Disarmo

Lista Disarmo

Archivio pubblico

Il capo della difesa: le forze armate britanniche hanno un buon equipaggiamento, ma non abbastanza personale

La Gran Bretagna rischia di avere una "forza fallace"

Il Generale Sir Nick Hougton avverte sui prossimi tagli al personale e alle operazioni
2 gennaio 2014
Richard Norton-Taylor
Tradotto da Gabriele Alfano per PeaceLink
Fonte: the Guardian - 18 dicembre 2013

Generale Sir Nick Houghton

Le forze armate britanniche sono state provviste di un "equipaggiamento pregevole", ma non hanno abbastanza personale per usarlo, avverte il più esperto ufficiale militare del paese.

Il generale sir Nick Hougton, capo di stato maggiore della difesa, ha detto che la struttura dell'esercito, della marina e dell'aeronautica rischiano di diventare incoerenti; sono "criticamente deficitarie" in aree cruciali e c'è una "strisciante avversione al rischio" quando si dislocano le truppe britanniche.

Houghton, che ha sostituito al vertice il generale David Richards questa estate, stava parlando dello stato delle forze armate nella sua prima lettura annuale come capo della difesa al Royal United Services Institute (RUSI) nel centro di Londra.

Riferendosi alle enormi controversie e difficili operazioni militari in Iraq ed Afghanistan, ha sottolineato che mentre le forze armate britanniche non sono mai state tenute in una così alta considerazione popolare, "gli scopi per le quali sono state recentemente impiegate, raramente sono state messe in discussione così in profondità".

In un vigoroso discorso Houghton ha puntato il dito sulla prospettiva di ulteriori tagli al personale e alle operazioni militari. "Se trascurato, il corso attuale porterà a una struttura militare strategicamente incoerente: equipaggiamento pregevole, ma risorse umane insufficienti per usarlo o addestrarsi con esso".

Questo, ha aggiunto, è ciò che gli americani chiamano lo "spettro della forza fallace".

Houghton ha continuato: "Non siamo ancora giunti a quel punto, ma nella difesa identificherei la Marina Reale come molto vicina alla sua massa critica in termini di personale". Sebbene non abbia fatto esplicitamente riferimento ad esse, la Marina Militare beneficerà della costruzione di due grandi portaerei, la navi più grosse che abbia mai avuto, una flotta di cacciatorpedinieri e, secondo i piani attuali, nuove flotte di sottomarini nucleari dotati di missili nucleari di classe Trident.

Houghton ha detto che le forze armate nazionali sono state "troppo focalizzate alla piattaforma" e non hanno avuto un sufficiente numero di militari esperti.

"Noi siamo criticamente deficienti nelle competenze che consentono la forza congiunta. Cose come Intelligence, sorveglianza, comunicazioni compatibili, logistica condivisa e trasporto tattico", avverte Houghton.

È sembrato anche che appoggiasse ciò che molti ufficiali superiori, notoriamente dell'esercito, stanno dicendo – cioè che alcuni sistemi d'arma sono stati comprati semplicemente come politiche di creazione di posti di lavoro, per salvare i posti di lavoro britannici.

"Il bilancio della difesa non esiste prioritariamente per aiutare l'industria militare o promuovere le esportazioni militari. Esso esiste per massimizzare la capacità di difesa", dice Houghton. Gli europei devono fare di più per condividere le loro competenze militari – cooperare più efficacemente piuttosto che tagliare la tavola o, come la mette lui, indulgere "in alchimie riduzionistiche che lasciano tutti a fare meno dello stesso".

Tradotto da Gabriele Alfano per PeaceLink. Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte (PeaceLink) e l'autore della traduzione.
N.d.T.: Titolo originale: "Defence chief: UK armed forces have good equipment but not enough people"

Articoli correlati

  • Coronavirus vs. deterrenza nucleare
    Disarmo
    "È inaccettabile che il Regno Unito spenda miliardi di sterline per modernizzare le armi nucleari"

    Coronavirus vs. deterrenza nucleare

    Una lettera ai parlamentari del Regno Unito. Da tre ex comandanti della Royal Navy ecco un appello. Nel tempo del coronavirus, sarà il caso di cambiare destinazione alle ingenti somme destinate al mantenimento della flotta sottomarina britannica?
    2 aprile 2020 - Roberto Del Bianco
  • Disarmo

    Accordi su esportazioni belliche. Il caso dell'Inghilterra e dell'Italia.

    1 aprile 2010 - Rossana De Simone
  • Disarmo
    Accade nell'oceano tra due superpotenze atomiche

    Il segreto nucleare dei sottomarini che si scontrano

    «Impensabile» titola oggi il tabloïd britannco "The sun". Ma stavolta il giornale non parla del tradimento di qualche starlet svestita ma di uno scontro di due sottomarini nucleari armati di missili, uno del Regno Unito e l´altro della Repubblica Francese. Uno scontro in pieno Oceano Atlantico che è stato svelato solo oggi, dopo 12 giorni, dall´incidente del 4 febbraio.
    17 febbraio 2009 - NOSCORIE TRISAIA
  • Conflitti
    Repubblica Democratica del Congo, Kivu

    Gli inglesi rilanciano la guerra genocida nel Congo

    Sostenuti dallo stato fantoccio britannico del Ruanda, i ribelli antigovernativi hanno dichiarato che il loro scopo è sabotare un accordo di cooperazione tra Cina e Congo
    7 novembre 2008
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)