Disarmo

Lista Disarmo

Archivio pubblico

Accade nell'oceano tra due superpotenze atomiche

Il segreto nucleare dei sottomarini che si scontrano

«Impensabile» titola oggi il tabloïd britannco "The sun". Ma stavolta il giornale non parla del tradimento di qualche starlet svestita ma di uno scontro di due sottomarini nucleari armati di missili, uno del Regno Unito e l´altro della Repubblica Francese. Uno scontro in pieno Oceano Atlantico che è stato svelato solo oggi, dopo 12 giorni, dall´incidente del 4 febbraio.
17 febbraio 2009
NOSCORIE TRISAIA
Fonte: greenreport.it - 16 febbraio 2009

LIVORNO. «Impensabile» titola oggi il tabloïd britannco "The sun". Ma stavolta il giornale non parla del tradimento di qualche starlet svestita ma di uno scontro di due sottomarini nucleari armati di missili, uno del Regno Unito e l´altro della Repubblica Francese. Uno scontro in pieno Oceano Atlantico che è stato svelato solo oggi, dopo 12 giorni, dall´incidente del 4 febbraio.

Secondo "The Sun" il 3 o il 4 febbraio i sottomarini HMS Vanguard (nella foto) e La Triomphant sono stati ambedue danneggiati durante l´incidente, ma non ci sarebbero state avarie agli impianti nucleari, anche se il tutto è filtrato attraverso il segreto militare-atomico. L´HMS Vanguard è uno dei quattro sommergibili lanciamissili britannici e trasporta 16 missili. Le Triomphant é uno dei sottomarini lanciamissili francesi di nuova generazione progettato per rimpiazzare i sottomarini Le Redoutable di prima generazione, è armato con 16 missili intercontinentali M-45.

Il sottomarino britannico è stato comunque rimorchiato nella base militare scozzese di Faslane per riparazioni. Una nota della Marine nationale de France spiega che «durante il suo giro di pattugliamento il Snle (sous-marin nucléaire lanceur d´engins] Le Triomphant ha urtato n immersione un oggetto immerso (probabilmente un contenitore). Il sonar a cupola, che si trova nella parte anteriore è stato danneggiato». L´ipocrisia di Stato che copre di segreto il nucleare militare e civile francese è nota, ma probabilmente la Marina del Regno Unito non sarà contenta di sentire definire "contenitore" da un Paese alleato un sottomarino che costa diversi miliardi di sterline e che probabilmente è in grado di cancellare dalla faccia della terra un paio di città.

Secondo la Bbc i due sottomarini hanno riportato «seri danni», quel che si riesce a capire è che non ci sarebbero state fughe nucleari e che i 250 marinai degli equipaggi sarebbero tutti salvi. Anche il ministero della difesa britannico si è rifiutato di dare ogni spiegazione (proprio come fanno i tanto criticati russi quando accadono cose simili) ma un portavoce si è subito precipitato a «confermare che la capacità di dissuasione britannica non è stata colpita in nessun momento e che la sicurezza nucleare non è stata messa in pericolo».

Forse i nemici (quali e dove?) della regina Elisabetta non devono rallegrarsi, ma qualcosa di strano è successo: Lo stesso The Sun si chiede come questo sia stato possibile visto che «è sorprendente che tecnologie sonar sono talmente sofisticate non abbiano visto l´altro sommergibile». Un incidente che doveva essere altamente improbabile è avvenuto ed ora due Stati alleati sembra non si conoscano nemmeno e non sappiano cosa fanno sotto il mare i loro sottomarini nucleari armati di armati di bombe atomiche.

 

Articoli correlati

  • Carla Fracci: la grande étoile era una testimonial contro il nucleare
    Pace
    Una donna per la pace

    Carla Fracci: la grande étoile era una testimonial contro il nucleare

    Ricordiamo il suo impegno civile per la messa al bando delle armi nucleari. Leggeva poesie il 6 agosto per ricordare Hiroshima e Nagasaki.
    28 maggio 2021 - Patrizia Sterpetti
  • Studio delle Nazioni Unite sull'educazione al disarmo e alla non proliferazione nucleare
    Pace
    Lo studio A/57/124 è stato richiesto con risoluzione 55/33 dell'Assemblea Generale ONU 20/11/2000

    Studio delle Nazioni Unite sull'educazione al disarmo e alla non proliferazione nucleare

    Questo studio è stato presentato al primo comitato dell'Assemblea generale dell'ONU nella sua 57a sessione il 9 ottobre 2002. Nello studio si prevede che l'educazione al disarmo proietti a tutti i livelli i valori della pace, della tolleranza, della nonviolenza e del dialogo fra i popoli.
    23 marzo 2021 - Redazione PeaceLink
  • Nucleare civile e militare: una bomba!
    Disarmo
    Il trattato TPAN ha raggiunto la sua attuazione

    Nucleare civile e militare: una bomba!

    Il trattato ONU TPAN per la proibizione delle armi nucleari il 22 gennaio 2021 entra in vigore, anche se ha dei limiti perché non è stato ancora né firmato, né ratificato da nessuno dei paesi che detengono l’arma nucleare
    17 gennaio 2021 - Laura Tussi
  • Schede
    Film di Claude Autant-Lara

    Non uccidere

    La commissione censura nel 1961 ne vietò la visione in Italia perché trattava la questione dell'obiezione di coscienza in guerra. A Firenze Giorgio La Pira ne organizzò la proiezione, violendo i divieti e riaccendendo il dibattito
    5 aprile 2020
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)