Disarmo

Lista Disarmo

Archivio pubblico

COMUNICATO STAMPA

Rischio nucleare a Taranto

9 febbraio 2000

Il quotidiano "Il Manifesto" del 9 febbraio ha riportato un documento riservato della Marina Militare Italiana con il piano di emergenza in caso di incidente atomico per navi e sommergibili a propulsione nucleare.

In questo documento compare la lista dei porti militari dove si puo' verificare tale incidente atomico: fra questi c'e' Taranto.

La Marina Militare Italiana non ha navi o sommergibili a propulsione atomica, ma la Nato si', come ha ampiamente documentato Greenpeace grazie a carte acquisite con il FOIA (Freedom of Information Act).

Considerato che l'Italia ha bandito con un referendum le centrali nucleari per l'intrinseca pericolosita', appare fondato l'allarme generato da un possibile incidente a navi e sottomarini il cui propulsore nucleare e' soggetto a spostamenti, sollecitazioni e incidenti che lo rendono piu' vulnerabile rispetto al classico reattore di una centrale atomica di terra.

Il propulsore nucleare delle navi e dei sottomarini e' infatti una centrale atomica in piena regola, ma e' privo delle pesanti schermature di sicurezza dei reattori atomici civili basati sulla terraferma, troppo pesanti per essere installate a bordo.

I propulsori atomici militari sono soggetti alle leggi civili e pertanto chiediamo al Prefetto di rendere pubblici i piani di emergenza ed evacuazione in caso di incidente atomico.

Chiediamo ai parlamentari di presentare interrogazioni e di rendere di pubblico dominio ogni particolare utile a chiarire questa vicenda su cui e' stato mantenuto in tutti questi anni il piu' inquietante silenzio. Essi stessi sono stati esclusi dalla conoscenza di informazioni che, come rappresentanti del popolo, erano interessati e forse tenuti a sapere.

Infatti dal documento riservato pubblicato dal "Manifesto" appaiono unicamente le misure di protezione adottare dalla Marina Militare a tutela dei militari mentre e' completamente a noi sconosciuto il punto che ci riguarda: quale tutela ha la popolazione civile?
Ricordiamo che - in caso di grave incidente - la normativa vigente parla di piani di evacuazione di cui la popolazione deve conoscere preventivamente la portata e le modalita' di esecuzione.

Ricordiamo che una rottura del propulsore nucleare provocherebbe la fuoriuscita di plutonio; sulla base della documentazione scientifica disponibile si sa che il cui tempo di dimezzamento radioattivo e' di 24 mila anni, con un'incidenza cancerogena pari a 9 miliardi (si': 9 miliardi) di tumori ai polmoni per ogni chilo di plutonio disperso nell'ambiente e che entri nell'organismo umano.

Il livello di gravità dell'incidente atomico e' classificato, nel documento riservato della Marina Militare, documento che noi comuni cittadini non avremmo dovuto mai conoscere, in tre livelli con nomi in codice:

Alfa - contaminazione di area non abitata

Bravo - incidente che comporta la minaccia di contaminazione di un'area abitata

Charlie - incidente che comporti un pericolo immediato per la popolazione locale e nel quale siano coinvolte persone in tale numero che le operazioni di bonifica e di salvataggio risultano seriamente ostacolate, o in cui dette persone corrano il pericolo di contaminazione

Chiediamo pertanto ai parlamentari se non sia giunto il momento di eliminare ogni segreto su simili questioni.

Chiediamo infine che sia costituito istituzionalmente a livello locale un apposito gruppo di informazione e consultazione su queste tematiche, coinvolgendo le associazioni che si occupano dell'ambiente, della pace e della protezione civile e tenendo presso la prefettura - in pubblica consultazione - un apposito registro di tutte le navi Nato con propulsione nucleare.

Non intendiamo fare allarmismo, ma vogliamo ricordare che il piu' grave incidente nucleare della storia militare recente ha coinvolto proprio l'incrociatore USA Belknap nel Golfo di Taranto durante il 1974, quando fu lanciato il codice Broken Arrow, il massimo livello di allarme atomico Usa per via di un incendio divampato a pochi metri dalle testate nucleari Terrier.

Per via di questi rischi appare sensato quanto fa oggi la prefettura di Kobe in Giappone: vieta l'ingresso nel proprio porto di navi e sommergibili nucleari. Perche' non fare altrettanto?

prof.ssa Loredana Flore
portavoce dell'Associazione per la Pace di Taranto

prof.Alessandro Marescotti
presidente di PeaceLink

Articoli correlati

  • A Taranto il film “Mittal, il volto nascosto dell’Impero”, dibattito con Edouard Martin
    Taranto Sociale
    Il 14 novembre sarà presentato e moderato da Alessio Giannone alias Pinuccio

    A Taranto il film “Mittal, il volto nascosto dell’Impero”, dibattito con Edouard Martin

    Edouard Martin - una figura centrale del documentario di Jérôme Fritel - sarà presente alla proiezione. Lavoratore siderurgico e poi sindacalista di CDFT, è stato l’icona della lotta operaia dei siti ArcelorMittal in Francia.
    26 ottobre 2019
  • Mittal, il film
    Cultura
    Davanti ai cancelli del cimitero la gente si è accalcata per vedere la storia di Mittal

    Mittal, il film

    Ieri a Taranto è stato un successo la proiezione del film "Mittal, il volto nascosto dell'Impero". Ne emerge una scalata industriale e finanziaria implacabile. Il regista fa emergere da questa storia di globalizzazione un'immagine predatoria che non fa ben sperare per il futuro di Taranto
    18 settembre 2019 - Alessandro Marescotti
  • Una figlia racconta l'amore per la terra di suo padre che poi ha dovuto combattere la diossina
    Taranto Sociale
    Per qualcuno l'amore per la terra è una vocazione

    Una figlia racconta l'amore per la terra di suo padre che poi ha dovuto combattere la diossina

    Don Angelo Fornaro è il proprietario della Masseria Carmine, una delle sette danneggiate dalla diossina. E' presente a tutte le udienze del processo "Ambiente svenduto" che deriva anche da un suo esposto. Il 13 luglio 2019 ha compiuto 85 anni e sua figlia ha voluto raccontare la sua storia.
    21 luglio 2019 - Rosanna Fornaro
  • "La salute non è d'acciaio. Il caso ILVA"
    Ecologia
    Peacelink Common Library

    "La salute non è d'acciaio. Il caso ILVA"

    Questa tesi di laurea di Nicola Petrilli è aggiornata agli ultimi eventi che hanno caratterizzato la fabbrica dopo l'avvento del governo "giallo-verde". Viene analizzata la società civile tarantina e i suoi "cittadini reattivi", mettendo in luce le difficoltà di ArcelorMittal a Taranto
    8 luglio 2019
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.29 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)