Ecologia

RSS logo

Mailing-list Ecologia

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Ecologia

...

    La nostra unica casa

    Nella civiltà umana il pianeta ha una risorsa preziosa. Noi non siamo solo una malattia. Dovremmo essere il cuore e la mente del pianeta, non la sua malattia. Prima di tutto, dobbiamo ricordare che siamo parte del pianeta, e che questo pianeta è la nostra unica casa
    17 gennaio 2006 - James Lovelock * (medico, biofisico e chimico, è uno scienziato ambientalista indipendente.)
    Fonte: Fonte: www.nuovimondimedia.com
    17.01.06

    gaia Immaginate una giovane donna poliziotto felice di compiere il suo lavoro; dopodiché immaginatela a dover dire ai membri di una famiglia che il loro bambino disperso è appena stato trovato morto, assassinato in un bosco vicino. Oppure pensate ad un giovane medico, assunto da poco, che deve riferire che la biopsia ha rivelato l’esistenza di una grave metastasi tumorale. I dottori e la polizia sanno che molti accetteranno la cruda verità con dignità mentre molti altri cercheranno, invano, di negarla.

    In entrambi i casi, coloro che devono riportare queste tremende notizie raramente si abituano al loro compito. Alcuni sono terrorizzati da momenti come questi. Abbiamo sollevato i giudici dalla responsabilità di dichiarare la sentenza di morte, ma almeno loro qualche conforto nella loro giustificazione morale lo trovavano. I dottori e la polizia non hanno nessuna possibilità di fuga dal loro compito.

    Questo articolo è il più difficile che io abbia mai scritto, per le ragioni appena esposte. La mia teoria di Gaia vede la terra come un essere vivente che, chiaramente, come ogni entità dotata di vita, può godere di buona salute oppure essere malato. Gaia mi ha reso un medico planetario e io ho preso la mia professione seriamente. Anch’io, adesso, mi trovo nella situazione di dover riferire delle brutte notizie.

    I centri climatici in giro per il mondo – corrispondenti ai laboratori di patologia di un ospedale – hanno riportato le condizioni di salute della Terra. Gli specialisti del clima la considerano estremamente malata, e ritengono che potrebbe presto prendersi una febbre morbosa che potrebbe durare 100.000 anni. Devo dirvi, in quanto membro della famiglia Terra e come parte intima di essa, che voi e soprattutto la vostra civiltà siete in grande pericolo.

    Proprio come fanno gli animali, il nostro pianeta è rimasto in salute per una vita intera: molto più dei tre miliardi di anni della sua esistenza. È proprio una sfortuna che abbiamo iniziato a inquinarlo in un periodo in cui il sole brucia troppo per poterci consolare. Abbiamo fatto prendere a Gaia una febbre pesante, e presto le sue condizioni peggioreranno fino ad assomigliare a un coma. Già altre volte Gaia è arrivata a questo punto ed è stata ricoverata, ma ci sono voluti più di 100.000 anni. Noi siamo sia i responsabili, sia quelli che ne soffriranno le conseguenze. Mentre il secolo avanza le temperature aumenteranno di otto gradi centigradi nelle zone temperate e di cinque gradi centigradi ai tropici.

    Molte aree tropicali diventeranno deserte terre di arbusti, e perderanno la loro funzione regolatrice. A queste aree va aggiunto il 40% della superficie terrestre che abbiamo svuotato per nutrirci.

    Curiosamente, l’inquinamento atmosferico dell’emisfero settentrionale riduce il riscaldamento globale riflettendo la luce solare verso lo spazio. Questo “global dimming” è transitorio e potrebbe scomparire tra qualche giorno – come il fumo di cui è costituito – lasciandoci completamente esposti al calore dell’effetto serra globale. Ci troviamo all’interno di un delirio climatico, casualmente mantenuto freddo dai fumi. Prima che questo secolo finisca miliardi di noi moriranno e i pochi che sopravvivranno vivranno nell’Artico dove il clima resterà tollerabile.

    Avendo fallito nel comprendere come la Terra regoli il suo clima e la sua composizione, abbiamo tentato, agendo come se fosse compito nostro, di regolarli noi. Facendo questo, condanniamo noi stessi alla peggiore forma di schiavitù. Se scegliamo di essere i controllori della Terra, allora diventiamo responsabili nel tenere l’atmosfera, l’oceano e la superficie terrestre nelle giuste condizioni per consentirne l’esistenza. Un compito che troveremo presto impossibile, un servizio che, fino a un poco tempo prima che trattassimo Gaia così male, ci veniva reso gratuitamente da Gaia stessa.

