Disarmo

Lista Disarmo

Archivio pubblico

Armi chimiche indistruttibili

U.S.A. e Russia hanno dichiarato recentemente che non riusciranno a rispettare la data del 29 Aprile 2007, stabilita dalla convenzione sulle armi chimiche per la distruzione degli arsenali chimici in loro possesso. Le giustificazioni della Russia sono semplici, non hanno abbastanza soldi per distruggere le armi chimiche. Quelle degli U.S.A.sono un po' piu complesse ed evidenziano la gravita' del problema. E' evidente che mantenere immagazzinate da qualche parte le loro 32.000 tonnellate di gas nervino e altri veleni rappresenta comunque un pericolo, come il recente incendio nei pressi di Los Alamos dimostra. Ma distruggerle sembra ancor piu' difficile e pericoloso; le associazioni ambientaliste hanno fatto notare come le procedure stabilite per l'incenerimento sono rischiose perche' rilasciano nell'aria dei componenti a loro volta tossici, e perche' comunque questo non mette al riparo da rischi di fughe durante l'operazione. Infatti si sono verificati due incidenti in questo mese presso l'inceneritore di Tooele (Utah), con il rilascio accidentale di gas nervino nell'ambiente. Sono stati ipotizzati altri metodi di distruzione dell'arsenale chimico statunitense, che pero' a loro volta generano altri agenti chimici a loro volta pericolosi e da distruggere. In alternativa c'e' anche il rischio di innescare altre reazioni chimiche o addirittura esplosioni se le procedure non vengono svolte con enormi precauzioni. La situazione appare quasi paradossale: le superpotenze che hanno percorso la folle via degli armamenti chimici, pur avendo compreso che sono da abbandonare e da distruggere, ora non sanno neanche come fare a distruggerli.

Articoli correlati

  • Sanzioni alla Russia: efficaci o solo chiacchiere?
    Economia
    Mentre la Nato invia armi in Ucraina le banche europee triplicano i loro profitti in Russia

    Sanzioni alla Russia: efficaci o solo chiacchiere?

    Il Financial Times rivela che le sette principali banche europee - tra cui anche UniCredit e Intesa Sanpaolo - hanno registrato in Russia un profitto combinato di oltre 3 miliardi di euro nel 2023. Una cifra tripla rispetto a quanto guadagnato nel 2021.
    30 aprile 2024 - Alessandro Marescotti
  • La nostra solidarietà ai giovani americani
    Editoriale
    Protestano pacificamente contro il sostegno militare Usa all'esercito israeliano

    La nostra solidarietà ai giovani americani

    Chiedono un cambiamento significativo nella politica di Biden verso Israele ma ottengono pallottole e arresti. Catherine Elias - leader della protesta - dice: "Siamo nel Paese che non solo finanzia, ma produce e crea anche la maggior parte delle bombe che vengono lanciate su Gaza".
    26 aprile 2024 - Redazione PeaceLink
  • Cosa sarebbe accaduto se l'Ucraina fosse entrata nella Nato e Putin non l'avesse invasa?
    Conflitti
    In problema dell'articolo 5 dello Statuto Nato

    Cosa sarebbe accaduto se l'Ucraina fosse entrata nella Nato e Putin non l'avesse invasa?

    Facciamo l'ipotesi che navi ucraine fossero entrate nelle acque territoriali della Crimea e che la Russia avesse reagito affondandole. Le acque territoriali della Crimea per la Russia sono russe e per l'Ucraina sono ucraine.
    21 aprile 2024 - Alessandro Marescotti
  • Russia, il miglior risultato manifatturiero dal 2006
    Economia
    Elon Musk raccomanda una soluzione negoziata prima che sia troppo tardi

    Russia, il miglior risultato manifatturiero dal 2006

    Le sanzioni contro la Russia non hanno portato al crollo immediato come molti nella Nato speravano. Questo ha causato un cambiamento di rotta privilegiando l'invio di armi che in un primo tempo dovevano servire a far resistere l'Ucraina in attesa che le sanzioni paralizzassero Putin.
    1 aprile 2024 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.7.15 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)