Disarmo

RSS logo

Mailing-list Disarmo

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Disarmo

...

Articoli correlati

  • E lo Stato Italiano disse: "NO MUOS"
    Il sistema di comunicazione satellitare militare statunitense MUOS posto sotto sequestro

    E lo Stato Italiano disse: "NO MUOS"

    A Niscemi, a sud della Sicilia, la magistratura ha sequestrato l'impianto militare che sorge in violazione delle leggi dello Stato. E' la straordinaria vittoria di un movimento che ha saputo tenere assieme la tutela della legalità e la visione della nonviolenza.
    14 marzo 2016 - Alessandro Marescotti
  • Niscemi - agosto No Mous. Campeggio al presidio e manifestazione

    Niscemi - agosto No Mous. Campeggio al presidio e manifestazione

    Dal‭ 6‭ al‭ 9‭ agosto‭ 2015‭ Campeggio Estivo Antimilitarista,‭ Antimperialista, Pacifista presso il Presidio Permanente No MUOS in Contrada Ulmo a Niscemi
    8 agosto 2015 - Rossana De Simone
  • Ora liberateci dal MUOS

    Ora liberateci dal MUOS

    8/14 luglio:prima settimana dell'estate di lotta contro la militarizzazione della Sicilia
    8 luglio 2013 - Coordinamento regionale dei comitati No MUOS
  • MUOS, le carte segrete. "Io faccio Ponzio e tu Pilato"
    Italia a stelle e strisce

    MUOS, le carte segrete. "Io faccio Ponzio e tu Pilato"

    Un prefetto, un diplomatico degli Stati Uniti d’America e una sfilza di generali e ammiragli. E un ministro della guerra e un viceministro degli esteri. Forse persino una talpa dell’Ambasciata Usa in un prestigioso istituto pubblico d’Italia. Tutti insieme appassionatamente per individuare una strategia che consenti alle forze armate statunitensi di aggirare lo stop ai lavori d’installazione del terminale MUOS nella riserva naturale di Niscemi.
    18 giugno 2013 - Antonio Mazzeo
Sicilia

Basi Usa in Italia, il caso Sigonella

La demilitarizzazione di Sigonella dovrebbe e potrebbe essere un obiettivo concreto dei movimenti contro la globalizzazione capitalistica e per la pace, ma gli obiettivi concreti sono più difficili di quelli generici che si possono rivendicare anche in grandissime, pur sempre utili, manifestazioni.
6 luglio 2004 - Valentino Parlato
Fonte: Il Manifesto

La passione del volo, nel segno di Sigonella

Niente ponte sullo Stretto: ai siciliani va di volare. E i militari americani...
Il peso negativo della grande base aerea americana nella Sicilia orientale incide su tutta l'organizzazione del trasporto aereo civile e sulla vita stessa della regione. Bombe atomiche, inquinamento, drammatici sprechi di energia e d'acqua. Nonche' mafia a volonta' Ma per gli Usa e' un grande investimento

Il ponte sullo Stretto non appassiona i siciliani. Unirsi alla Calabria e al resto dell'Italia non corrisponde allo spirito, direi ebraico-cosmopolita, che caratterizza i siciliani, che nella loro diaspora restano sempre eguali. C' e' invece un innamoramento per il trasporto aereo, al punto che il presidente dell'Enac (Ente nazionale aviazione civile) afferma che " per lo sviluppo non serve un aeroporto per ogni campanile " Di fatto il trasporto aereo in Sicilia e' in continua crescita e si concentra soprattutto nell'aeroporto di Fontanarossa, a Catania, che dopo Roma e Milano e' il terzo aeroporto d'Italia e dove nei primi cinque mesi di quest'anno sono transitati quasi due milioni di viaggiatori con un incremento del 15 per cento rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso.

La soluzione semplicissima

In questa situazione e con queste prospettive di crescita viene avanti la proposta (piuttosto propagandistica) di costruire un aeroporto intercontinentale nella piana di Catania.

