Disarmo

RSS logo

Mailing-list Disarmo

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • Conto Corrente Bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Disarmo

...

Articoli correlati

  • F-35

    F-35

    La cinica conclusione nella Relazione speciale sulla partecipazione italiana al Programma F-35 Lightning II della Corte dei conti e la cupa posizione dei sindacati confederali. Di fatto le forze aeree straniere che utilizzano l’F-35 saranno costrette a finanziare con 150 milioni di dollari i laboratori software degli Stati Uniti occupati quasi per il 50% da personale statunitense
    1 settembre 2017 - Rossana De Simone
  • Le bugie sull’Afghanistan
    Nessuna ricostruzione nonostante i 100 miliardi di dollari spesi dagli USA

    Le bugie sull’Afghanistan

    Un triste bilancio sulla missione USA in Afghanistan mentre Trump rilancia e promette "più uomini fino alla vittoria finale"
    24 agosto 2017 - Matthew Hoh
  • New York

    L'era atomica sta per finire - di Alfonso Navarra

    Oggi all'ONU si è varato un Trattato per proibire gli ordigni nucleari.
    7 luglio 2017 - Laura Tussi
  • A New York la riunione ICAN
    Campagna internazionale per la messa al bando delle armi nucleari

    A New York la riunione ICAN

    La mattina di mercoledi 6 luglio affollata riunione dell’ICAN, con quasi un centinaio di partecipanti e molti interventi. La linea che è emersa definisce prioritario il portare a casa il Trattato di fronte alle pressioni ed ai ricatti che crescono per arenare la proibizione giuridica delle armi nucleari.
    6 luglio 2017 - Alfonso Navarra
Vicenza

I no Dal Molin «sconcertati» «Ma non ci arrendiamo»

Il presidio permanente non smobilita. E sabato saranno tutti in piazza
13 dicembre 2007 - Orsola Casagrande
Fonte: Il Manifesto (http://www.ilmanifesto.it)

Sconcerto ma anche ulteriore determinazione. Le parole del presidente della repubblica Giorgio Napolitano, in visita a Washington, suscitano sentimenti forti a Vicenza. Alla vigilia della manifestazione europea di sabato sapere che «la posizione del governo è molto chiara» rende ancora più denso e pregnante l'appuntamento. «Per quello che ci riguarda - dice Cinzia Bottene del presidio permanente - la scelta che hanno di fronte ministri e parlamentari è la stessa di domenica scorsa, quando siamo andati a dire le nostre ragioni alla convention della sinistra arcobaleno. Si tratta di scegliere - aggiunge Bottene - tra passività e azione». Il che non significa far cadere il governo, «come qualcuno continua a sostenere. Quello che abbiamo chiesto - insiste Bottene - è che una parte politica trovi coraggio di perseguire i propri ideali. Chiediamo di rialzare la testa». A Napolitano, che alla lettera con la quale i ministri Ferrero, Mussi, Bianchi e Pecoraro Scanio chiedevano a Prodi di ripensare alla questione Dal Molin, risponde semplicemente che «il diritto di scrivere lettere è riconosciuto dalla Costituzione», Cinzia Bottene manda a dire che «sarebbe bello che la Costituzione fosse rispettata in tutti i suoi punti».
Oscar Mancini, segretario della Cgil di Vicenza (che sabato alla manifestazione non ci sarà), si dice «sconcertato. E' sconcertante che si possano fare certe dichiarazioni rispetto a una scelta che non è mai passata in parlamento. Non sono abituato - aggiunge - a polemizzare con un presidente della repubblica e quindi mi limito a polemizzare con il governo perché so che la decisione assunta dal presidente del consiglio Prodi difficilmente può definirsi una decisione presa collegialmente. Mi riferisco al fatto - insiste Mancini - che quattro ministri si sono detti contrari alla realizzazione della nuova base al Dal Molin». La Cgil ribadisce che «decisioni così importanti dovrebbero passare in parlamento. Non siamo ancora una repubblica presidenziale - dice Mancini - e il parlamento rimane sovrano». Il segretario della camera del lavoro vicentina lancia un appello alle «altre camere del lavoro perché organizzino banchetti in tutta Italia per la raccolta di firme in calce alla petizione che chiede la moratoria sulla base». Quanto alla manifestazione di sabato, Mancini dice di augurarsi che sia «grande e pacifica». La Cgil non ci sarà dunque, mentre il coordinamento dei comitati di cittadini, firmatario con la camera del lavoro della petizione popolare per la moratoria, parteciperà.
Luana Zanella, deputata dei verdi, ribadisce che «forse non ci si rende conto che la lettera congiunta dei ministri e soprattutto l'impegno pubblico contratto nel corso degli stati generali della sinistra arcobaleno segnano un'altra fase tutta dentro la verifica di governo». Zanella insiste anche sul fatto che «quella che viene richiesta è la moratoria e l'attuazione della conferenza sulle servitù militari come da programma sottoscritto da tutta l'Unione, di cui evidentemente si vuole fare carta straccia. Basti guardare - conclude la deputata - l'aumento delle spese militari e gli impegni onerosi anche per il futuro contratti dalla difesa».
Il presidio permanente intanto ha riproposto il problema dei trasporti, visto l'atteggiamento di Trenitalia, a tutti i partiti perché venga garantito il diritto di tutti a partecipare alla manifestazione europea di sabato.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)