Disarmo

RSS logo

Mailing-list Disarmo

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • Conto Corrente Bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Disarmo

...

Articoli correlati

  • Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace
    Jalal Talabani non è stato soltanto, fino al 2014, il Presidente della Repubblica dell’Iraq. E’ stato il garante istituzionale di un Paese nato esattamente un secolo fa.

    Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace

    E’ trascorsa una settimana dal Referendum - così a lungo atteso - per l’indipendenza del Kurdistan Iracheno. Oggi la notizia della morte di Jalal Talabani. I due eventi, casualmente così ravvicinati, sembrano concatenarsi in una sequenza simbolica di passaggio di testimone.
    4 ottobre 2017 - Andrea Misuri
  • Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Ma si riuscirà mai, per dirla con don Lorenzo Milani, a far strada agli impoveriti senza farsi strada? Portare al centro della politica gli ultimi, gli emarginati, gli impoveriti, i lavoratori, chi lotta contro le ingiustizie, le mafie, la disumanità e la barbarie delle guerre, facendo quanti più passi indietro perché siano loro a farne almeno una volta, almeno uno, avanti? Ma non sarebbe quasi ora di domandarsi, anche se non so quanti hanno fratelli che sono figli unici, se siamo ancora convinti che esistono gli sfruttati, i malpagati, i frustati, i calpestati e gli odiati e la vicinanza/distanza da loro?
    2 giugno 2017 - Alessio Di Florio
  • Ritorniamo a dire pubblicamente NO alla guerra
    Nessuna rassegnazione e nessuna caduta di tensione civile

    Ritorniamo a dire pubblicamente NO alla guerra

    Ogni marcia di protesta contro la guerra, ogni appello in favore della pace, ogni veglia di preghiera, ogni bandiera arcobaleno esposta, ogni segno di pace esibito costituisce un piccolo-grande atto di elevata politica per togliere dalle mani dei padroni del mondo il nostro futuro e il nostro destino
    18 aprile 2017 - Michele Di Schiena
  • Una Perugia-Assisi straordinaria per fermare i Signori della guerra. Appello di Padre Zanotelli
    Il missionario richiama i pacifisti all'unità e all'azione

    Una Perugia-Assisi straordinaria per fermare i Signori della guerra. Appello di Padre Zanotelli

    L'Italia ripudia la guerra (art. 11 Cost.), non può puntare sulle armi come pilastro del Sistema paese e armare paesi in guerra o che violano i diritti umani
    16 aprile 2017 - Alex Zanotelli
PACE

«Mettiamo al bando le cluster bomb»

Campagna mondiale di una coalizione di ottanta Ong contro la «morte a grappolo». Le nuove mine Dai jet Usa (Reuters) su ex Jugoslavia, Afghanistan e Iraq
16 novembre 2003 - Emanuele Giordana (Lettera 22)
Fonte: Il Manifesto - 15 Novembre 2003
Cluster bomb, bombe a grappolo, bomb-bomblets. Chiamatele come volete ma sono forse l'arma peggiore (o migliore a seconda dei punti di vista) che la tecnologia militare abbia inventato. In questi giorni all'Aja è partita una campagna internazionale per contrastarle. Un'ottantina tra associazioni e organizzazioni non governative si sono unite nella Cluster Munition Coalition (CMC) e hanno deciso di dare battaglia, è il caso di dirlo, all'ennesimo mostro bellico. Strettamente imparentato con le mine terrestri che una lunga campagna è riuscita, almeno in parte, a mettere al bando. «Le armi a grappolo contengono submunizioni dette bomblets, proiettili esplosivi (anche 200 in una sola ndr) disegnati per spargersi quando vengono rilasciati. Quando esplodono, frammenti di munizioni penetrano il corpo, mutilando o provocando letali emorragie interne. Questo effetto frammentazione è un obiettivo volutamente disegnato. Circa il 30% delle vittime muore». La descrizione è tratta dal rapporto di Medact di qualche giorno fa e che ha assemblato una diverse fonti per ricostruire quanto di questi sistemi d'arma sia rimasto nel terreno in Iraq. Secondo Landmine Action, Gran Bretagna e Usa ne avrebbero usate circa un milione e a dicembre, Human Rights Watch dovrebbe fornire una stima più precisa. Intanto molti degli effetti delle bomblet, si possono prevedere. Molte infatti non esplodono e diventano di fatto mine terrestri. La nuova L20 usata dai britannici è pensata per autodistruggersi se non esplode, ma la sua probabilità di errore è pari al 2%. Quanto alla vecchia BL-755 non ha alcun meccanismo di auto-distruzione e ha una probabilità d'errore di circa il 10%. Gli Usa hanno impiegato la loro nuova bomba CBU-105 a guida di precisione e non hanno ammesso l'uso di tipi più vecchi di bombe a grappolo, che però sarebbero state individuate nella zona di Bassora. Per altro, ricordava Medact, i militari Usa rifiutano di fornire informazioni relative a munizioni a grappolo lanciate da terra e usate in grandissime quantità. HRW ha però identificato e denunciato l'uso del Multiple Launch Rocket System (Sistema di lancio multiplo per cluster). Avrebbe un margine di errore del 16%.

Di solito questa «probabilità di errore», questo «effetto collaterale», viene confortato dalle statistiche di donne e bambini che si feriscono anche mortalmente nel dopoguerra. Non solo perché in generale categorie a rischio, ma anche perché le bomblet appaiono come innocui luccicanti giocattoli.

La campagna mette ben in chiaro che il problema non sono solo le armi a grappolo. Un problema ancora più vasto è costituito in generale dai residuati bellici, particolarmente appetiti per la ricerca dei metalli. Si tratta degli Explosive Remnants of War (ERW), che sono di quattro tipi: mine e inesplosi d'ordinanza; veicoli militari abbandonati; armi piccole e leggere con relative munizioni; stoccaggi di esplosivi e munizioni abbandonate o danneggiate. La campagna si prefigge dunque di controllarne uso, produzione e commercio a cominciare dalle cluster e di imporre agli utilizzatori responsabilità di sminamento, bonifica, informazione sui rischi e assistenza alle vittime. Battaglia difficile ma con un appiglio nel diritto internazionale: il Protocollo 1 delle Convenzioni di Ginevra all'art icolo 51.4 proibisce attacchi indiscriminati e prescrive la protezione dei civili (art.51.1). L'uso di tali armi indiscriminate, specialmente in aree costruite, può dunque essere considerato controverso o, per lo meno, di dubbia legalità.

«L'Iraq è infestato da decine di migliaia di pezzi di artiglieria, bombe inesplose, sub-munizioni cluster, che si vanno ad aggiungere alle mine, molte ancora di produzione italiana, già nascoste nel terreno a milioni e seminate fino all' ultimo dall'esercito iracheno in fuga», dice Simona Beltrami di Campagna mine. «Grave pericolo per la popolazione civile, ma anche ipoteca sul futuro del paese. Nei dintorni di Bassora, Intersos ha già distrutto circa 650 ordigni e munizioni e ne ha rimossi quasi altrettanti». L'Italia però ha appena dimezzato il suo contributo allo sminamento nella prossima Finanziaria. Altro che missione militare umanitaria.
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)