Ecologia

RSS logo

Mailing-list Ecologia

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Ecologia

...

    Chavez scarica la Monsanto

    La coltivazione di piante Ogm sarà vietata su tutto il territorio venezulano
    12 maggio 2004 - Jason Tockman
    Fonte: Green Left Weekly, May 5, 2004.
    www.comedonchisciotte.net


    Il Presidente venezuelano Hugo Chavez Frias ha annunciato che la coltivazione di piante geneticamente modificate sarà proibita su tutto il territorio venezuelano, stabilendo così probabilmente le norme più restrittive in tutto l'emisfero occidentale.
    Sebbene non siano ancora perfettamente noti i dettagli della politica dell'amministrazione riguardo gli organismi geneticamente modificati (OGM), le affermazioni di Hugo Chavez condurranno immediatamente alla cancellazione del contratto che il Venezuela aveva negoziato con la Corporazione Americana Monsanto.
    Prima di un recente raduno internazionale di sostenitori a Caracas, Chavez ha dichiarato che gli OGM vanno contro gli interessi del paese e contro le necessità degli agricoltori e delle aziende agricole del paese. Ha poi continuato l'intervento concentrandosi sui piani della Monsanto di coltivare 500.000 acri di terreno a soia transgenica.
    “Ho ordinato la fine del progetto”, ha detto Chavez.

    Chavez ha quindi sottolineato che la sovranità e la sicurezza sul cibo – come richiesto dalla Costituzione venezuelana – sono alla base della sua decisione. Invece di permettere che questi terreni vengano sfruttati dalla Monsanto per far crescere i suoi prodotti transgenici, questi campi saranno usati per piantare la yuca, un cereale indigeno. Chavez ha inoltre annunciato la creazione di una grande banca del seme al fine di conservare i semi indigeni per i movimenti degli agricoltori di tutto il mondo.

    L'organizzazione internazionale di agricoltori, Via Campesina, che rappresenta più di 60 milioni di lavoratori dell'agricoltura, ha portato il problema all'attenzione dell'amministrazione di Chavez nel momento che stava analizzando il contratto con la Monsanto. Secondo Rafael Alegria, segretario di Via Campesina, sia la Monsanto che la Cargill stanno cercando di ottenere l'autorizzazione per produrre soia transgenica nel paese.

    “L'accordo avrebbe significato una trasgressione dei principi della sovranità alimentare che guida la politica agricola del Venezuela" ha detto Alegria, quando è stato informato della decisione del Presidente "Questo è un fatto molto importante per i contadini e gli indigeni dell'America Latina e di tutto il mondo".

    Alegria ha buone ragioni per sentirsi preoccupato. Accanto ad una lunga storia di problemi sociali e ambientali, la Monsanto si guadagnò presto notorietà con la produzione della sostanza chimica Agent Orange — il defoliante usato durante la guerra in Vietnam e che ha causato aborti, tremori, e perdita di memoria in oltre 1 milioni di persone che ne vennero a contatto. In tempi recenti, la compagnia è sotto accusa per gli effetti collaterali che le coltivazioni transgeniche e l'impiego dell'ormone della crescita bovino provocherebbero sulla salute dell'uomo e sull'ambiente.

    Vicino al Venezuela, le industrie Monsanto hanno prodotto il pesticida "glifosato", che viene impiegato dal governo colombiano come parte del suo Piano Colombia nell'offensiva contro la produzione di coca e i gruppi ribelli. Il governo colombiano impiega uno spray del prodotto, diffuso con aerei su centinaia di migliaia di acri, con la conseguente distruzione di imprese agricole e aree naturali come la foresta pluviale di Putomayo, finendo con il porre una minaccia diretta alla salute umana, e in particolare a quella delle comunità indigene.

    “Se vogliamo ottenere la sovranità alimentare, non dobbiamo contare sulle imprese transnazionali come la Monsanto" ha detto Maximilien Arvelaiz, consigliere di Chavez. "Ma abbiamo bisogno di rafforzare la produzione locale, rispettando la nostra eredità e la nostra diversità".

    Alegria spera che la mossa del Venezuela servirà come incoraggiamento alla altre nazioni ad affrontare positivamente il problema degli OGM.
    “C'è bisogno che il popolo degli Stati Uniti, dell'America Latina, del mondo segua l'esempio di un Venezuela libero dagli OGM" ha aggiunto.


    Note:

    Traduzione a cura di comedonchisciotte.net

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)