Disarmo

Lista Disarmo

Archivio pubblico

L'Assemblea generale dell'ONU vota una storica proposta di trattato sul commercio delle armi

14 dicembre 2006
Tradotto da per PeaceLink
Fonte: Campagna control arms - 07 dicembre 2006

Il lavoro su un trattato internazionale sul commercio delle armi comincerà immediatamente, a seguito di uno storica voto dell'Assemblea generale ONU in cui 153 governi hanno appoggiato la proiposta di un trattato che prevenga i trasferimenti internazionali di armi che alimentinoconflitti e causino povertà e violazioni die diritti umani, Solo gli Stati Uniti hanno votato contro, e 24 governi si sono astenuti.
Il voto dell'assemblea arriva tre anni dopo il lancio della campagna 'Control Arms', che ha visto più di un milione di persone in 170 paesi mobilitarsi per richiedere un trattato.
Tre quarti dei governi hanno votato a favore della proposta, già supportata da un'ampia maggiornaza di governi nel Primo comitato dell'Assemblea, in ottobre.
Un forte supporto è venuto dai governi dell'Europa, del Pcifico e dell'America Latina. “Un sostegno significativo è giunto da alcune delle aree con maggiori problemi di armamento; ciò indica on solo un diffuso riconoscimento del problema, ma anche un'altrettanto diffusa volontà politica di agire2 ha dichiarato Rebecca Peters, direttrice di IANSA.
Gli USA rimangono l'unico paese che si oppone alla proposta, nonostante un recente appello di 14 senatori al Segretario di Stato Condoleezza Rice per chiedere che l'Amministrazione riveda la propria posizione.
“Nella mia ultima visita in Libano, Israele e Territori occupati ho potuto vedere in prima persona le consegueze devastanti sui civili di un commercio sregolato delle armi. E' vitale che i governi riconoscano il bisogno urgente di tramutare questo voto in azione significativa e assicurare la creazioe di un trattato che sia davvero giuridicamente vincolante” ha dichiarato Irene Khan, segretario generale di Amnesty international.
Uno dei primi compiti per il prossimo Segretario generale dell'ONU Ban Ki-Moon sarà confrontare le visioni di tutti gli Stati membri sulla proposta di trattato sul commercio delle armi per presentare un rapporto all'Assemblea a fine 2007. Un gruppo di esperti governativi di tutto il mondo sarà poi costituito per esaminare la questione in dettaglio e presentare un rapporto finale nel 2008.
“Oggi una grande maggioranza dei governi del mondo ha accettato l'idea che ci sia bisogno di un trattato che prevenga le vendite di armi che provocano conflitti e povertà. E' un passo storico. Quando nel 2003 la campagna 'Control Arms' è iniziata solo 5 governi sostenenvano la proposta. Oggi sono 153. ora però questi governi devono proseguire nel percorso e ottenere un trattato forte ed efficace. Ogni giorni di ritardo è un giorno in cui migliaia di vite sono col,pite dalla violenza armata” ha dichiarato Jeremy Hobbs, Direttore di Oxfam international.

Note: Articolo originale: http://www.controlarms.org/latest_news/vote-pr071206.htm
Tradotto da Chiara Rancati per www.peacelink.it
Il testo è liberamente utilizzabile per scopi non commerciali citadno la fonte, l'autore e il traduttore.

Articoli correlati

  • Gli Stati Uniti d’Europa per la pace in Ucraina e nel mondo intero
    Europace
    Sull'aggressione militare russa in Ucraina

    Gli Stati Uniti d’Europa per la pace in Ucraina e nel mondo intero

    Di fronte a una possibile escalation che può far scoppiare una terza guerra mondiale l’UE deve chiedere l’immediato cessate il fuoco in Ucraina, la costituzione di corridoi umanitari e l’invio di Caschi blu dell’Onu come forza di interposizione e di aiuto umanitario.
    11 marzo 2022 - Nicola Vallinoto
  • ONU: "Taranto zona di sacrificio, una macchia sulla coscienza collettiva dell'umanità"
    Ecologia
    Rapporto “The right to a clean, healthy and sustainable environment: non-toxic environment”

    ONU: "Taranto zona di sacrificio, una macchia sulla coscienza collettiva dell'umanità"

    L'ONU scrive: "Le zone di sacrificio spesso sono create dalla collusione di Governi e imprese. L'acciaieria Ilva di Taranto, in Italia, da decenni compromette la salute delle persone e viola i diritti umani".
    18 febbraio 2022 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
  • Dichiarazione ONU sul diritto alla pace del 19 dicembre 2016
    Pace
    La lista di come hanno votato tutte le nazioni su quella risoluzione delle Nazioni Unite

    Dichiarazione ONU sul diritto alla pace del 19 dicembre 2016

    L'Assemblea Generale dell'ONU in quella data ha approvato la dichiarazione sul diritto alla pace (Risoluzione A/C.3/71/L.29 "Declaration on the Right to Peace") con 131 favorevoli, 34 contrari e 19 astenuti. Gli USA hanno votato contro da dichiarazione sul diritto alla pace. L'Italia si è astenuta.
    12 dicembre 2021 - Redazione PeaceLink
  • Unep–Fao: ogni dollaro investito in ripristino della natura ne porta 30 di benefici
    Ecologia
    ONU, 2021-2030 dedicato al ripristino degli ecosistemi

    Unep–Fao: ogni dollaro investito in ripristino della natura ne porta 30 di benefici

    La situazione è grave, il nostro pianeta sempre più inquinato, in forte crescita l’uso di plastica, prodotti chimici e pesticidi. La pandemia ha intensificato il rilascio di rifiuti nell’ambiente.
    29 giugno 2021 - Maria Pastore
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)