Disarmo

Lista Disarmo

Archivio pubblico

Intanto aumenta la fabbrica di bombe Rwm

Armi italiane all'Arabia Saudita, il governo non cambia rotta

Nessuna decisione è stata presa dal Ministero degli Esteri dopo due mesi dalla richiesta del ministro della Difesa di rivedere il commercio di armi con l'Arabia Saudita
18 novembre 2018

Il ministro della Difesa della Difesa Elisabetta Trenta aveva dichiarato su Facebook due mesi fa di aver inviato un sollecito al ministro degli esteri Enzo Moavero Milanesi per verificare eventuali irregolarità nelle esportazioni di armamenti verso l'Arabia Saudita che usa armi italiane per fare la guerra in Yemen: "Se si configurasse una violazione della legge 185 del 1990, dovremmo interrompere subito l’export e far decadere i contratti in essere".

Il M5s aveva accusato in passato il PD di violare la legge 185/90 che vieta il trasferimento di armi a nazioni in guerra e che violano i diritti umani.

Ad agosto avevano generato impressione e indignazione le immagini di un attacco saudita in Yemen, che aveva fatto strage di bambini.

Dopo due mesi tutto tace. Tranne il sottosegretario agli esteri della Lega, Guglielmo Picchi, che ha stoppato subito la questione: di bloccare l'export di armi all'Arabia Saudita non se ne parla proprio.  L'esportazione italiana di armi all'Arabia Saudita è regolare, "non esistono embarghi", parola del governo.

E mentre il governo, dopo aver "fatto la mossa" per acquietare gli elettori pacifisti, non cambia rotta, prosegue in Sardegna l'iter di ampliamento della fabbrica Rwm. Le cui armi finirebbero in Arabia Saudita, secondo la Fondazione Finanza Etica.

Il Sottosegretario Guglielmo Picchi a nome del Governo si dichiara che non vi sono divieti di vendita di armi italiane all'Arabia Saudita, nazione notoriamente in guerra sul territorio dello Yemen

Articoli correlati

  • La svolta euro ambientalista del governo giallo rosso non basta
    Europace
    Sul governo M5S, PD, Leu

    La svolta euro ambientalista del governo giallo rosso non basta

    Il segretario del PD Nicola Zingaretti ha chiesto discontinuità rispetto al governo precedente. Discontinuità che non ha avuto sul nome del presidente del Consiglio ma l'ha ottenuta su due punti che sono di fondamentale importanza per il nostro futuro: l'Europa e i cambiamenti climatici.
    5 settembre 2019 - Nicola Vallinoto
  • Il grande problema del M5s è stato il rapporto con la verità e con i movimenti
    Editoriale
    Crisi di governo, adesso molti pentastellati temono la disfatta elettorale

    Il grande problema del M5s è stato il rapporto con la verità e con i movimenti

    Il M5s non ha saputo mantenere un'alleanza con quei movimenti che si battevano per il disarmo, l'ecologia e le opere inutili voluti dalle lobby. Ma soprattutto sono state raccontate cose non vere pur di giustificare arretramenti e scelte diverse, sposando la campagna di Salvini contro le ONG
    9 agosto 2019 - Alessandro Marescotti
  • "Un'insurrezione nonviolenta per far cessare la strage degli innocenti"
    Migranti
    Appello di Peppe Sini a favore nei migranti e di chi li soccorre

    "Un'insurrezione nonviolenta per far cessare la strage degli innocenti"

    E' stato lanciato un appello per ripristinare la vigenza della Costituzione repubblicana. "Il razzismo - scrive Peppe Sini - e' un crimine contro l'umanita'. Ogni essere umano ha diritto alla vita, alla dignita', alla solidarieta'. Salvare le vite e' il primo dovere".
    6 agosto 2019 - Redazione PeaceLink
  • Nove cose da fare subito
    Migranti
    Migranti

    Nove cose da fare subito

    Sta per essere votato in Parlamento il decreto voluto da Salvini. Ecco cosa puoi fare tu.
    3 agosto 2019 - Peppe Sini
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.27 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)