Ecologia

RSS logo

Mailing-list Ecologia

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • Conto Corrente Bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Ecologia

...

    Monitoraggi radioattivi "faidate" in Basilicata

    Dove tarda ad arrivare l'autorità pubblica competente giunge la buona volontà di alcune associazioni di cittadini lucani. Hanno realizzato in proprio i primi monitoraggi radioattivi nelle zone sospette di ospitare rifiuti nucleari.
    16 giugno 2005 - Andrea Minini

    Le recenti dichiarazioni di un pentito della 'ndrangheta secondo cui nel 1987 sarebbero state sepolte scorie radioattive e rifiuti tossici in Basilicata hanno trovato immediata risposta da parte delle istituzioni ma anche degli stessi cittadini lucani. Le associazioni ambientaliste NIM, Allelammie e Mp3 di Pisticci si sono recate immediatamente nel posto indicato dal dossier de L'Espresso per effettuare i primi monitoraggi radioattivi non professionali sul posto. La notizia è stata trasmessa dal Tgr Basilicata (edizione 19:30 del 5 giugno 2005) ed è, probabilmente, il primo monitoraggio "fai da te" messo in pratica dalla stessa cittadinanza, allarmata per le possibili conseguenze di tale tipo di inquinamento e in attesa che Regione, Cnr e autorità competenti effettuino le analisi professionali sul posto. Come documenta il filmato del Tgr, il monitoraggio è stato realizzato in vari punti della presunta discarica radioattiva, utilizzando un semplice RadAlert50 di cui si è dotata la NIM (costo 250 euro) a seguito degli eventi di Scanzano Jonico, distante soltanto pochi chilometri dal comune di Pisticci. I monitoraggi puntuali consentono di rilevare la radioattività locale in un raggio di 50 metri e forniscono una prima risposta ai dubbi e alle paure dei cittadini, in attesa di più autorevoli conferme.

    Perché è importante questa notizia? Semplicemente perché dimostra che, con un pò di buona volontà, qualsiasi cittadino può realizzare monitoraggi ambientali di primo livello spendendo pochi euro. I monitoraggi fai da te rappresentano un'anticipazione del lavoro professionale di società specializzate e permettono di avvicinare i cittadini alla tutela del proprio ambiente. Spesso gran parte dei problemi ambientali o pseudo tali nascono dall'asincronia tra rischio e percezione del rischio da parte dei cittadini, ossia non sul rischio oggettivo e scientifico, creando una spaccatura tra scienziati e cittadini.

    Gli apparecchi di monitoraggio radioattivo e di rilevamento dell’elettrosmog sono acquistabili online per poche centinaia di euro. Volendo, tutti possono monitorare il proprio territorio.

    Come dichiarato nel servizio del Tgr la zona citata nel dossier de L'Espresso è ancora accessibile a tutti. Ci auguriamo che la coraggiosa iniziativa privata intrapresa dalle associazioni pisticcesi a proprie spese, sia seguita con sollecitudine dai doverosi rilevamenti tecnico-scientifici delle autorità pubbliche competenti. I cittadini hanno il diritto di sapere le condizioni dell'ambiente in cui vivono ma spetta allo Stato assicurare salute pubblica e legalità.

    Si spera che l'esempio delle associazioni lucane venga seguito da altre associazioni in tutto il territorio nazionale. Ancora una volta, dopo Scanzano Jonico, la Basilicata è costretta ad esser presa come esempio di cittadinanza attiva.

    Note:

    http://www.ecoage.com/monitoraggio-radioattivo-fai-da-te.htm

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)