La soluzione - se non vivessimo ormai nel mondo della guerra - sarebbe semplicissima, come ha scritto Nicola Cipolla: " la smilitarizzazione della base di Sigonella e la sua consegna all'autorita' civile perche' si realizzi un complesso organico aeroportuale Sigonella-Fontanarossa " Lo scalo aeroportuale di Sigonella vale quanto e forse piu' di Fiumicino: tutti i problemi sarebbero risolti e le aspirazioni dei siciliani soddisfatte. Ma, appunto, viviamo in clima di guerra permanente e non solo non c' e' la possibilita' di usare Sigonella, ma al contrario Sigonella e' di ostacolo al trasporto aereo civile.

L'ostacolo, benche' noto, va ricordato e si chiama radar. In tutta Italia (ma anche in tutti gli altri paesi) gli aerei sono accompagnati dal decollo all'atterraggio da una guida radar civile, ma questo non vale per l'aeroporto di Fontanarossa (per importanza il terzo aeroporto italiano). A 150 chilometri da Sigonella gli aerei civili escono dalla rete di radar nazionale ed entrano in quella militare (americana) che li accompagna, quando non ci sono emergenze militari, fino a due chilometri dall'aeroporto; per questi due ultimi o piu' delicati chilometri il volo va a vista e se il pilota non e' sicuro, per comprensibile e ragionevole prudenza non atterra a Fontanarossa, ma a Punta Raisi o altrove. Se poi il pilota e' audace cresce il rischio... dei passeggeri.

Ma se quella di Sigonella era una spes contra spem, per i siciliani e' praticamente tramontata anche la speranza di un aeroporto civile a Comiso, gia' base missilistica degli Usa. Il capitano di vascello Timothy Lee Davison, comandante della base aeronavale di Sigonella, in una intervista rilasciata a un quotidiano siciliano ha fatto intendere che le forze armate Usa, data la crescente importanza del Medio Oriente, vogliono riprendersi (o comunque non cedere mai) Comiso.

Il punto e' che e' finita la guerra fredda, ma forse - come scrive Mario Pirani - e' cominciata la terza guerra mondiale e, certamente, si e' spostato il fronte: dal nord-est al sud-est dell'Europa. Cosi il Comando delle forze navali Nato e' stato trasferito da Londra a Napoli, cosi' Taranto ?diventata la prima base aeronavale della Nato, cosi' gli americani vogliono riprendersi Comiso e potenziare ulteriormente la gia' potentissima base di Sigonella.

E' sempre il comandante Davison ad affermare: " Sigonella e' una base molto importante per la Marina americana, e' una base strategica, e quindi il processo di ampliamento degli stanziamenti decennali andra' avanti. Questa e' una base che durera' a lungo " Vale ricordare che la storia di Sigonella comincia nel 1956, quando gli Stati uniti progettarono di realizzare in Sicilia una base per l'aviazione della Us Navy.

Disturbi al traffico? sciocchezze

Stando cosi le cose, si e' costretti a dire che i seri disturbi che Sigonella provoca al traffico aereo civile sono una sciocchezza rispetto ai danni e ai pericoli di questa base, che e' una vera bomba atomica (a Sigonella ci sono effettivamente anche ordigni nucleari, di qualita' e in quantita' imprecisate) collocata in Sicilia, una bomba che fa danni e che potrebbe anche scoppiare. E tutto questo senza che i siciliani e gli italiani (parlamento compreso) sappiano qualcosa. Pochi italiani sanno di Sigonella e molti di loro si ricordano solo dell'atto di coraggio di Bettino Craxi, quando mando' al diavolo l'amico americano a conclusione della drammatica vicenda del sequestro della Achille Lauro .

Se volete saper bene che cosa e' Sigonella dovete cercare sul sito internet del Cepes di Palermo l'ottimo studio di Antonio Mazzeo, ricercatore all'universita' di Messina. Provo a riassumerne alcuni passaggi.

