Disarmo

Lista Disarmo

Archivio pubblico

Il giovane era ricoverato a Pesaro nel reparto del professor Guido Lucarelli

“Riesumate la salma di mio figlio”. Troppi misteri sulla morte di un soldato

Il caso di Lorenzo Miccoli. Il padre chiede altri esami per capire le cause del decesso e presenta una denuncia-querela.
21 luglio 2004
L. M.

Da dieci anni viaggia su e giù per l’Italia, da Fragagnano, nelle profonde Puglie, a Pesaro e ovunque ritenga possa essere utile per chiedere giustizia. Aveva un’impresa e l’ha venduta, ora è disoccupato e spiega di avere anche difficoltà a tirare avanti, ma non s’arrende e continua a chiedere giustizia. Per farlo, è anche disposto, e lo ha fatto, a chiedere la riesumazione della salma del figlio Lorenzo, a ormai dieci anni dalla morte. Non tutti lo farebbero. Lui lo ha fatto.

Lo chiede, se è il caso alzando timidamente la voce, che arriva dal profondo dell’anima. Lui è Francesco Miccoli, anzi Miccoli Francesco, come si presenta e come è scritto nella prima pagina dell’atto di denuncia-querela e contestuale istanza di riapertura di indagini ai sensi dell’articolo 414 del codice di procedura penale. Un atto presentato ieri mattina alla Procura della Repubblica di Pesaro, nella speranza che possa essere accolto per “fare giustizia”. Lorenzo Miccoli è morto a Pesaro, il 2 marzo 1995. Era arrivato in città il 12 luglio 1994 per prestare servizio militare di leva presso il 28° Reggimento fanteria “Pavia”, nella caserma Cialdini. Il 6 febbraio 1995 il giovane veniva ricoverato nell’ospedale San Salvatore per “sospetta anemia”. In realtà aveva una “leucemia acuta linfoblastica di tipo Pre - B”.

Francesco Miccoli racconta con voce bassa e grande tensione morale che la morte di Lorenzo non è dipesa da quella leucemia.

Per questo, sostenuto dall’avvocato Francesca Conte, che ha eletto suo domicilio presso lo studio dell’avvocato pesarese Roberto Brunelli, chiede che la Procura riapra l’inchiesta.

“Dopo dieci anni sono riuscito a trovare un perito, professore all’Università di Bari, che sostiene che anche fra un secolo è possibile fare analisi tossicologiche e riscontrare se nel corpo del povero Lorenzo ci siano tracce di farmaci che ne avrebbero provocato la morte, come sostenuto a suo tempo da due periti dell’ospedale Sant’Orsola di Bologna, che hanno sottoscritto che il povero Lorenzo è morto, appunto, causa farmaci o infezione virale...”.

Da dieci anni la famiglia Miccoli è alla ricerca della verità.

“Ma adesso, dopo la sentenza della Corte d’appello di Ancona che ha condannato il professor Guido Lucarelli, primario del reparto dove venne ricoverato Lorenzo, sono fiducioso che la magistratura dica sì alla riapertura delle indagini. E’ la sola ragione di vita che accompagna i miei giorni e quelli della mia famiglia. Spero che la Procura di Pesaro dia una svolta. Per questo sollecito la riesumazione del corpo di mio figlio”.

L.M. - 21/7/2004

Note: Approfondimenti

Nuove ipotesi sulla morte di Lorenzo Miccoli
http://ilmessaggero.caltanet.it/view.php?data=20040721&ediz=14_PESARO&npag=33&file=C.xml&type=STANDARD

L' Angesol (Associazione nazionale genitori dei soldati) chiede giustizia
http://www.smilecity.it/article.php?sid=468

Il sito di Lorenzo Miccoli (in fase di realizzazione)
http://www.laveritadelsoldatolorenzomiccoli.it

Articoli correlati

  • A Taranto il film “Mittal, il volto nascosto dell’Impero”, dibattito con Edouard Martin
    Taranto Sociale
    Il 14 novembre sarà presentato e moderato da Alessio Giannone alias Pinuccio

    A Taranto il film “Mittal, il volto nascosto dell’Impero”, dibattito con Edouard Martin

    Edouard Martin - una figura centrale del documentario di Jérôme Fritel - sarà presente alla proiezione. Lavoratore siderurgico e poi sindacalista di CDFT, è stato l’icona della lotta operaia dei siti ArcelorMittal in Francia.
    26 ottobre 2019
  • Mittal, il film
    Cultura
    Davanti ai cancelli del cimitero la gente si è accalcata per vedere la storia di Mittal

    Mittal, il film

    Ieri a Taranto è stato un successo la proiezione del film "Mittal, il volto nascosto dell'Impero". Ne emerge una scalata industriale e finanziaria implacabile. Il regista fa emergere da questa storia di globalizzazione un'immagine predatoria che non fa ben sperare per il futuro di Taranto
    18 settembre 2019 - Alessandro Marescotti
  • Una figlia racconta l'amore per la terra di suo padre che poi ha dovuto combattere la diossina
    Taranto Sociale
    Per qualcuno l'amore per la terra è una vocazione

    Una figlia racconta l'amore per la terra di suo padre che poi ha dovuto combattere la diossina

    Don Angelo Fornaro è il proprietario della Masseria Carmine, una delle sette danneggiate dalla diossina. E' presente a tutte le udienze del processo "Ambiente svenduto" che deriva anche da un suo esposto. Il 13 luglio 2019 ha compiuto 85 anni e sua figlia ha voluto raccontare la sua storia.
    21 luglio 2019 - Rosanna Fornaro
  • "La salute non è d'acciaio. Il caso ILVA"
    Ecologia
    Peacelink Common Library

    "La salute non è d'acciaio. Il caso ILVA"

    Questa tesi di laurea di Nicola Petrilli è aggiornata agli ultimi eventi che hanno caratterizzato la fabbrica dopo l'avvento del governo "giallo-verde". Viene analizzata la società civile tarantina e i suoi "cittadini reattivi", mettendo in luce le difficoltà di ArcelorMittal a Taranto
    8 luglio 2019
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.29 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)