Disarmo

Lista Disarmo

Archivio pubblico

I cittadini non possono esprimensi sulla presenza in Sardegna di basi militari straniere con armamento nucleare

Niente referendum sul rischio atomico in Sardegna

A stabilirlo è l'Ufficio Regionale del Referendum che ha dichiarato inammissibile la richiesta di referendum consultivo, dopo la bocciatura della Corte Costituzionale avvenuta nel lontano 1988 sugli stessi argomenti. L'Ufficio regionale ha infatti ritenuto che anche dopo la riforma del Titolo V della parte seconda della Costituzione questi argomenti rimangono riservati alla legislazione esclusiva dello Stato, annullando di fatto il nuovo referendum.
12 agosto 2004
Sardegna oggi

CAGLIARI - L'Ufficio regionale del Referendum ha dichiarato inammissibile la richiesta di referendum consultivo sulla presenza in Sardegna di basi militari straniere con armamento nucleare. La decisione è stata pubblicata sull'ultimo Bollettino della Regione. La delibera è stata data dopo la comunicazione ricevuta dalla Cancelleria della Corte d'appello di Cagliari del 4 maggio scorso. Il referendum chiedeva: “Siete contrari alla presenza in Sardegna di basi militari straniere, comunque istituite, atte ad offrire punti di approdo e di rifornimento anche a navi e sommergibili a propulsione nucleare o con armamento nucleare?”.

Alla domanda i Sardi, però, non potranno rispondere così come accadde nel 1988 quando vennero indette consultazioni popolari sugli stessi quesiti. In quell'occasione il Governo sollevò un conflitto di attribuzioni: per consultazioni con quesiti relativi a materie non comprese nella sua competenza e cioè relativi a rapporti internazionali ed alla difesa della patria. All'epoca venne chiesto l'annullamento degli atti impugnati e la Coste Costituzionale accolse il ricorso del Governo ed annullò il Decreto del Presidente della Giunta regionale dichiarando che “non spettava alla Regione Sardegna indire i suddetti referendum”.

Ora l'Ufficio regionale ha ritenuto che il nuovo referendum, che tratta dello stesso argomento, sia inammissibile “per le stesse ragioni poste a fondamento della pronuncia della Corte Costituzionale”. Infatti anche dopo la riforma del Titolo V della parte seconda della Costituzione questi argomenti rimangono riservati alla legislazione esclusiva dello Stato.

Note: Su La Nuova Sardegna
http://www.lanuovasardegna.quotidianiespresso.it/giornalilocali/nuovasardegna/detail.jsp?idCategory=731&idContent=785022
si legge:

E' stata dichiarata inammissibile dall'Ufficio regionale del Referendum la richiesta di referendum consultivo sulla presenza in Sardegna di basi militari straniere con armamento nucleare. In particolare il quesito chiedeva: "Siete contrari alla presenza in Sardegna di basi militari straniere, comunque istituite, atte ad offrire punti di approdo e di rifornimento anche a navi e sommergibili a propulsione nucleare o con armamento nucleare?".

I Sardi non potranno rispondere alla domanda, così come accadde nel 1988 quando vennero indette consultazioni popolari sugli stessi quesiti. In quell'occasione il Governo sollevò un conflitto di attribuzioni e chiese l'annullamento degli atti impugnati. La Corte Costituzionale accolse il ricorso perché "non spettava alla Regione Sardegna indire i suddetti referendum".

---

Altre informazioni

Si alza il grido contro le basi militari
http://www.sardegnaogginews.it/notizie.php?notizia=3392

Articoli correlati

  • Emergenza nucleare, ecco l'opuscolo distribuito a Bruxelles e che andrebbe distribuito anche nei porti italiani a rischio nucleare
    Disarmo
    Saranno mostrate ai giornalisti le compresse di ioduro di potassio in caso di incidente atomico distribuite gratuitamente nelle farmacie di Bruxelles

    Emergenza nucleare, ecco l'opuscolo distribuito a Bruxelles e che andrebbe distribuito anche nei porti italiani a rischio nucleare

    Abbiamo tradotto i punti salienti dell'opuscolo belga. Domani questo opuscolo sarà presentato a Taranto in una conferenza stampa sul rischio nucleare collegato al transito di unità militari a propulsione nucleare, essendo Taranto un porto soggetto a tale eventualità.
    26 marzo 2018 - Associazione PeaceLink
  • Conferenza stampa sul rischio nucleare
    Taranto Sociale
    PeaceLink scrive al Prefetto

    Conferenza stampa sul rischio nucleare

    Richiesta l'informazione della popolazione sulla base della normativa vigente e anche la distribuzione di compresse di ioduro di potassio a protezione della tiroide in caso di emergenza nucleare, così come avviene a Bruxelles e nel Belgio
    27 marzo 2018 - Associazione PeaceLink
  • Disarmo
    Georeferenziazione su Google Maps

    Mappa della basi militari in Italia

    Abbiamo provato a fare una mappa delle basi militari su Internet. Su PeaceLink la stiamo costruendo e chiunque voglia collaborare può scrivere a volontari@peacelink.it in modo da segnalare nuove informazioni e basi da inserire
    Associazione PeaceLink
  • La libertà al tempo della guerra totale
    Disarmo

    La libertà al tempo della guerra totale

    alla domanda se il mondo è un posto più pericoloso di quanto lo fosse durante la Guerra Fredda, ha risposto che stiamo vivendo una seconda età delle armi nucleari
    14 gennaio 2015 - Rossana De Simone
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)