Disarmo

RSS logo

Mailing-list Disarmo

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • Conto Corrente Bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Disarmo

...

Articoli correlati

  • Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace
    Jalal Talabani non è stato soltanto, fino al 2014, il Presidente della Repubblica dell’Iraq. E’ stato il garante istituzionale di un Paese nato esattamente un secolo fa.

    Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace

    E’ trascorsa una settimana dal Referendum - così a lungo atteso - per l’indipendenza del Kurdistan Iracheno. Oggi la notizia della morte di Jalal Talabani. I due eventi, casualmente così ravvicinati, sembrano concatenarsi in una sequenza simbolica di passaggio di testimone.
    4 ottobre 2017 - Andrea Misuri
  • Il caso Charlie Gard
    Una riflessione critica

    Il caso Charlie Gard

    Charlie Gard è un neonato di dieci mesi ricoverato a Londra per una rara malattia che, secondo i medici inglesi, non può esser curata. Su decisione della High Court britannica Charlie morirà perché qualsiasi altro tentativo di tenerlo in vita sarebbe puro accanimento terapeutico. Sono mamma di un bambino che è stato in una situazione simile. Gemello nato troppo piccolo, complicazioni estremamente gravi. Coma. Danni che sembravano irreparabili, medici che consigliavano per mesi di non alimentarlo più, tutti tranne una neonatologa che con me ci ha creduto, che ha sperimentato una cura assolutamente nuova e che reinventava ogni giorno seguendo un protocollo che non esisteva ancora.
    1 luglio 2017 - Antonia Battaglia
  • Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Ma si riuscirà mai, per dirla con don Lorenzo Milani, a far strada agli impoveriti senza farsi strada? Portare al centro della politica gli ultimi, gli emarginati, gli impoveriti, i lavoratori, chi lotta contro le ingiustizie, le mafie, la disumanità e la barbarie delle guerre, facendo quanti più passi indietro perché siano loro a farne almeno una volta, almeno uno, avanti? Ma non sarebbe quasi ora di domandarsi, anche se non so quanti hanno fratelli che sono figli unici, se siamo ancora convinti che esistono gli sfruttati, i malpagati, i frustati, i calpestati e gli odiati e la vicinanza/distanza da loro?
    2 giugno 2017 - Alessio Di Florio
  • Che cosa era la guerra?
    A ogni incontro, Gulala riporta una frase esplicativa nella sua semplicità, della poetessa americana Eve Merriam: “Io sogno di dare alla luce un bambino che chieda: Mamma, che cosa era la guerra?”

    Che cosa era la guerra?

    Brevi note dopo la cena-incontro solidale che da Campi Bisenzio ha dato voce a chi dall'Italia lavora per Kurdistan Save the Children. Un progetto che prosegue, un ponte reciproco con la regione tormentata del Nord Iraq.
    6 marzo 2017 - Andrea Misuri

I bambini senza occhi

Inquietante aumento di malformazioni rarissime tra i bambini nati in Iraq
Francesco Iannuzzelli18 giugno 2001 - Francesco Iannuzzelli

Banin e' una bambina irachena di 4 mesi che dalla nascita non ha mai aperto le palpebre; e' nata infatti senza occhi, con le palpebre accorciate e ripiegate. Ha pero' le ghiandole lacrimali, come dimostrano le lacrime che passano attraverso le sottili fessure.

Il padre di Banin e' un soldato che ha prestato servizio sui carri armati bombardati con proiettili all'uranio impoverito, durante la guerra del golfo del 1991. Inoltre un missile Tomahawk e' esploso vicino alla sua casa poco tempo prima del concepimento.

Il caso di Banin dovrebbe essere rarissimo, come testimonia la letteratura oftalmica; in media un caso su 50 milioni di nascite. Come riporta pero' un recente articolo apparso sul Dutch Journal of Medical Science, i medici iracheni stanno segnalando un abnormale aumento di questi casi, gia' 9 negli ultimi 2 anni. Alcuni medici fiamminghi si sono recati in Iraq per verificare di persona la situazione e hanno riscontrato una casistica impressionante: i bambini nati con malformazioni agli occhi o di altro tipo sono tanti, una media di 20 su 4000 nascite.

Tutti questi bambini e bambine sono nati da padri esposti all'uranio impoverito durante la guerra del golfo.

Il Dr. Mohammed Salman ha lanciato un appello su internet perche' c'e' bisogno di aiuto, non solo di medicinali ma anche di conoscenze mediche e scientifiche per curare questi bambini.

L'appello intende anche denunciare l'uso intenzionale dell'uranio impoverito da parte deli U.S.A. come arma di distruzione di massa, che sta ora propagando i suoi effetti micidiali attraverso le generazioni future. Inoltre lo scambio delle necessarie informazioni mediche.e' impedito dall'embargo (anche questa e' un'arma micidiale che colpisce direttamente la popolazione).

L'appello e' stato raccolto dall'associazione degli oculisti delle Fiandre che lo riportano sul loro sito http://www.vvov.be (purtroppo in olandese).

Potete comunque leggere l'appello del Dr. Salman a questo indirizzo http://www.uruklink.net/iraqnews/echild.htm

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)