguirlo. Siamo andati in un'altra aula per spiegare questo procedimento ad altri alunni, sempre con la nostra PsP in mano.

Ciò che è accaduto in questa giornata per molte persone può significare poco, invece per chi ha una passione, è tanto…

Spero che le scuole possano incominciare a usare metodi di questo genere perché sarebbe bello avere la tecnologia a portata di mano e trasferire informazioni a scuola in modo così immediato.

Articoli correlati

  • Le donne contro la guerra
    Pace
    Nel secondo dopoguerra, si rafforza un impegno contro la guerra sempre più rilevante e capillare

    Le donne contro la guerra

    Il fascismo aveva educato le donne a fare i figli per la guerra, invece le donne i figli devono farli per la pace e per un mondo migliore
    4 dicembre 2021 - Laura Tussi
  • Fascismo è guerra
    Storia della Pace
    Con il regime fascista il pacifismo doveva sparire

    Fascismo è guerra

    Mussolini scrisse: "Il fascismo respinge il pacifismo che nasconde una rinuncia alla lotta, una viltà, di fronte al sacrificio. Solo la guerra porta al massimo di tensione tutte le esigenze umane e imprime un sigillo di nobiltà ai popoli che hanno la virtù di affrontarla"
    9 novembre 2021 - Laura Tussi
  • Il suicidio dell’Europa civile: l'inutile strage
    Pace
    Oltre il 4 novembre, per non dimenticare

    Il suicidio dell’Europa civile: l'inutile strage

    Scongiurando collettivamente tutti i prossimi e futuri 4 novembre. Sotto il comando del generale Cadorna ci furono migliaia di morti e feriti nelle trincee al fronte a causa di strategie insensate e fallimentari.
    4 novembre 2021 - Laura Tussi
  • Alife, un monumento a Gino Strada e a Teresa Sarti
    Pace
    L'impegno della cantautrice Agnese Ginocchio, testimonial di pace e nonviolenza

    Alife, un monumento a Gino Strada e a Teresa Sarti

    Alife, a Gino Strada e a Teresa Sarti fondatori di Emergency, dedicato il primo monumento in ferro battuto in Campania, realizzato dal Maestro Angelo Ciarlo di Letino. Presente il Referente regionale di Emergency Peppino Fiordelisi
    8 ottobre 2021 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)