    Per comprendere quanto sia assurdo, provate a immaginare come regolereste la vostra temperatura corporea o la composizione del vostro sangue. Coloro che soffrono di reni conoscono l’infinita difficoltà quotidiana del dover regolare l’acqua, il sale e il consumo di proteine. La stabilizzazione tecnologica della dialisi aiuta, ma non restituisce la salute ai reni.

    Il mio nuovo libro The Revenge of Gaia è uno sviluppo di questi pensieri, ma a questo punto potreste chiedermi perché c’è voluto così tanto per riconoscere la vera natura della Terra. Forse proprio perché la visione di Darwin era così giusta e chiara che c’è voluto tutto questo tempo per digerirla. A suo tempo, poco si sapeva sulla chimica dell’atmosfera e degli oceani, e ci sarebbe stato poco motivo per lui di chiedersi se gli organismi modificassero il loro ambiente naturale o se si adattassero ad esso.

    Se si fosse saputo allora che l’ambiente e la vita erano così strettamente connesse, Darwin avrebbe realizzato che l’evoluzione non riguarda solo gli organismi, ma l’intera superficie terrestre. Avremmo guardato allora alla Terra come se fosse viva, e avremmo saputo che non potevamo inquinare l’aria o utilizzare la pelle del pianeta, le sue foreste e l’ecosistema oceanico come mere risorse di produzione per soddisfare i nostri corpi e rifornire le nostre abitazioni. Avremmo capito istintivamente dell'inattacabile natura degli ecosistemi in quanto parte integrante della Terra vivente.

    Dunque, come dovremmo comportarci? Prima di tutto dobbiamo avere ben chiaro quello che sta avvenendo e capire che abbiamo poco tempo per agire; dopodiché ogni nazione e ogni comunità deve trovare il modo migliore per gestire le proprie risorse al fine di sostenere la civilizzazione per il tempo che hanno a disposizione. La civilizzazione si traduce in energia intensiva e non possiamo fermarla senza provocare un incidente, così abbiamo bisogno della sicurezza di un potente rallentamento. Su queste isole britanniche, siamo abituati a pensare a tutta l’umanità e non solo a noi stessi: il cambiamento ambientale è un fenomeno globale, ma le conseguenze con cui dobbiamo scontrarci sono qui nel Regno Unito.

    Sfortunatamente la nostra nazione è così urbanizzata da somigliare ad una grande città, abbiamo solo pochi acri di agricoltura e di foreste. Siamo dipendenti dal commercio mondiale per il nostro sostentamento; i cambiamenti climatici non permetteranno rifornimenti regolari di cibo e di carburanti dall’estero.

    Potremmo crescere abbastanza da nutrire noi stessi con la dieta della seconda guerra mondiale, ma l’idea secondo cui c’è abbastanza terra da conservare per fare crescere biocarburanti, o essere il luogo di fattorie eoliche, è assurda. Faremo del nostro meglio per sopravvivere, ma sfortunatamente non mi sembra di vedere gli Usa o le emergenti economie di Cina e India predisporre i tagli necessari in tempo, e sono loro la fonte principale di emissioni. Il peggio sta per avverarsi e i sopravvissuti dovranno adattarsi a un inferno climatico.

    Forse la cosa più triste è che Gaia perderà quanto o persino più di noi. Non soltanto si estingueranno interi ecosistemi. Nella civiltà umana il pianeta ha una risorsa preziosa. Noi non siamo solo una malattia. Siamo, attraverso la nostra intelligenza e la nostra comunicazione, il sistema nervoso del pianeta. Attraverso di noi, Gaia ha visto se stessa dallo spazio, e comincia a capire la sua collocazione nell’universo.

    Dovremmo essere il cuore e la mente del pianeta, non la sua malattia. Così lasciateci essere coraggiosi e smettere di pensare soltanto ai nostri bisogni e diritti. Lasciateci capire come siamo stati noi ad aver ferito la Terra, e come siamo noi ad aver bisogno di farci la pace. Dobbiamo farlo adesso, finché siamo abbastanza forti da negoziare, e visto che non siamo solo una folla selvaggia condotta da brutali signori della guerra.

    Prima di tutto, dobbiamo ricordare che siamo parte del pianeta, e che questo pianeta è la nostra unica casa.

    Note:

    Fonte originale: http://comment.independent.co.uk/commentators/article338830.ece
    Tradotto da Alessandro Siclari per Nuovi Mondi Media

    *Ha formulato l'ipotesi che la terra sia un sistema capace di autoregolarsi, un immenso organismo vivente che non rimane passivo davanti a ciò che lo minaccia. Dal punto di vista scientifico, uno degli aspetti più importanti della teoria di Lovelock consiste nel tentativo di innovare la teoria dell'evoluzione: ad evolversi non sarebbero le singole specie ma anche il più grande organismo vivente esistente, il nostro pianeta

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)