Ecodidattica

Il software Omniscope

Democratizzazione dei dati ambientali

A scuola abbiamo fatto un’esperienza di Ecodidattica con un software di business intelligence realizzato da Antonio Poggi, un esperto del settore che vive a Londra ma che - essendo nato a Taranto - ha pensato di adattare il suo software all’analisi dei dati ambientali.
22 febbraio 2019

Esperienza di gestione dei dati di monitoraggio

Con Google Document quattro miei studenti della 4MM-ME hanno scritto in classe un testo condiviso dopo aver visto come il software Omniscope può gestire i dati ambientali delle centraline Arpa Puglia.

E' un esperimeno di scrittura collaborativa realizzato in un paio di ore nelle quali è stata sperimentata la "dashboard" di questo software di business intelligence.

Abbiamo visto che con tale software online si possono gestire e confrontare i dati con grande rapidità, senza dover fare i calcoli. I calcoli li fa in tempo reale il software, con una rapidità impressionante, liberandoci dalla “fatica matematica” di perdere ore di tempo prima di poter dire se in quell’anno o in quel mese per quel parametro della centralina Arpa è maggiore o minore rispetto ad un punto preso come riferimento. Ad esempio: il mese di gennaio del 2019 è stato peggiore o migliore per il quartiere Tamburi rispetto al mese di gennaio del 2018 per il PM10? E rispetto al triennio 2016-2017-2018?

Disponiamo quindi di uno strumento potente che elabora i dati Arpa su Taranto e li rappresenta con un "cruscotto intelligente" che ci segnala l'inquinamento dell'aria. E' un modo per rendere più fruibili i dati delle centraline ed è anche un esperimento di "democratizzazione ambientale".

Il link che abbiamo consultato è il seguente: https://bit.ly/QualitaAriaTaranto

Qui c'è il lavoro svolto oggi in classe.

Qui ci sono le precisazioni tecniche di Antonio Poggi sul software Omniscope.

Articoli correlati

  • Discorso sulla speranza
    Ecodidattica
    La mia è la voce di una ragazza che crede nella speranza

    Discorso sulla speranza

    Freire scrive: “Senza un minimo di speranza, non possiamo nemmeno incominciare la lotta, ma senza la lotta la speranza non trova appoggio, perde indirizzo e diventa disperazione”. Lo ha scritto nel trattato "Pedagogia della Speranza". Sono qui e sono felice perché ho preso una posizione
    Giulia Gallo
  • La fine di un mondo?
    Sociale
    "Non si vede bene che col cuore". Chissà, forse è proprio questo che la nostra Madre Terra vuole?

    La fine di un mondo?

    ... o la fine del mondo? Un dilemma che può trovare soluzione.
    12 marzo 2020 - Roberto Del Bianco
  • Anticorpi
    Laboratorio di scrittura

    Anticorpi

    E' sofferente la nostra Madre Terra, l'organismo vivente che ci ospita. Ma dagli sconvolgimenti epocali di cui da tempo siamo responsabili e testimoni, forse un accenno di speranza c'è, chissà...
    5 marzo 2020 - Roberto Del Bianco
  • Ecodidattica, prove tecniche di webinar
    Ecodidattica
    Videoconferenze per l'educazione ambientale

    Ecodidattica, prove tecniche di webinar

    Oggi abbiamo testato la piattaforma Jitsi, con cui è possibile collegarci da casa e da scuola. La modalità webinar nasce per far fronte all'aumento delle scuole collegate in rete, spesso distanti fra loro. Jitsi è una piattaforma gratuita e open source che non pone limiti di tempo
    25 febbraio 2020 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.34 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)