CyberCultura

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Welcome to StoptheF35.com/Benvenuti a Stop the F35
    Noi, sottoscritti cittadini del Vermont, ci opponiamo alla installazione dell’ F-35 Strike Fighter al Burlington International Airport.

    Welcome to StoptheF35.com/Benvenuti a Stop the F35

    Le lobby di aziende di forniture militari svolgono da sempre un ruolo fondamentale nella politica di difesa e di selezione degli apparati. D’altra parte tutta la politica della sicurezza porta con sé il concetto di salvaguardia degli interessi organizzati.
    16 giugno 2011 - Rossana De Simone
  • CANADA.

    Immigrazione, edili in piazza

    L'Universal Workers Union annuncia una manifestazione il 21 aprile. «Il nostro settore è a rischio»
    14 aprile 2006 - LUIGI DE BIASE
  • Ecuador: il nuovo ambasciatore canadese accusato di aver partecipato al golpe ad Haiti

    l'assemblea permanente dei Diritti Umani accusa Christian Lapoint di aver colaborato a pianificare i lgolpe contro il governo haitiano di Aristid
    15 dicembre 2005
  • Il giorno della prima foca

    Il giorno della prima foca

    Migliaia di cacciatori armati con arpioni, fucili e fiocine scendono sui ghiacci del Canada orientale. Per uccidere oltre 300.000 cuccioli di foca, da oggi fino al 15 maggio.
    La caccia è appena cominciata. Frutterà circa 8 milioni di euro, e la condanna come "barbarica" da parte di tutte le organizzazioni protezioniste.
    30 marzo 2005 - Stefano Carnazzi

Canada, bucati server militari

Per cinque volte nel 2003 alcuni cracker sono riusciti a superare le difese informatiche di alcuni dei sistemi centrali. Lo rivela un rapporto appena pubblicato
15 luglio 2004 - Punto Informatico

Ottawa (Canada) - Quanto spesso succede che uno o più cracker riescano ad insinuarsi in network governativi, lasciarvi trojan ed altri tool e da lì reperire informazioni? In Canada questo è accaduto almeno cinque volte nel corso del 2003 secodo un rapporto sulla sicurezza stilato dagli esperti del Dipartimento della Difesa.

Al contrario di quanto accade in molti paesi, dove certi attacchi non vengono resi noti e non sono documentati alla stampa, nel caso del Canada le autorità hanno inserito alcune notizie su queste aggressioni, depurate di alcuni dettagli, all'interno di uno studio che tocca anche altri fronti della sicurezza informatica militare.

Nell'insieme, il CIRT, il Centro per la sicurezza informatica della Difesa canadese, ha registrato nel corso del 2003 "soltanto" 160 eventi di rischio o di attacco, un numero ben inferiore a quello in passato registrato dalla Difesa statunitense.

Ma se in molti casi si è trattato perlopiù di dipendenti del Dipartimento poco attenti alla sicurezza, capaci per esempio di utilizzare un software peer-to-peer senza le dovute precauzioni, o di aprire email condite da codice pericoloso, in alcune occasioni è accaduto qualcosa di più grave.

Le cinque incursioni registrate potrebbero essere nate da attacchi di cracker privi di un preciso obiettivo oppure, hanno fatto capire le autorità, di cracker motivati e finanziati da servizi segreti di altri paesi. Tutti e cinque i casi sono classificati come "accesso privilegiato non autorizzato", una classificazione che risponde al livello più alto di accesso e che ha dunque consentito di entrare in contatto con materiali riservati, sebbene il Dipartimento si sia ben guardato dal dettagliare quali siano questi preziosi contenuti.

Oltre a queste aggressioni, ne sono state registrate altre 35 definite "malicious logic" e "accesso limitato non autorizzato", forme di attacco meno intrusive che hanno talvolta posizionato tool di cracking all'interno di computer della Difesa non sufficientemente protetti.

Da parte loro, gli esperti del Ministero affermano che non è possibile garantire una sicurezza totale per i computer connessi al network, mentre è invece possibile attuare un monitoraggio continuo per sventare eventuali minacce in corso.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.13 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)