Ecodidattica

L'inferno dei viventi

25 febbraio 2016

Fabbrica dei morti la chiamavano  Cokeria ILVA


esposizione operaia 
a ustioni 
a esalazioni nocive 
a gran masse di acciaio fuso 
‎ 
esposizione operaia 
a elevatissime temperature 
su otto ore solo due ne intasca l'operaio 
‎ 
esposizione operaia 
a materiali proiettati 
relazioni umane per accelerare i tempi 
‎ 
esposizione operaia 
a cadute 
a luci abbaglianti 
a corrente ad alta tensione 
quanti MINUTI-UOMO per morire? 


E non si fermano MANI di aggredire 
ININTERROTTI che vuota le ore 
al CORPO nuda afferrano 
quadranti, visi: e non si fermano 
guardano GUARDANO occhi fissi: occhi mani 
sera giro del letto 
tutte le mie notti ma aridi orgasmi 
TUTTA la citta dai morti VIVI 
noi continuamente PROTESTE 
la folla cresce parla del MORTO 
la cabina detta TOMBA 
tagliano i tempi 
fabbrica come lager 
UCCISI


Passeranno i mattini 
passeranno le angosce 
non sarà così sempre 
ritroverai qualcosa

 

Luigi Nono

La fabbrica illuminata

Note: Per approfondimenti
Luigi Nono "La fabbrica illuminata" http://www.luiginono.it/it/luigi-nono/opere/la-fabbrica-illuminata
https://www.youtube.com/watch?v=yzcAzCEtAbs
http://www.antiwarsongs.org/canzone.php?lang=it&id=39521
Composta nel 1964 per il concerto inaugurale del premio Italia non fu in quell’occasione eseguita, ‎perché censurata dalla direzione della RAI a causa dei testi fortemente politicizzati e ritenuti ‎offensivi nei confronti del Governo.
Prima esecuzione pubblica alla Biennale di Venezia del 1964 (Carla Henius, mezzosoprano e Coro ‎della RAI di Milano diretto da Giulio Bertola, con lo stesso Nono alla regia del suono) e dedicata ‎agli operai della Italsider di Genova, nei cui stabilimenti il maestro si recò di persona per registrarne ‎i rumori sulla base dei quali scrisse la partitura.‎

-- I dati della perizia sull'Ilva di Taranto (dott. Francesco Forastiere, per conto del GIP Todisco) --

Gli operai che hanno lavorato negli anni ' 70-' 90 hanno mostrato, un eccesso di mortalità per patologie tumorali; in particolare per tumore dello stomaco (+107%), della pleura (+71%), della prostata (+50%) e della vescica (+69%). Tra le malattie non tumorali sono risultate in eccesso le malattie neurologiche (+64%). Si apprende inoltre che la morte non ha risparmiato i lavoratori con la qualifica di impiegato, tra i quali è stato riscontrato un eccesso di mortalità per tumore della pleura (+153%) e dell'encefalo (+111%).

---

"Il 70 per cento della popolazione italiana ha competenze ritenute al di sotto del minimo indispensabile per vivere e lavorare nel ventunesimo secolo".
Internazionale
http://archivio.internazionale.it/news/italia/2013/10/09/litalia-che-non-sa-leggere-e-far-di-conto

---

Charles Dickens
COKETOWN
http://www.andytonini.com/area-progetto-sicurezza/rischio3/coketown_ing.htm


---

Silvano, il suicidio di un operaio

http://tinyurl.com/j6aamms

---

The Wall
https://www.youtube.com/watch?v=YR5ApYxkU-U

Articoli correlati

  • Martina: "Io, come tanti altri giovani, voglio scendere in campo."
    Taranto Sociale
    Taranto non si arrende!

    Martina: "Io, come tanti altri giovani, voglio scendere in campo."

    Durante la conferenza stampa per Fiaccolata per le vittime dell'inquinamento del 26 febbraio Martina: "L’appello che però lancio agli adulti, è quello di prendere coscienza e superare ogni divisione. Noi abbiamo bisogno del vostro esempio. Voi avete bisogno della nostra voglia di cambiare il mondo."
    15 febbraio 2020
  • Per la salute e contro l'inquinamento in piazza a Taranto il prossimo 26 febbraio
    Ecologia
    E' prevista una fiaccolata

    Per la salute e contro l'inquinamento in piazza a Taranto il prossimo 26 febbraio

    ArcelorMittal ha espresso l'intenzione di andare via da Taranto perché non produce profitti ma solo ingenti perdite. E' il momento opportuno per scendere in piazza e chiedere il fermo dei vecchi impianti ILVA che provocano un rischio sanitario inaccettabile, come documentato dalla VIIAS
    7 febbraio 2020 - Associazione PeaceLink
  • La decisione di forzare ArcelorMittal a produrre è in contrasto con la sentenza della CEDU
    Editoriale
    Lettera al presidente del Consiglio

    La decisione di forzare ArcelorMittal a produrre è in contrasto con la sentenza della CEDU

    Lo Stato italiano ha scelto di esporre migliaia di cittadini inermi a un inquinamento che la scienza definisce "non accettabile". La valutazione predittiva dei danni sanitari futuri (la VIIAS, Valutazione Integrata di Impatto Ambientale e Sanitario) considera pericolosa l'attuale produzione.
    6 febbraio 2020 - Associazione PeaceLink
  • I bambini di Taranto
    Editoriale
    Incontro con Fulvia Gravame (PeaceLink)

    I bambini di Taranto

    Se ne parla oggi nella Tenda della Pace di Borgosatollo (Brescia). Al centro la grave situazione di inquinamento ambientale del quartiere Tamburi, accanto al quale sono sorte negli anni Sessanta le ciminiere di quello che diventato più grande centro siderurgico d'Europa.
    24 gennaio 2020 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.32 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)