Disarmo

RSS logo

Mailing-list Disarmo

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Disarmo

...

Articoli correlati

  • Uranio impoverito, una strage di Stato
    I militari italiani colpiti da patologie oncologiche riconducibili all'esposizione a nanoparticelle di metalli pesanti come l'uranio impoverito

    Uranio impoverito, una strage di Stato

    Luciano Cipriani maresciallo dell’Aeronautica militare aveva 47 anni. Nel suo curriculum diverse missioni all’estero, Kosovo, Afghanistan. Aveva respirato a pieni polmoni l’aria di quei luoghi e calpestato le terre avvelenate dalle nanoparticelle, tutto senza protezioni.
    9 agosto 2016 - Cinzia Palmacci
  • Uranio impoverito, avevamo ragione
    La lunga lotta di PeaceLink per fare luce sulla Sindrome dei Balcani e sui bombardamenti con uranio impoverito nel mondo

    Uranio impoverito, avevamo ragione

    Il ministero della Difesa è stato giudicato per “condotta omissiva” e condannato al risarcimento di un milione e mezzo di euro alla famiglia del caporalmaggiore Salvatore Vacca
    23 maggio 2016 - Alessandro Marescotti
  • Franca Rame...e il cuor farà tremila capriole

    Franca Rame...e il cuor farà tremila capriole

    30 maggio 2013 - Nadia Redoglia
  • Uranio impoverito. Carlo Calcagni scrive alle istituzioni. "I soldi per gli armamenti vengano destinati alla sanità"
    Si tagliano continuamente i fondi per la sanità, mentre si continua a sprecare denaro pubblico in armamenti

    Uranio impoverito. Carlo Calcagni scrive alle istituzioni. "I soldi per gli armamenti vengano destinati alla sanità"

    "Stiamo morendo in una nuova trincea, quella fredda e buia della burocrazia e in quella ancor più spietata dell’indifferenza delle istituzioni militari, in una trincea strana in cui nessuno ti copre le spalle.."
    23 novembre 2012 - Gabriele Caforio

Uranio impoverito e... brevettato

Francesco Iannuzzelli13 novembre 2002 - Francesco Iannuzzelli

Durante la campagna contro l'uranio impoverito spesso ci siamo trovati di fronte al problema di capire dove e come siano state usate armi con uranio impoverito nel corso delle recenti guerre (Iraq, Bosnia, Kosovo, Afghanistan); le indicazioni fornite a riguardo dai militari e dai governanti sono state spesso fuorvianti e incomplete, impedendo cosi' di informare la popolazione locale (e gli eventuali militari ancora presenti nell'area) e di prevenire i danni alla salute e all'ambiente.

Al crimine relativo all'uso di queste armi da parte di USA e Nato si e' cosi' aggiunto il crimine di non fornire informazioni sull'uso delle stesse a guerra ormai conclusa, o ancor peggio di fornire informazioni false.

Proprio in questi giorni il ricercatore indipendente inglese Dai Williams ha fatto una scoperta semplice ma molto importante: gran parte delle bombe utilizzate dagli Usa e dalla Nato nel corso delle ultime guerre, e gli stessi missili Tomahawk, sono costruite in modo da poter ospitare testate con uranio impoverito.

Sei brevetti di testate sono stati infatti depositati nel corso degli ultimi anni presso l'ufficio brevetti statunitense, ed in essi si fa chiaro riferimento alla possibilita' di utilizzare uranio impoverito al posto del tradizionale (e piu' costoso) tungsteno. Queste testate con uranio impoverito possono essere utilizzate nelle bombe GBU-15, 24, 27, 28, 31, 37 e nei missili AGM-130 e Tomahawk. Queste bombe, piu' spesso note col nome di "bombe intelligenti", sono state usate estensivamente nei
Balcani e in Afghanistan.

Molte volte i portavoci della difesa e ministri vari (c'e' anche un rapporto presentato al parlamento inglese nel 2001) hanno dichiarato che questo tipo di armi non possono contenere uranio impoverito, perche' tecnicamente impossibile. Falso. Non solo e' possibile, ma pure brevettato e anche da parecchio tempo (i primi brevetti risalgono al 1997).

La descrizione dei brevetti e' naturalmente di pubblico dominio (chiunque puo' interrogare il database del US Patent Office su internet), ed e' piu' che lecito aspettarsi che chi si occupa di queste armi, dai militari ai ministri della difesa, ne sia informato.

Le menzogne dei portavoci del Pentagono e dei ministri della difesa della Nato gettano quindi dei sospetti piu' che giustificati sull'uso reale di uranio impoverito nei Balcani e in Afghanistan. La Nato ha ammesso di aver utilizzato solo proiettili all'uranio impoverito e non bombe, durante la guerra contro la Jugoslavia del 1999. Ogni proiettile conteneva 300 grammi di uranio impoverito.

Ma le bombe guidate possono contenere decine di chili di uranio impoverito, come viene confermato anche da questi brevetti.
Sono state utilizzate a centinaia nei Balcani, a migliaia in Afghanistan. E proprio di recente la loro produzione e' stata intensificata, in vista della prossima guerra in Iraq.

Note:

Il rapporto di Dai Williams e' disponibile a questo indirizzo:
http://www.eoslifework.co.uk/u23.htm#USpatreport

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.7 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)