Ecodidattica

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Agenda ONU 2030 ed educazione allo sviluppo sostenibile
    Corso sulla cittadinanza globale per docenti

    Agenda ONU 2030 ed educazione allo sviluppo sostenibile

    Il 4 settembre 2018 comincerà a Taranto un corso di formazione docenti con la sigla ICG2. Ci si può iscrivere andando sulla piattaforma del MIUR sofia.istruzione.it
    30 maggio 2018 - Alessandro Marescotti
  • E' ora tradotto in italiano ed è allegato a questa pagina web

    Passaporto europeo per la cittadinanza attiva

    Vi presentiamo un manualetto di trentasei pagine per capire come diventare un cittadino attivo utilizzando tutti di strumenti di partecipazione che l'Europa offre, per tutelare i propri diritti anche in campo ambientale.
    27 gennaio 2016 - Alessandro Marescotti
  • I diritti di partecipazione dei cittadini dalla A alla Z

    Dizionario di democrazia partecipativa

    Il primo obiettivo di questo dizionario è quello di porre nuovamente al centro dell’attenzione
    istituzionale e civile il tema della partecipazione
    Fabiola De Toffol e Alessandra Valastro
  • Come tutelare la salute in fabbrica
    Materiale didattico per i lavoratori

    Come tutelare la salute in fabbrica

    Il d.lgs. 81/2008 prevede che sia il datore di lavoro a predisporre tutte le misure efficaci a proteggere la salute dei lavorato. In base a tale normativa egli "dispone, su conforme parere del medico competente, misure protettive particolari con quelle categorie di lavoratori per i quali l'esposizione a taluni agenti cancerogeni o mutageni presenta rischi particolarmente elevati".
    18 febbraio 2018 - Alessandro Marescotti
La partecipazione dei cittadini come forma della sovranità popolare

Convenzione di Aarhus

La convenzione di Aarhus è un trattato internazionale che ha lo scopo di garantire ai cittadini il diritto alla trasparenza e alla partecipazione in materia ai processi decisionali di governo locale, nazionale e transfrontaliero in ambito ambientale.
4 novembre 2016 - Gianmarco Benegiano (studente 5 AM IISS Righi Taranto)

Convenzione di Aarhus

La Convenzione di Aarhus è un trattato internazionale che ha lo scopo di garantire ai cittadini il diritto alla trasparenza e alla partecipazione in materia ai processi decisionali di governo locale, nazionale e transfrontaliero in ambito ambientale.

 

Gli obiettivi della Convenzione di Aarhus

* Rendere pubbliche le decisioni

* Garantire la partecipazione dei cittadini già prima che vengano prese delle decisioni

Vi è quindi il concetto di sovranità popolare. Principio ribadito nel secondo comma dell'art.1 della Costituzione italiana. La democrazia è di tipo partecipato. 

 

Recepimento della Convenzione di Aarhus

La convenzione di Aarhus è un accordo internazionale (un accordo fra diverse nazioni), ma le convenzioni non sono riconosciute come norme vincolanti negli stati finché non ci sia una legge nazionale che le recepisca. 

La convenzione di Aaurhus è stata firmata nella città danese di Aarhus, il 25 giugno 1998.

Al maggio 2013 è stata ratificata da 45 stati e dall'Unione europea.

In Italia è stata ratificata con la legge n. 108 del 16 marzo 2001.

 

Diritti di partecipazione ambientale dei cittadini

Ci sono sostanzialmente tre step nei processi che possono incidere sull'ambiente (ad esempio un inceneritore o un'antenna telefonica):

* Si presenta il progetto - (fase preliminare)

* Si approva il progetto - (decisione)

* Si avvia il progetto - (lavori di attuazione)

La convenzione di Aarhus prevede che noi possiamo incidere già dal primo step (ovvero dalla presentazione del progetto).

Questa convenzione potrebbe essere importante, ad esempio, per l'installazione delle antenne.

 

VAS (Valutazione Ambientale Strategica)

E' un processo che ha lo scopo di integrare considerazioni di natura ambientale nei programmi di sviluppo, per migliorare la qualità decisionale. L'obiettivo principale della VAS è valutare gli effetti ambientali dei progetti prima della loro approvazione (e durante ed al termine del loro periodo di validità). Altri obiettivi della VAS riguardano sia il miglioramento delle informazioni fornite alle persone sia la promozione della partecipazione pubblica nei processi di pianificazione-programmazione

 

AIA (Autorizzazione Integrata Ambientale)

“L'Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) è l'autorizzazione di cui necessitano alcune aziende per uniformarsi ai principi dettati dalla comunità europea tesi a prevenire e ridurre l'inquinamento. I requisiti di legge devono prevedere il rispetto della direttiva comunitaria 2008/1/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 15 gennaio 2008, così come come modificato dal decreto legislativo 29 giugno 2010, n. 128.”.(Fonte: La Gazzetta del Mezzogiorno)

 

VIA (Valutazione di impatto ambientale)

La valutazione di impatto ambientale è una procedura amministrativa finalzzata ad inviduare, descrivere e valutare gli impatti ambientali di un'opera, il cui progetto è sottoposto ad autorizzazione o approvazione. La valutazione sulla compatibilità ambientale di un determinato progetto è svolta dalla pubblica amministrazione, che si basa sia sulle informazioni fornite dal proponente del progetto, sia sulla consulenza data da altre strutture della pubblica amministrazione, sia sulla partecipazione della gente e dei gruppi sociali.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)