Disarmo

RSS logo

Mailing-list Disarmo

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • Conto Corrente Bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Disarmo

...

Articoli correlati

  • Petrolio, armi e nucleare al tempo di Trump e relazioni con NATO, Europa e Italia
    L'amministrazione "spianerà la strada verso il dominio energetico USA"

    Petrolio, armi e nucleare al tempo di Trump e relazioni con NATO, Europa e Italia

    Agli USA interessa davvero sostenere l’asse Arabia Saudita, Emirati, Egitto e Israele piuttosto che Qatar e Turchia? O piuttosto compromettere quello fra Siria, Iran e Russia?
    7 luglio 2017 - Rossana De Simone
  • Aumentano le prove di crimini di guerra a Gaza. Amnesty International chiede agli Usa di fermare i trasferimenti di armi a Israele

    Aumentano le prove di crimini di guerra a Gaza. Amnesty International chiede agli Usa di fermare i trasferimenti di armi a Israele

    Il governo Usa sta gettando benzina sul fuoco attraverso la continua fornitura delle armi usate dalle forze armate israeliane per violare i diritti umani
    2 agosto 2014 - Rossana De Simone
  • Due "vecchi antagonisti" stanno tentando di trovare il modo per assorbire le trasformazioni, che cambierebbero l'ordine regionale, per mantenere le reciproche posizioni di potere.

    Iran e Nazioni Unite?

    Dalla sua partenza per New York al suo ritorno, sono stati impiccati trentasette (37) carcerati nei cortili oppure pubblicamente nelle piazze
    1 ottobre 2013 - Mohsen Hamzehian
  • “SI” alla denuclearizzazione euromediterranea

    APPELLO alla PACE: “NO” ai venti di guerra sul nucleare iraniano

    Il governo dello Stato di Israele, con dichiarazioni, dapprima fatte filtrare all’esterno e poi con dichiarazioni pubbliche di alcuni suoi principali rappresentanti, caldeggia l’uso della propria forza militare per impedire che lo Stato iraniano possa eventualmente dotarsi di armi nucleari trasformando la propria energia nucleare “civile” in “militare”. Ecco come puoi firmare l'appello
    9 luglio 2013 - Laura Tussi

L'Iran vuole proseguire il suo programma nucleare

Dichiarazione del Direttore Generale della IAEA Mohamed El Baradei e risposta da parte dei vertici iraniani
2 agosto 2005 - Bernardo Venturi
Fonte: La Repubblica.it; iaea.org; Washington Post

La decisione dell'Iran per procedere a sviluppare un piano nucleare civile sembra irreversibile. "La decisione politica è stata presa. Lo abbiamo comunicato con una lettera all'IAEA (l'Agenzia internazionale per l'energia atomica)", ha detto il portavoce del Consiglio Nazionale Supremo di Sicurezza Ali Aghamohammadi. "Smentisco qualunque ipotesi di rinvio", ha concluso.

I timori dei paesi occidentali (Stati Uniti, Germania, Francia e Regno Unito in primis) sono che i piani che l'Iran sta sviluppando non sono solo civili.
Teheran ha pertanto respinto richieste e minacce dell'Unione Europea e degli Stati Uniti.
Tuttavia, scrive il Washington Post, questo non significa che l'Iran avrà la bomba atomica in tempi brevi: ci vorranno almeno dieci anni, secondo la previsione fatta dall'intelligence statunitense, che contrasta con quanto finora sostenuto dall'amministrazione Bush, convinta che Teheran sia molto più vicina a dotarsi dell'arma atomica.

La nuova valutazione dell'intelligence, contenuta nel cosiddetto National Intelligence Estimate (Nie), si differenzia da quelle precedenti, che indicavano in cinque anni il tempo massimo entro il quale il regime iraniano avrebbe sviluppato la bomba nucleare.

Il nuovo rapporto, osserva il quotidiano americano ricordando che finora la Casa Bianca non ha mai offerto alcuna prova a sostegno delle accuse contro Teheran, offre dunque più tempo alla diplomazia per tentare di disinnescare la minaccia nucleare iraniana. Allo stesso tempo, però, il Nie contiene "indicazioni credibili" su un'azione clandestina dell'Iran sulla quale però non ci sono informazioni sufficienti per collegarla direttamente al programma nucleare.

Questa e' la dichiarazione ufficiale di El Baradei lanciata ieri:

"I call on Iran to continue the negotiation process with the E3/EU and not to take any action that might prejudice the process at this critical stage when the E3/EU are expected to deliver a package addressing security and political, economic and nuclear issues.

I also call on Iran not to take any unilateral action that could undermine the Agency inspection process at a time when the Agency is making steady progress in resolving outstanding issues".

Ricordiamo che anche l'Italia ha ottimi rapporti commerciali con l'Iran e potrebbe giocare un ruolo importante di mediazione attraverso l'Unione Europea.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)