Ecologia

RSS logo

Mailing-list Ecologia

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Ecologia

...

    La plastica è entrata definitivamente nella catena alimentare dell'uomo

    Un piatto di pesce e plastica

    24 agosto 2006 - Carlo Petrini
    Fonte: www.lastampa.it
    24.08.06

    L’ennesimo grido d'allarme arriva dagli scienziati riuniti a Erice, dove si svolge la 36ª sessione dei Seminari Internazionali sulle Emergenze Planetarie. La notizia preoccupa, generando timore e senso di impotenza: la plastica è entrata definitivamente nella catena alimentare dell'uomo. I contenitori si trasformano, dispersi nelle acque dei fiumi e dei mari, da oggetti innocenti in micidiali veleni, capaci di contaminare i pesci, entrare nella catena alimentare, rilasciare molecole teratogene, provocare malattie.

    Non è il primo avvertimento né l'ultimo. Ricordo gli autorevoli studi di Silvano Focardi, rettore dell'Università degli Studi di Siena, professore ordinario di Ecologia, docente presso l'Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo. Già nel '91, dopo una ricerca condotta nel Mediterraneo su una vasta morìa di delfini, Focardi aveva concluso che fosse da imputare alla concentrazione di Pcb nell'organismo di questi mammiferi, e al conseguente abbassamento delle loro difese immunitarie. Sono passati quindici anni, e il problema è sempre lì.

    Da tempo la comunità scientifica ci avverte, ogni giorno, che l'ecosistema mondiale è gravemente compromesso dall'attività dell'uomo. Ma chi governa l'economia globale sembra sordo e cieco verso il futuro, considera solo il problema della crescita e del profitto immediato.

    Sono rimasto estremamente colpito dai risultati della ricerca Millennium Ecosystem Assessment presentati nel 2005 da 1300 scienziati internazionali: la maggiore causa di inquinamento e distruzione di ecosistemi e biodiversità è la produzione di cibo.

    Anche questa notizia della plastica che avvelena le acque, e noi stessi, può essere riconducibile al sistema cibo: proviamo a fare caso, aprendo gli scaffali delle nostre dispense, all'imballaggio che riveste gli alimenti, per lo più inutile e dannoso. L'industria alimentare pare soffrire di sindrome da frenesia del packaging: porzioni sempre più piccole, più singole, più inquinanti...

    Adottiamo comportamenti virtuosi, privilegiamo nell'acquisto alimenti senza imballaggi di plastica, rivolgiamoci a chi produce cibo vicino a noi, accorciamo e semplifichiamo la filiera. Nell'attesa che la classe politica mondiale si scuota da un torpore che sta diventando criminale è la società civile ad essere chiamata ad agire prima che la cieca logica del profitto avveleni irrimediabilmente noi e la nostra Terra Madre.

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)