Disarmo

RSS logo

Mailing-list Disarmo

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • Conto Corrente Bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Disarmo

...

Articoli correlati

  • Approvata il 4 luglio 2017

    Puglia, mozione per il disarmo nucleare

    Il Consiglio Regionale della Puglia impegnano il Presidente della Regione e la Giunta regionale a richiedere al Governo nazionale di rispettare il Trattato di non proliferazione delle armi nucleari e, attenendosi a quanto da esso stabilito, a porre in essere iniziative finalizzate alla rimozione da parte degli Stati Uniti d’America di qualsiasi arma nucleare dal territorio italiano e alla loro rinuncia a installarvi i nuovi ordigni B61-12 e qualsivoglia altra arma nucleare.
  • VARESE: minacciato di archiviazione l'esposto contro la vendita di aerei da guerra finmeccanica
    DENUNCIA:

    VARESE: minacciato di archiviazione l'esposto contro la vendita di aerei da guerra finmeccanica

    Nel luglio 2014, in piena aggressione bellica contro Gaza (“Margine protettivo”, 2000 vittime), l’Italia permise l’ invio dei primi 30 caccia M-346 prodotti a Varese
    21 aprile 2017 - Laura Tussi
  • Abruzzo, non è la 'ndrangheta che mancava, è la coscienza diffusa che manca

    Abruzzo, non è la 'ndrangheta che mancava, è la coscienza diffusa che manca

    La recente scoperta di una vera e propria rete ‘ndranghetista, che ha cercato di dominare e opprimere la città di Francavilla e il circondario, è l’ultima (in ordine di tempo) dimostrazione che l’Abruzzo “isola felice” (come già scritto mesi fa) esiste solo nelle menti ipocrite di chi non vuol vedere, di chi vuol cullarsi in una pax borghese e disinteressata alle sorti comuni. La realtà dell’Abruzzo è questa da tantissimi anni.
    4 marzo 2017 - Alessio Di Florio
  • Sanità abruzzese, uscita dal commissariamento. Scusate ma non si riesce a festeggiare ...

    Sanità abruzzese, uscita dal commissariamento. Scusate ma non si riesce a festeggiare ...

    Grande enfasi ha accompagnato nei giorni scorsi la notizia dell’uscita ufficiale dell’Abruzzo dal commissariamento sulla sanità post-sanitopoli. Dall’attuale alla precedente maggioranza quasi una corsa ad accreditarsi i meriti dell’uscita da quello che è stato definito un tunnel. Ma per i cittadini, i malati, i meno abbienti di questa Regione purtroppo non c’è nulla da festeggiare. Perché per loro dal tunnel non c’è nessun uscita, ieri, oggi, e ancora domani e in futuro resta un calvario infinito, un peso enorme quotidiano.
    20 settembre 2016 - Alessio Di Florio
Inoltre è compatibile per la formazione all'F-35.

La scelta degli aerei M346: un caso di collaborazione italo-israeliana

Se andiamo a vedere l'armamento configurato possiamo notare come un velivolo di addestramento può essere impiegato anche in missioni d'attacco.
21 febbraio 2012 - Rossana De Simone

346 Master

"La cooperazione scientifica e tecnologica tra Italia ed Israele negli ultimi anni può' senza dubbio definirsi di eccellenza, sia per il numero di occasioni di collaborazione promosse e realizzate, sia per il loro assoluto rilievo in settori specifici di comune interesse per i due Paesi".

Il sito dell'Ambasciata d'Italia a Tel Aviv riporta non solo la filosofia sottostante la collaborazione fra i due paesi, ma anche il ruolo dei vari Ministeri interessati.
http://www.ambtelaviv.esteri.it/Ambasciata_TelAviv/Menu/I_rapporti_bilaterali/Cooperazione+scientifica/Quadro_istituzionale/

Per quanto riguarda la Difesa, entriamo nel merito della scelta israeliana di comprare 30 M-346 Alenia Aermacchi, che andranno a comporre la flotta di addestratori della Forza Aerea Israeliana in sostituzione dei TA-4 Sky-Hawks. La firma ufficiale del contratto è prevista nel semestre del 2012 e i velivoli saranno consegnati ad Israele a partire da giugno 2014.

