Disarmo

RSS logo

Mailing-list Disarmo

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • Conto Corrente Bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Disarmo

...

Articoli correlati

  • F-35

    F-35

    La cinica conclusione nella Relazione speciale sulla partecipazione italiana al Programma F-35 Lightning II della Corte dei conti e la cupa posizione dei sindacati confederali. Di fatto le forze aeree straniere che utilizzano l’F-35 saranno costrette a finanziare con 150 milioni di dollari i laboratori software degli Stati Uniti occupati quasi per il 50% da personale statunitense
    1 settembre 2017 - Rossana De Simone
  • Le bugie sull’Afghanistan
    Nessuna ricostruzione nonostante i 100 miliardi di dollari spesi dagli USA

    Le bugie sull’Afghanistan

    Un triste bilancio sulla missione USA in Afghanistan mentre Trump rilancia e promette "più uomini fino alla vittoria finale"
    24 agosto 2017 - Matthew Hoh
  • New York

    L'era atomica sta per finire - di Alfonso Navarra

    Oggi all'ONU si è varato un Trattato per proibire gli ordigni nucleari.
    7 luglio 2017 - Laura Tussi
  • A New York la riunione ICAN
    Campagna internazionale per la messa al bando delle armi nucleari

    A New York la riunione ICAN

    La mattina di mercoledi 6 luglio affollata riunione dell’ICAN, con quasi un centinaio di partecipanti e molti interventi. La linea che è emersa definisce prioritario il portare a casa il Trattato di fronte alle pressioni ed ai ricatti che crescono per arenare la proibizione giuridica delle armi nucleari.
    6 luglio 2017 - Alfonso Navarra

Cyber Warfare: Israele è già in guerra con l'Iran?

Nella recente relazione di previsione quadriennale statunitense Global Trends 2025: A Transformed World il National Intelligence Council ha identificato nel crescente uso di attacchi cyber, uno dei fattori principali dei conflitti futuri.
9 luglio 2009 - Rossana De Simone

In un articolo abcnews considera la possibilità che Israele sia già in guerra con l'Iran non con bombe e missili ma con computer.
Alon Ben David, uno specialista della difesa israeliana, ha dichiarato che un attacco per interrompere o contaminare con virus le reti di computer e per raccogliere informazioni sul programma nucleare iraniano, deve essere preso in considerazione.

http://abcnews.go.com/print?id=8030578

Nella recente relazione di previsione quadriennale statunitense Global Trends 2025: A Transformed World, il National Intelligence Council ha identificato nel crescente uso di attacchi cyber, uno dei fattori principali da considerare nei conflitti futuri.
La gravità delle sfide poste dalla sicurezza nella cyber guerra, è in larga misura proporzionale al grado di dipendenza dalle moderne tecnologie dell'informazione e della comunicazione di un determinato paese. Pertanto i paesi più avanzati in termini di accessibilità a Internet, e-commerce, e-banking, ecc, sono quelli più vulnerabili a un cyber attacco, mentre quelli relativamente indietro nelle tecnologie IT sono meno esposti a pericoli cibernetici.

http://www.dni.gov/nic/PDF_2025/2025_Global_Trends_Final_Report.pdf

Sono stati studiati quattro casi di cyber guerra che evidenziano uno spettro di diverse categorie e diverse conseguenze.
Cyber attacchi possono essere eseguiti in modo da coincidere con una offensiva militare convenzionale ed essere finalizzati principalmente a influenzare l'opinione pubblica mondiale (immagine del presidente Saakashvili giustapposta con la foto del leader nazista Adolf Hitler), come è avvenuto nel corso del mese di agosto 2008 in Georgia (in collaborazione con l'offensiva avviata con armi convenzionali).
L'esperienza estone del 2007 dimostra che attacchi informatici possono essere utilizzati anche per punire un governo straniero (gli attacchi hanno avuto un impatto più profondo perché l'economia estone è pienamente integrata in Internet). In questo caso sia gli Stati Uniti sia la NATO hanno inviato squadre di esperti di sicurezza di computer per aiutare le autorità estoni a far fronte alla massiccia ondata di attacchi DDOS che hanno paralizzato i siti del governo, del settore bancario e dei media.
Il cyber attacco all'Estonia ha portato la NATO a stabilire l'apertura di un centro Cyber Defense Center in Estonia nel mese di maggio 2008.
Un recente caso di spionaggio ha richiamato l'attenzione verso la Russia che ha interesse ad acquisire informazioni sensibili sulla cyber-difesa e le contromisure.
La polizia estone ha arrestato Herman Simm, un alto funzionario presso il Ministero della Difesa estone, accusato di trasmettere informazioni classificate sullo scudo spaziale americano e piani per la cyber-difesa in cambio di milioni di dollari.
Un ultimo esempio di cyber guerra mirata è quella della Cina, una nazione che sembra avere un debole per i computer del governo degli Stati Uniti per ottenere dati classificati. Anche se nessuna di queste misure ha provocato forti danni strategici non si devono sottovalutare i disturbi minori. Molti scenari possono essere previsti se vi è un concordato attacco informatico che potrebbe infliggere danni irreparabili alle infrastrutture critiche e alla sicurezza nazionale.

L'accordo recentemente siglato da Obama e Medvedev circa la riduzione entro sette anni del numero di vettori strategici e delle testate nucleari non è per ora il preludio di futuri accordi sulle cyber armi. Finora le proposte che sono state presentate affrontano il problema della sicurezza delle informazioni.

Einstein Program è un sistema di rilevamento delle intrusioni che controlla la rete dei dipartimenti governativi e le agenzie degli Stati Uniti per il traffico non autorizzato.
http://en.wikipedia.org/wiki/Einstein_(US-CERT_program)

Maggiori informazioni:
http://www.dhs.gov/xlibrary/assets/privacy/privacy_pia_einstein2.pdf
http://www.dhs.gov/xlibrary/assets/mgmt/e300-nppd-uscert2009.pdf

 

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)