Disarmo

Lista Disarmo

Archivio pubblico

I bambini senza occhi

Inquietante aumento di malformazioni rarissime tra i bambini nati in Iraq
Francesco Iannuzzelli18 giugno 2001

Banin e' una bambina irachena di 4 mesi che dalla nascita non ha mai aperto le palpebre; e' nata infatti senza occhi, con le palpebre accorciate e ripiegate. Ha pero' le ghiandole lacrimali, come dimostrano le lacrime che passano attraverso le sottili fessure.

Il padre di Banin e' un soldato che ha prestato servizio sui carri armati bombardati con proiettili all'uranio impoverito, durante la guerra del golfo del 1991. Inoltre un missile Tomahawk e' esploso vicino alla sua casa poco tempo prima del concepimento.

Il caso di Banin dovrebbe essere rarissimo, come testimonia la letteratura oftalmica; in media un caso su 50 milioni di nascite. Come riporta pero' un recente articolo apparso sul Dutch Journal of Medical Science, i medici iracheni stanno segnalando un abnormale aumento di questi casi, gia' 9 negli ultimi 2 anni. Alcuni medici fiamminghi si sono recati in Iraq per verificare di persona la situazione e hanno riscontrato una casistica impressionante: i bambini nati con malformazioni agli occhi o di altro tipo sono tanti, una media di 20 su 4000 nascite.

Tutti questi bambini e bambine sono nati da padri esposti all'uranio impoverito durante la guerra del golfo.

Il Dr. Mohammed Salman ha lanciato un appello su internet perche' c'e' bisogno di aiuto, non solo di medicinali ma anche di conoscenze mediche e scientifiche per curare questi bambini.

L'appello intende anche denunciare l'uso intenzionale dell'uranio impoverito da parte deli U.S.A. come arma di distruzione di massa, che sta ora propagando i suoi effetti micidiali attraverso le generazioni future. Inoltre lo scambio delle necessarie informazioni mediche.e' impedito dall'embargo (anche questa e' un'arma micidiale che colpisce direttamente la popolazione).

L'appello e' stato raccolto dall'associazione degli oculisti delle Fiandre che lo riportano sul loro sito http://www.vvov.be (purtroppo in olandese).

Potete comunque leggere l'appello del Dr. Salman a questo indirizzo http://www.uruklink.net/iraqnews/echild.htm

Articoli correlati

  • Abbandoniamo i pesanti deficit di parresia su guerra, terrorismo ed economia
    Conflitti

    Abbandoniamo i pesanti deficit di parresia su guerra, terrorismo ed economia

    Abbandoniamo l’alta filosofia, le raffinate (o interessate?) analisi geopolitiche o sociologiche. Mettiamo in fila, uno dopo l’altro, le banali, lineari verità che questi tempi ci raccontano. Ma che sembra proibito dire, un po’ come il famoso bambino del “vestito nuovo dell’imperatore”.
    3 gennaio 2019 - Alessio Di Florio
  • Iqbal aveva 150 milioni di fratelli
    Pace
    Chi, come, dove e quanti

    Iqbal aveva 150 milioni di fratelli

    Il lavoro infantile nel mondo: la realtà, le cause e le proposte. Le immagini di una tragedia che richiede una risposta di giustizia
    Redazione PeaceLink
  • "Ho pianto per i bambini di Taranto e per questa infanzia negata"
    Legami di ferro
    L'Unicef si schiera al fianco di Taranto e dei suoi bambini vittime dell'inquinamento

    "Ho pianto per i bambini di Taranto e per questa infanzia negata"

    Andrea Iacomini, portavoce nazionale Unicef Italia, celebra a Taranto la convenzione ONU sui diritti dell'infanzia e dell'adolescenza. E dichiara: "Il nostro mandato è di proteggere i bambini ovunque essi siano". E poi: "Il caso ILVA non è chiuso, i bambini qui vivono una condizione impressionante".
    24 novembre 2018 - Beatrice Ruscio
  • Inquinamento e bambini: per crescere ci vuole aria pulita
    Ecologia
    Oltre il 90% dei bambini al mondo respira aria tossica ogni giorno.

    Inquinamento e bambini: per crescere ci vuole aria pulita

    Un nuovo rapporto dell'OMS esamina il pesante bilancio dell'inquinamento atmosferico sulla salute dei bambini nel mondo.
    3 novembre 2018
    Traduzione a cura di PeaceLink

Prossimi appuntamenti

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.9 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)