Disarmo

RSS logo

Mailing-list Disarmo

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Disarmo

...

Articoli correlati

  • "Se chiude l'ILVA vengo a mangiare a casa tua"
    Come sperperare i soldi

    "Se chiude l'ILVA vengo a mangiare a casa tua"

    Oggi si scopre che i soldi per chiudere l'ILVA e dare un lavoro sano e pulito ai lavoratori ILVA c'erano. Ma il vecchio governo li ha regalati alla lobby delle armi acquistando in gran segreto 8 aerei d'attacco F35 in più rispetto a quanto preventivato. E' successo pochi giorni fa.
    7 giugno 2018 - Alessandro Marescotti
  • Appello al segretario generale delle Nazioni Unite e ai capi di stato e di governo paesi membri
    APPELLO ONU:

    Appello al segretario generale delle Nazioni Unite e ai capi di stato e di governo paesi membri

    10 maggio 2018 - Laura Tussi
  • La giornata della Terra: PeaceLink chiede un taglio alle spese militari
    E' più sensato investire negli obiettivi dello sviluppo sostenibile o nella guerra?

    La giornata della Terra: PeaceLink chiede un taglio alle spese militari

    Il 10% della spesa militare sarebbe sufficiente per bloccare il cambiamento climatico e mettere fine alla povertà e alla fame entro il 2030. Allegato a questa pagina web c'è un file PDF da diffondere.
    21 aprile 2018 - Associazione PeaceLink
  • War for dummies
    La bufala del raid missilistico per distruggere i "laboratori di produzione di armi chimiche" e i "depositi di armi non convenzionali"

    War for dummies

    Un esperto di cose militari ha chiarito: ""Gli americani non avrebbero mai colpito se ci fosse stato il rischio di provocare un disastro ambientale e una catastrofe umanitaria di cui poi sarebbero stati considerati responsabili dall’opinione pubblica interna e internazionale". Ma milioni di Homer Simpson hanno creduto nel raid dal cielo che distruggeva veramente le armi chimiche. Il danno prodotto dalla propaganda di guerra nell'opinione pubblica è incalcolabile. I cittadini sono stati considerati manipolabili a piacimento con missioni di guerra i cui effetti, se raggiunti, avrebbero provocato lo sterminio della popolazione che i raid si proponevano di proteggere.
    15 aprile 2018 - Alessandro Marescotti

Libia: all’Italia il comando marittimo Nato per l’embargo delle armi

23 marzo 2011 - Rossana De Simone

Una guerra che ha dell'incredibile in tutte le sue sfaccettature, da quelle militari a quelle politiche. All'Italia, maggior fornitrice Europea di armi alla stessa Libia, è stato affidato il comando per l'embargo di armi.

Avrà dunque un ruolo di primo piano nella missione della Nato per il rispetto dell'embargo delle armi, con il comando della componente marittima della missione in Libia. Lo riferisce il colonnello Massimo Panizzi, portavoce del presidente del comitato militare della Nato, ammiraglio Giampaolo Di Paola.
L'Italia, il cui governo non solo ha deciso di autorizzare l'uso delle proprie basi ai membri della coalizione, ha messo a disposizioni aerei potenzialmente in grado di bombardare le postazioni militari, ma ha permesso di vendere elicotteri AW139 di AgustaWestland al Qatar. Il Qatar è ufficialmente un paese coinvolto in questa guerra contro la LIbia. Dopo aver venduto armi alla Libia oggi l'Italia vende armi ad un paese in guerra contro la Libia.
Gli elicotteri saranno impiegati per trasporto truppe, ricerca e soccorso, ma anche sorveglianza dei confini, supporto alle forze speciali e operazioni di polizia. In pratica saranno gestiti dal ministero della difesa e, in particolare, dall’aeronautica, ma poi verranno utilizzati anche per ruoli di sicurezza interna.
http://www.elicotteriweb.it/?p=192
http://www.agustawestland.com/news/qatar-armed-forces-order-three-ems-configured-aw139s

Il segretario generale della Nato, Anders Fogh Rasmussen, aveva confermato il 22 marzo 2011 la decisione della Nato di lanciare un'operazione per imporre l'embargo sulle armi contro la Libia.
"Ciò sarà fatto - ha specificato il segretario generale dell'Alleanza Atlantica - in stretto coordinamento con le organizzazioni regionali (riferimento a Ue, Unione africana e Lega Araba) e del trasporto navale commerciale. E daremo il benvenuto ai contributi allo sforzo comune da parte dei partner della Nato".

La NATO avrà inoltre un ruolo guida nella campagna aerea della Libia. Barack Obama ha concordato in telefonate separate con Sarkozy e David Cameron che il controllo politico sarebbe stato consegnato ad un corpo separato composto da membri della coalizione, compresi i paesi arabi come il Qatar e gli Emirati Arabi Uniti, che sono fuori della NATO. Gli aerei del Qatar stanno prendendo posizione vicino alla Libia per partecipare all'azione militare occidentale che ha portato alla creazione di una no-fly zone. Lo ha detto oggi il capo di Stato maggiore della Difesa Usa.

Negli Stati Uniti dilaga la polemica contro questa nuova avventura bellica. Il Rep. Denis Kucinich, un democratico liberale dell' Ohio, ha detto che il presidente Barack Obama avrebbe dovuto almeno consultare il Congresso prima di prendere una decisione, e che si spenderanno mezzo miliardo di dollari solo nella prima settimana senza che vi siano le risorse. La creazione della no-fly zone potrebbe richiedere una serie di attacchi coordinati e a seconda del numero di bersagli a terra, questa operazione potrebbe costare tra i 500 milioni di dollari e 1 miliardo.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)