1) Sigonella rappresenta il secondo programma al mondo di investimenti in infrastrutture compiuto dalla Marina militare Usa: 675 milioni di dollari da spendere nel quadriennio 2004-2007. E' un cantiere permanente dove le imprese (spesso in odor di mafia) lavorano in condizioni di extraterritorialita' cioe' al riparo di tutte le leggi italiane.

2) Sigonella e' una base di mercato nero per il carburante e per una quantit?di altre merci che arrivano in condizioni di duty free. Ovviamente un'altra fonte di corruzione e guadagni illeciti viene dalla gestione ecomafiosa dei rifiuti.

Spreco di energia

3) Sigonella e' una base che spreca acqua e divora energia. Il consumo annuo della base e' di oltre 976 milioni e 530mila litri di acqua e l'assorbimento di energia elettrica e' di oltre 4 milioni di dollari l'anno.

4) Sigonella e' la piu' attrezzata base di intervento militare nel Mediterraneo e dintorni. Dal 1984 la base ospita l'Helicopter Combat Squadron Four HC-4 Black Stallion, l'unico della Marina statunitense dotato di nove elicotteri pesanti MH-53E Sea Dragon (i piu' grandi delle forze armate) per il trasporto di uomini, mezzi e munizioni. Lo squadrone assicura il sostegno alle operazioni militari Usa in Europa, Africa e Medio Oriente e garantisce il ponte aereo con le portaerei in navigazione nel Mediterraneo e nel Mar Rosso. Sempre il medesimo squadrone e' stato impegnato nelle operazioni in Afghanistan e in Iraq. Durante la guerra all'Iraq sono atterrati a Sigonella dodicimila aerei che hanno trasportato oltre 29mila militari.

5) Sigonella ha un ruolo fondamentale nello stoccaggio e manutenzione di testate e munizioni per le unita' della VI Flotta e i reparti dell'aviazione Usa e Nato. In questo stoccaggio sono comprese le testate atomiche e non solo quelle antisommergibile.

Il numero delle testate nucleari ospitate a Sigonella cresce nei periodi di esercitazioni o di crisi internazionale. Periodicamente vengono depositate a Sigonella anche testate nucleari del tipo B 43, B 61, B 83, con potenza distruttiva variabile da 1 kiloton a 1,45 megaton.

Queste informazioni - tutte riprese dallo studio di Antonio Mazzeo - stanno a significare molte cose. Innanzitutto che nell'attuale situazione di guerra permanente la Sicilia e i suoi abitanti sono in prima linea ed esposti a tutti i rischi conseguenti. In secondo luogo che la legalita' gia' difficile in Sicilia, qui e' messa sotto i piedi: i militari Usa si ritengono legibus solutis e storicamente - qualcuno si ricorda di Lucky Luciano ai tempi dello sbarco Usa in Sicilia? - si sono serviti del sistema mafioso, favorendolo; e poiche' Sigonella e' un cantiere che non chiude mai, gli intrecci mafiosi fioriscono e proliferano. Siamo al peggio, in una Sicilia piuttosto malridotta anche nella sua cultura.

Straordinarie lotte per la pace

Venti anni fa questa regione fu luogo di straordinarie lotte per la pace e contro la base missilistica di Comiso. E queste lotte ebbero successo. Oggi la situazione sembra molto diversa e piuttosto deteriorata. Ci sono tante proteste, ma manca un forte movimento per la demilitarizzazione di Sigonella. La crisi della societa' siciliana e dei partiti di sinistra pesa. E poi non dimentichiamo che vent'anni fa c'era ancora un compagno come Pio la Torre, che di quelle lotte fu protagonista; adesso poi se n'e' andato anche Tom Benettollo, un altro protagonista di allora. La demilitarizzazione di Sigonella dovrebbe e potrebbe essere un obiettivo concreto dei movimenti contro la globalizzazione capitalistica e per la pace, ma gli obiettivi concreti sono pi?difficili di quelli generici che si possono rivendicare anche in grandissime, pur sempre utili, manifestazioni.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)