In cambio, l'Italia si impegnerà ad acquistare, per poco più di 1 miliardo di dollari, piattaforme militari di aziende della difesa israeliani compresi i satelliti e l'Airborne Warning And Control System (AWACS).E'un sistema elettronico basato su radar il cui scopo consiste nell'effettuare sorveglianza aerea e funzioni C3 (Comando, Controllo e Comunicazioni) sia per le forze tattiche sia per quelle che hanno a che fare con la difesa aerea.
http://www.jpost.com/Defense/Article.aspx?ID=258135&R=R1

Quello siglato tra la società italiana e Tel Aviv è un accordo preliminare che prima di diventare effettivo dovrà essere ulteriormente negoziato per la parte economica e approvato da ministero della Difesa, governo e parlamento. I velivoli saranno formalmente acquistati dalla TOR, joint venture fra Israel Aerospace Industries (IAI) e Elbit Systems.
Per concludere questo acquisto Israele dovrebbe poter ricorrere al meccanismo del Foreign Military Financing di Washington, visto che l'M-346 è spinto dal motore americano Honeywell F124 e anche altri sistemi sono realizzati negli Stati Uniti.

In una intervista al sito web di IAF, il capo della divisione Instructional descrive il processo decisionale "Dopo un faticoso processo di esame di entrambi i velivoli addestrativi: uno coreano e uno italiano, l'IAF ha ufficialmente raccomandato l'M-346 aereo italiano, al Ministero della Difesa. Il Ministero ha accettato la raccomandazione delle forze".
L'IAF ha stabilito che il velivolo italiano è superiore a quello coreano nella maggior parte dei parametri. Uno dei dilemmi principali che hanno riguardato la scelta del velivolo italiano aveva a che fare con la sua caduta in Dubai, ma l'IAF ha ricevuto una dettagliata analisi delle circostanze dell'incidente. Il debriefing ha concluso che l'incidente è il risultato di un problema di fabbricazione che si è verificato soltanto nel prototipo, e che successivamente è stato risolto nella linea di produzione dei velivoli successivi.
IAF ha cercato un sostituto per l'A-4 Skyhawk utilizzato per addestrare i piloti della divisione combattimento. L'idea principale dietro la decisione è la preparazione superiore dei piloti per gli aerei da combattimento operativi che li attendono. Il nuovo velivolo da addestramento deve ridurre il divario fra vecchi e nuovi caccia. Una parte integrante del contratto è l'acquisto di un simulatore. Il velivolo italiano è una combinazione che integra l'F-16, F-15 e l'Eurofighter. Inoltre è compatibile per la formazione all'F-35.
http://www.iaf.org.il/4379-38563-en/IAF.aspx

Altro dato importante riguarda il volo notturno. Alenia Aermacchi aveva recentemente annunciato il successo del completamento di una serie di 7 voli di prova con il sistema Helmet Mounted Display (HMD), eseguiti come parte del programma di certificazione per l'Aeronautica Militare Italiana di T-346A (la versione italiana del M-346 addestratore). Il sistema HMD è costruito attorno al casco HGU-55P progettato per essere facilmente configurato in modo che può facilmente coprire il fabbisogno sia per il giorno, sia per le operazioni notturne, attraverso un approccio all'architettura modulare. Il modulo di notte è progettato per essere montato al kit standard oculare NVG utilizzato da molte delle forze aeree del mondo, e funziona sovrapponendo la simbologia HMD a quella delle immagini NVG. L'M-346 è diventato quindi un addestratore avanzato che ha un HMD in configurazione sia di giorno che notte, qualcosa che è evidentemente stato notato dalla Air Force israeliana.
Mentre alcuni HMDS sono stati ampiamente utilizzati da diverse forze aeree nella recente guerra in Libia e in Afghanistan, alcuni degli aerei da combattimento più avanzati non sono dotati di questo tipo di casco. (Tra questi l'F-22 e il Rafale, il vincitore dell'offerta MMRCA indiana - Medium Multi-Role Combat Aircraft).

Se andiamo a vedere l'armamento configurato possiamo notare come un velivolo di addestramento può essere impiegato anche in missioni d'attacco.
(da ricordare il precedente MB339 usato durante la guerra delle Falkland, 5 di questi addestratori riuscirono ad affondare la fregata inglese H.M.S. Ardent).
http://www.webalice.it/imc2004/files_fighters/M346.htm

Stando alle informazioni rese note dall'Aeronautica Militare, il costo stimato è di circa 26 milioni di euro con supporto per la commessa italiana. Tra 16 e 18 milioni di euro a seconda della strumentazione per il solo velivolo. Il costo dello sviluppo è di circa 600 milioni di euro.
http://www.aeronautica.difesa.it/Mezzi/programmiFuturi/Pagine/MB346.aspx

Scheda tecnica del velivolo e aziende coinvolte nella produzione
http://www.finmeccanica.com/IT/Common/files/Corporate/Note_stampa/2012/M_346_ITA_2012.pdf

 

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)