CyberCultura

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

    Fatti e fantasia nel rapporto Microsoft-SCO

    C'è forse Microsoft dietro l'attacco di SCO al mondo del software libero e open source? E se sì, fino a che punto? Domande che, serpeggianti fin dall'inizio della saga SCO, sono rimaste irrisolte nonostante pettegolezzi e mezze prove. Dando così linfa all'ennesima "conspiration theory" che nel frattempo è montata non poco. Anche perché le varie memo Halloween di Raymond hanno chiarito come sia stato proprio il supporto finanziario di Microsoft (per due volte nel 2003) ad assicurare il lancio di una querelle legale dai costi esorbitanti. Anche se, ad onor del vero, altrettanto chiaro è che finora il gigante di Redmond non abbia manovrato alcunché in maniera diretta.
    20 novembre 2004 - Bernardo Parrella

    Nel tentativo di "separare i fatti dalla fantasia", News.com propone ora un puntuale e lungo articolo strutturato a mo' di FAQ onde puntualizzare al meglio lo scenario complessivo odierno. Dove si evince, ad esempio, come lo stesso Darryl McBride abbia riconosciuto l'importanza del sostegno di Microsoft, diretto o indiretto che sia stato: 16,6 milioni versati in varie rate a partire da inizio 2003 per una licenza Unix più un investimento di 50 milioni firmato da BayStar Capital in autunno, dietro suggerimento di Microsoft. Il cui comportamento, ribadisce una domanda successiva, non ha comunque violato alcuna normativa, pur se è parso muoversi con attenzione sulla sottile di demarcazione legale.

    Da cui discende un altro punto caldo: tutto questo interesse pro SCO non evidenzia forse la disperazione di Microsoft nella battaglia per bloccare con qualunque mezzo l'avanzare di Linux? Nessun dubbio su questo, spiegano i redattori di News.com. Eppure, nonostante il clamore, la mossa non sembra aver arrestato tale crescita. Mentre d'altro canto l'impatto su SCO si va rivelando a dir poco disastroso. Basti citare che recentemente le azioni sono scese a meno di tre dollari l'una, da una un massimo di 22,29 di un anno fa. E pur se McBride e soci sono convinti che alla fin fine avranno partita vinta in tribunale, la causa appare ben lontana dalla risoluzione -- meno che mai a favore di SCO.

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)